Cerca

Lingua ItalianaLingua Italiana

Commenti: Vai ai commenti

Renzi sulla lingua italiana nel mondo: serve un racconto diverso

L'intervento a Firenze del Presidente del Consiglio Matteo Renzi agli Stati Generali della Lingua Italiana nel Mondo

matteo renzi lingua italian
Alla vigilia della sua visita alla Casa Bianca da Barack Obama, il Presidente del Consiglio Matteo Renzi ha aperto i lavori degli Stati Generali della Lingua italiana, l'importante convegno che si sta tenendo a Firenze: "E' vero che siamo solo 60 milioni, ma nella graduatoria dei marchi commerciali l’italiano è la seconda lingua utilizzata"

“Con la legge di stabilità abbiamo investito soldi nelle scuole per l’italiano all’estero, ma serve una gigantesca scommessa culturale sul Made in Italy e sulla qualità dell’Italia nel mondo. E’ il racconto di un paese diverso. Che non nega i problemi reali ma tenta di affrontarli per quelli che sono…. Se vogliamo che l’italiano sia studiato, non abbiamo bisogno solo della letteratura italiana. La scommessa sulla cultura deve essere connessa e messa nella cornice di tutto il resto. Che non è soltanto letteratura, ma anche cinema, musica, arte… Serve una cornice che tenga insieme le grandi aziende, le grandi realtà cinematografiche e la cultura in generale”. Così il presidente del consiglio Matteo Renzi ha aperto Gli Stati Generali della Lingua Italiana nel mondo, due giorni di incontri e studi a Firenze.

In riferimento agli italiani che studiano la nostra lingua all’estero, il Presidente del Consiglio ha detto: “È un numero strepitoso (due milioni e 300mila persone nel mondo) ma ancora molto piccolo rispetto agli altri (il paragone con i francesi non regge)… Dove sta allora la chiave di un possibile sviluppo? In un grande investimento sull’Italia nel mondo: è vero che siamo solo 60 milioni, ma nella graduatoria dei marchi commerciali l’italiano è la seconda lingua utilizzata. Questo da una parte implica dei problemi perché si definisce con espressione italiana anche ciò che italiano non è… Nel marchio italiano è contenuta un’evocazione di bello che è positiva dal punto di vista commerciale. È la stessa ambivalenza che è contenuta nella parola crisi, momento di difficoltà ma anche di opportunità…. Il governo c’è, ma tocca a ciascuno di noi fare qualcosa: il mondo ha bisogno di bellezza e chiama l’Italia. Per questo chiedo un aiuto a tutti. La globalizzazione non è un pericolo, è la più grande opportunità che noi abbiamo”.

Poi Renzi ha evocato anche il suo imminente viaggio a Washington. “Domani il nostro Paese è ospite dell’ultima cena di Stato del presidente Obama: è un fatto simbolico, non personale, è il riconoscimento da parte del nostro amato e principale alleato di quanto può essere forte un’amicizia, un rapporto”.

Qui sotto ecco il video con l’intervento del Presidente del Consiglio a Firenze

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter