Cerca

Lingua ItalianaLingua Italiana

Aiuto, c’è la pagella!

Finita la scuola, arrivano i voti: ma come vengono dati? I risultati degli esami finali rispecchiano l'andamento degli studenti nell'anno scolastico? E anche la performance dei loro insegnanti?

Filomena Fuduli Sorrentino, insegna alla South Middle School, ECSD, Newburgh, NY.  Nata e cresciuta in Italia, calabrese, vive  a NY dal 1983. Diplomata alla scuola Magistrale in Italia, dopo aver studiato alla SUNY, si è laureata alla NYU- Steinhardt School of Culture, Education, and Human Development, con un BS e MA in Teaching Foreign Languages & Cultures.  Dal 2003 insegna lingua e cultura italiane nelle scuole pubbliche a tempo pieno e nelle università come Adjunct Professor.  È abilitata dallo Stato di New York all’insegnamento nelle scuole pubbliche delle lingue italiana 1-6 & 7-12, ESL K-12 e spagnola 1-6 & 7-12.

 

L’esame finale e` uno strumento che non solo serve ad esaminare gli studenti ma anche a valutare la competenza degli insegnanti. Sono diversi i fattori che hanno montato una nuova polemica sull’esame finale d’italiano nelle scuole publiche: Uno dei fattori e` l’esame di accesso che in passato veniva usato e considerato dagli insegnanti come sistema giusto ed efficace per conoscere gli studenti e programmare le lezioni adatte al loro livello.  Adesso, invece, l’esame di accesso e` un baseline che serve a confrontare l’esame finale per misurare l’appendimento degli studenti ed evidenziare se l’insegnamento del docente e` stato effettivo durante l’anno.

 

Quanto vale l’esame finale?

Il successo per l’esame finale è una strada percorribile se l’insegnante e` ben organizzato e preparato dall’inizio alla fine senza mollare o arrendersi davanti alle prime difficolta` nel percorso d’istruzione. L’esame finale e` formato in quattro sezioni: Compresione orale; comprensione scritta; compresione di ascolto e comprensione di lettura. Lo scritto e l’orale sono al 100% in italiano con le direzione in inglese, il voto va dato dal docente. La comprensione di lettura e di ascolto sono del tipo multiple choice; 10 delle 60 domande di comprensione sono 100% in italiano e le altre 50 gli studenti devono leggere o ascoltare in italiano e rispondere alle domande mutible choice formulate in inglese.

Questi esami (simili in tutte le lingue) hanno un indicatore valido di performance accademica nel settore degli studi della lingua. Il format di questi esami, creato dal NYSDE, soddisfa gli Standard per lingua straniera del NYS.  http://www.nysedregents.org/loteslp/italian/ (vecchi esami per la scuola media)   http://www.nysedregents.org/Italian/ (vecchi esami secondo anno di liceo usati per pratica).

NYS non fa piu` esami di lingua dal 2010 per mancanza di fondi, quindi gli esami vengono fatti dalle scuole e non sono piu` statali ma locali (fatti dal local BOCES). Prima, tutte le scuole dello stato di NY avevano lo stesso identico e oggettivo esame per tutti gli studenti del NYS, i quali davano l’esame lo stesso giorno e alla stessa ora. Adesso, invece, ci sono piccole varieta` da un istituto all’altro sulle domande, sul giorno e sull’orario dell’esame. In piu` l’esame e` connesso alla competenza e la valutazione dell’insegnante.

L’esame per la terza media (Proficency Examamination) e` giusto e non difficile per gli studenti. Seguendo e studiando durante l’anno si puo’ ottenere un buon punteggio senza difficolta`, anche se ci sono studenti che non passano l’esame per vari motivi. Gli esami di livello piu` avanzato hanno lo scritto e la comprensione di lettura piu` impegnativa ma giustificati al livello e alla preparazione dei ragazzi. L’esame e` standardizzato e oggettivo e misura l’abilita` dello studente. La prova scritta e` fatta di due descrizioni ognuna valutata su una scala da 1 a 5 (per il voto della scrittura e dell’orale il docente deve seguire una “rubric” inclusa nell’esame).

Come si e' sicuri che si danno i voti giusti senza favorire qualche studente a scapito di altri?

Gli insegnanti non possono dare un voto di opinione favorendo qualche studente a scapito di altri perche` il totale delle quattro sezioni dell’esame viene trasmesso su un modolo metodo “ballottaggio” che poi va letto e postato sul record dello studente dal computer, tutto questo sempre sotto la sorveglianza dei presidi e vicepresidi. Gli insegnanti che amministrano e correggono gli esami firmano prima e dopo che gli esami siano stati completati e corretti, questo per togliere qualunque responsabilta` al preside e ai vicepresidi in caso di future polemiche e problemi. Le regole impongono gli insegnanti a non esaminare i propri studenti o correggere i loro esami. Se qualcuno imbroglia la penalita` e` alta; e`successo in alcune scuole, come si e` letto di recente sui giornali. Gli esami finali restano nel record degli studenti conservati e sigillati nella stanza “cassaforte” della scuola. Non si gioca con l’esame finale.  Da questi esami dipende il futuro dei ragazzi!

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter