Cerca

ArtsArts

Commenti: Vai ai commenti
Visto: 1040

Last Musik: note di sopravvivenza

Al Center for Jewish History la musica dell'Olocausto diventa eterna

last musik
Uno spettacolo di musica e parola per raccontare le storie personali del progetto Last Musik che recupera le partiture musicali ritrovate nei campi di concentramento. La voce è quella di Ute Lemper, accompagnata dal pianoforte di Francesco Lotoro e dal clarinetto di David Krakauer

La storia di un violino e dei personaggi che hanno fatto parte del suo percorso, iniziato in Francia nell’800 e ritrovato, secoli dopo, tra i cimeli di un negozio d’antichità torinese. È una delle vicende personali che compongono il progetto Last Musik, l’organizzazione non profit che dal 2015, si occupa di salvare le partiture musicali ritrovate nei campi di concentramento alla fine della guerra. Durante il viaggio, una fermata: Birkenau, uno dei tre campi principali di Auschwitz, dove i fratelli Enzo e Eva Maria Levy vennero deportati con la loro famiglia dopo essere stati arrestati a Tradate, Varese, il 12 novembre 1943.

Prima di uccidersi gettandosi sul filo spinato, nel giugno 1944, la giovane violinista Eva Maria lascia un ultimo messaggio al fratello e lo affida al suo violino. Scritti su un pezzo di carta, poi incollato alla parete interna dello strumento, la frase “Der Musik Macht Frei” (la musica rende liberi, grammaticalmente sbagliata),  i numeri da prigioniero di Enzo, accompagnati da alcune note musicali e il disegno simbolico di un filo spinato.

last musik

Dopo la liberazione dalla prigionia, nel 1945, il violino torna a Torino sotto il braccio di Enzo per poi venire trovato, decadi dopo, dal collezionista Carlo Alberto Carutti. Rimasto colpito dalla stella di David in madreperla intarsiata sul dorso dello strumento, a Carutti tocca il destino di scoprire ed divulgare il segreto di Eva Maria.

Insieme al pianista compositore e musicologo Francesco Lotoro, per cui i canti e le musiche nati durante la Shoah sono diventati una missione,  il violino è tornato a suonare sul palco del Center for Jewish History in New York la sera del 6 Aprile. A interpretare alcuni dei pezzi ritrovati da Lotoro (17.000 spartiti, dei quali 5.000 sono già stati trascritti e registrati) la voce armoniosa e nel contempo determinata di Ute Lemper.

last musikCori, marce, tanghi, ninnananne, musiche da cabaret e inni religiosi. Vere e proprie orchestre scortavano i prigionieri ai lavori forzati al ritmo di una marcia, rallegravano i pochi momenti quieti, seguivano i condannati alla loro morte.

Lemper, sinuosa cantante, attrice e cabarettista di origine tedesca, ha sposato il progetto e inaugurato il tour Songs for Eternity, apertosi proprio a New York. Ad accompagnare la performance di base teatrale, dove la musica e i filmati di alcuni dei sopravvissuti,  arrivano a  completare o a introdurre le storie personali di alcuni dei protagonisti,  ci sono il pianoforte dello stesso Lotoro, il violino di Daniel Hoffman (uno tra i più grandi esperti di musica yiddish), la fisarmonica dell’argentino Victor Villena e il rinomato clarinetto quasi fiabesco, di David Krakauer.

Lemper passa dal racconto quasi sussurrato alla rivendicazione, spiegando, recitando e a volte pure flirtando con il pubblico che gremiva la sala, lasciando così emergere l’altra voce della vittima, quella chiusa dentro la disperazione e lo sconcerto. Quell’espressione legata alla forza e alla dignità che riesce a far dimenticare per un attimo, l’odio e la crudeltà perpetrati dall’essere umano più fragile, che ha bisogno di ferire, torturare e uccidere per sentirsi forte e importante.

“Questa canzone è stata scritta dalla poetessa Ilse Weber. Durante la sua prigionia, diventò infermiera per prendersi cura dei bambini malati”, spiega Lemper. Di notte, Weber trasformava i suoi versi in ninnananne che faceva cantare a squarciagola ai bambini destinati alle camera a gas, fino a farli rimanere senza fiato e svenire, per far loro soffrire la paura il meno possibile.

last musik

Lo spettacolo va avanti e cambia musica. Lemper, artista straordinariamente versatile, intona un tango insieme ai musicisti: la musica aiuta a liberarsi dal peso di un dolore infinito che non può trovare attenuanti, se non nel profondo dell’essere umano a cui è stato dato, innato, il diritto alla vita. Dall’abisso riemerge il bisogno di dover resistere e la morte viene scalzata dalla speranza di continuare a vivere e magari di riuscire a tornare a casa, di incontrare nuovamente la persona amata, sperando che questa ci stia ancora aspettando.

Joel Levy, il presidente e CEO del Center for Jewish History, si associa (grazie all’intervento di Raffaello Siniscalco) al progetto di Francesco Lotoro e appoggia la campagna  Adopt a Musical Score, per aiutare l’importante eredità, lasciata da chi ha vissuto quei momenti, a non dissolversi al buio della dimenticanza. Il concerto è stato curato e prodotto da Viviana Kasam e Marilena Citelly Francese. Lo spettacolo sarà replicato il 18  e 19 aprile nella sinagoga di Mantova.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter