Cerca

Musica

Il Whitney Museum inaugura la mostra "Jason Moran" dedicata al musicista jazz

Un omaggio ai templi newyorkesi della musica jazz di inizio secolo

In questa iterazione newyorkese, la mostra vede tre installazioni (STAGED) insieme per la prima volta: sono i ‘palchi’ che ricreano le atmosfere di tre jazz club newyorkesi che ormai non esistono più, il Savoy Ballroom, il Three Deuces (lavori creati per la Biennale di Venezia del 2015) e lo Slug’s Salon (originariamente commissionato dal Walker Art center).

di Floriana Frigenti

L'Artista

Velvet Negroni, l’ascesa del pupillo R&B di Kanye West e Bon Iver

Dopo aver offerto la voce nell'album di Justin Vernon, l’artista del Minnesota ha pubblicato il suo secondo album, Neon Brown, per la prestigiosa 4AD

Dalla sua non può dire di non avere il physique du role con quell’aria da veterano navigato del funk, un po’ Prince, un po’ Twin Shadow e ciò lo aiuta certamente a farsi notare nelle prime esibizioni da solista. Il nome, dal fascino retro molto “milano da bere”, deriva da un cocktail, un Velvet Negroni che sarebbe una sorta di neuroni rivisitato, pagato 30 dollari in un bar di Austin. Più del costo è quel sapore ambivalente un po’ bitter, un po’ vellutato del drink a restare impresso nell’immaginario di Jeremy e a convincerlo a scegliere Velvet Negroni come nome d’arte

di Piero Merola

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter