Cerca

SpettacoloSpettacolo

Commenti: Vai ai commenti

Mostra del Cinema di Venezia: le nostre pagelle prima del Leone

In attesa dei premi ufficiali, le valutazioni della Voce di New York su Venezia74: molti film da premiare, pochi registi bocciati

"First Reformed" di Paul Schrader

Chiude la 74esima edizione della Mostra del Cinema di Venezia e in attesa dei premi ufficiali, ecco i nostri voti ai film in concorso. Molti i titoli da non perdere, pochi i flop, discreto il livello degli italiani in gara e in generale qualità dei contenuti elevata, che ha reso Venezia 74 una delle migliori rassegne degli ultimi anni

Chiude il concorso di Venezia 74, uno dei migliori qualitativamente degli ultimi anni, e ora si attende solo il Leone d’oro, che sarà assegnato, insieme agli altri premi, nella serata di sabato durante la cerimonia di chiusura. Difficile fare pronostici: la cupa rappresentazione dell’America di Paul Schrader in First Reformed o quella irriverente e dolorosa di McDonaugh in Three Billboards Outside Ebbing, Missouri; l’estate d’amore e di vita di Kechiche in Mektoub, My Love: Canto Uno o la favola vintage di Guillermo Del Toro The Shape of Water. O ancora il racconto della New York Public Library del documentario di Wiseman o La villa di Guédiguian.

Ottima, abbondante e ricca di spunti è stata la selezione veneziana di quest’anno, di cui, a premi assegnati, proveremo a tracciare un bilancio e a leggere temi e riflessioni più importanti. Intanto, per puro divertimento e per un pratico colpo d’occhio di quello che è stata la Mostra di Venezia di quest’anno, ci divertiamo a mettere in fila i film secondo i nostri giudizi, da 1 a 5, assegnando quindi il “nostro” Leone. In grassetto, le migliori quattro pellicole: and the winners are…?

  • Human Flow di Ai Weiwei: *
  • Mother! di Darren Aronofsky: **
  • Suburbicon di George Clooney: ** 1/2
  • The Shape of Water di Guillermo del Toro: ****
  • L’insulte di Ziad Doueiri: **1/2
  • La Villa di Robert Guediguian: ****
  • Lean on Pete di Andrew Haigh: ***
  • Mektoub, My Love: canto uno di Abdellatif Kechiche: *****
"Mektoub, My Love: canto uno" di Abdellatif Kechiche

“Mektoub, My Love: canto uno” di Abdellatif Kechiche

  • Sandome No Satsujin di Koreeda Hirokazu: ***
  • Jusqu’à La Garde di Xavier Legrand: **
  • Amore Malavita di Manetti Bros: ***
  • Foxtrot di Samuel Maoz: **1/2
  • Three Billboard outside Ebbing, Missouri di Martin McDonagh: *****
  • Anna di Andrea Paloro: ***
  • Downsizing di Alexander Payne: **
  • Jua Nian Hua di Vivian Qu: ***
  • Una famiglia di Sebastiano Riso: *
  • First Reformed di Paul Schrader: *****
  • Sweet Country di Warwick Thornton: ****
  • The Leisure Seeker di Paolo Virzì: ***
  • Ex Libris – The New York Public Library di Frederick Wiseman: *****

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter