Cerca

SpettacoloSpettacolo

Commenti: Vai ai commenti

Le musiche dei porti sotto le mura di Sant’Agata

L’evento musicale è andato in scena nei giorni di Natale a Palermo

tango-disiu-palermo
Uno scenario suggestivo che racconta il “Tango Disiu”, ovvero una comunità di gente d’arte raccolta intorno all’ispirazione che arriva dai “popoli di mare”: Porta Sant’Agata è lo scenario è perfetto per la “Sunata sutta Natali e Cantu ri l’Ancilu”

Il porto è la metafora della vita; gente che parte e che arriva. Metti un’organizzazione umanitaria internazionale, la Life and life, che ha sede a pochi metri, in via Oreto, a organizzare un evento musicale, da uno dei luoghi più suggestivi e meno apprezzati di Palermo, Porta Sant’Agata, e la chiusura del Natale è fatta. E se, per un attimo, si accantonano i campanilismi tra Catania e Palermo e si onora la patrona della città etnea, Agata, che si festeggia fra pochi giorni, a cui è dedicata questa sontuosa porta, nell’omonima piazzetta a Palermo, nata in periodo normanno per collegare le mura della chiesa accanto Sant’Agata La Pedata, lo scenario è perfetto per la Sunata sutta Natali e Cantu ri l’Ancilu.

“La scelta di questo suggestivo scenario di Palermo, in uno dei quartieri più antichi, non è casuale”, spiegano gli organizzatori, Valentina Cicirello e Arif Houssein. La Life and Life partecipa al bando per le manifestazioni natalizie del Comune di Palermo e organizza due concerti, davanti Porta Sant’Agata e alla Parrocchia Maria Santissima del Carmelo ai Decollati.

“Lo spettacolo presentato da Roberto Oddo – aggiungono gli organizzatori – viene concepito per valorizzare il patrimonio tradizionale musicale natalizio presente in ogni cultura, attraverso una pluralità di suoni e stili differenti. Una mescolanza musicale che vuole celebrare la bellezza e l’unicità di ogni identità culturale all’insegna del rispetto reciproco, dell’unità e della pace”.

Ad aprire la cantante palermitana Maria Corso con la sua straordinaria voce accompagnata da chitarra e piano; lascia quindi spazio a Tango Disiu, la musica dei porti, pensato e orchestrato da quell’eclettico artista musicale che è Francesco Maria Martorana. La sua ispirazione è il luogo dove è nato e cresciuto, Bagheria, ma la formazione artistica e professionale la sperimenta ogni giorno nelle strade del mondo, attraverso centinaia e diversi concerti. Una decina i musicisti, anche con strumenti antichi  e due vocalist straordinarie, Silvia Frittitta e  Valentina Migliore.

“Un Porto di mare, di terra o dell’anima”, racconta Martorana, che si avvale della presenza sul palco di un grande storico della Sicilia, Mariano Lanza, è il luogo d’incontro per eccellenza; un “porto di mare”, per la musica e per la vita, Palermo. E la Sicilia.

Tango Disiu parla di Tango e Desiderio; due cose che solo nell’animo umano hanno patria: siamo artigiani e artisti naviganti, a volte felicemente privi di bussole e smarriti, senza meta.  In ognuno, prima o poi, si incide un disìu, questo o quel desiderio appassionato. Tango Disiu è il nome di una comunità di gente d’arte raccolta intorno all’ispirazione comune che le culture dei “popoli di mare”, le vite delle città di porto del mondo, offrono. Quasi due ore di concerto dagli ancestrali richiami alle origini dell’antropologia musicale.


Ivan Scinardo, grande appassionato di cinema e teatro, è il Direttore della sede Sicilia del Centro Sperimentale di Cinematografia, impegno che non gli impedisce di lavorare all’altra sua grande passione: la scrittura. Giornalista professionista, scrive per  La VOCE di New York di cinema e teatro.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter