Cerca

MusicaMusica

Le telefonate di Angela

"Caro Obama se potessi dirti addio..."

 

La cancelliera tedesca Angela Merkel continuerà a parlare al telefono nonostante ormai sappia che la National Security Agency (NSA), la più capillare struttura di spionaggio americana, la spia dal 2002 e ha continuato a farlo fino al giugno scorso. "Non si spiano gli alleati" sarebbe così sbottata la cancelliera appena appresa la notizia, e poco importa se il presidente Obama l'ha rassicurata negando le intercettazioni e rendendosi disponibile a controlli serrati sui metodi usati dalla sua intelligence. La Merkel, insieme al 'fido' alleato francese Francois Hollande, sta preparando un codice di buona condotta dello spionaggio da sottoporre agli Stati Uniti in tempi stretti, perché consapevole che non si possono buttare alle ortiche quasi settant'anni di atlantismo fruttuoso. Una canzone di Mina ci viene in mente per questa notizia perché ci fa sorridere pensare che forse in questi giorni, anche Angela Merkel, come la tigre di Cremona, avrà pensato tra sé e sé, 'caro Obama, se potessi dirti addio, certo ti chiamerei'.

Mina – Se telefonando (1966)
http://m.youtube.com/watch?v=uKSuG1LOaYI
Lo stupore della notte 
spalancata sul mar 
ci sorprese che eravamo sconosciuti 
io e te. 
Poi nel buio le tue mani 
d'improvviso sulle mie, 
è cresciuto troppo in fretta 
questo nostro amor. 
Se telefonando 
io potessi dirti addio 
ti chiamerei. 
Se io rivedendoti 
fossi certa che non soffri 
ti rivedrei. 
Se guardandoti negli occhi 
sapessi dirti basta 
ti guarderei. 
Ma non so spiegarti 
che il nostro amore appena nato 
è già finito. 
Se telefonando 
io volessi dirti addio 
ti chiamerei. 
Se io rivedendoti 
fossi certa che non soffri 
ti rivedrei. 
Se guardandoti negli occhi 
sapessi dirti basta 
ti guarderei. 
Ma non so spiegarti 
che il nostro amore appena nato 
è già finito
 

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter