Cerca

LibriLibri

Commenti: Vai ai commenti

Pasolini, la carne, il sacro

Cristologia e incarnazione nel cinema pasoliniano degli anni Sessanta

di Dalila Colucci

Qual è l’eredità di Pasolini nel mondo contemporaneo? Secondo Stefania Benini, autrice di Pasolini: The Sacred Flesh (Toronto University Press, 2015), essa risiede nell’importanza assegnata dallo scrittore alla dimensione del sacro. Di quest’ultimo, la studiosa offre un’inedita lettura cinematografica, riconoscendone la qualità materialistica e immanente nel momento definitorio dell’incarnazione: depotenziamento del divino nell’umano, condensato nella scena archetipica della Crocifissione. L’intervista è di Dalila Colucci, dottoranda in studi italiani a Harvard.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter