Cerca

SpettacoloSpettacolo

Commenti: Vai ai commenti

Famiglia e segreti: con “A casa tutti bene”, il ritorno di Muccino in Italia

Il regista Gabriele Muccino, dopo 12 anni di lavoro a Los Angeles, riflette sull'ipocrita condizione di una grande famiglia disfunzionale

Una scena del film

Nella presentazione alla stampa Muccino ha spiegato che il suo intento con questa pellicola è infatti quello di raccontare una grande famiglia e allo stesso tempo la società degli uomini, perché la famiglia quando si allarga diventa un villaggio tribale, diventa il Big Ban delle relazioni umane. “Tutto nasce dalla famiglia, tutto converge nella famiglia", ha detto Muccino del suo film

In A casa tutti bene, in sala dal 14 in oltre 500 copie, Gabriele Muccino riflette sulla condizione di una grande famiglia vissuta al riparo di una maschera di ipocrisia fino al momento in cui gli argini si rompono. Per festeggiare e farsi festeggiare sulla stessa isola in cui si era sposata 50 anni prima, Alba raccoglie intorno a se e a suo marito i tre figli Carlo Paolo e Sara, generi e nuore ma anche cugini vicini e lontani, un’anziana zia e nipoti adolescenti.

Ma quando una tempesta impedisce ai traghetti di ripartire, tutti rimangono bloccati sull’isola per tre lunghi giorni. Questa convivenza forzata riaccende e fa esplodere tensioni sopite o anestetizzate dal tempo e lascia emergere irrequietezze, infelicità, frustrazioni, tradimenti e gelosie con cui tutti, condividendo spazio e tempo senza possibilità di fuga, saranno costretti a misurarsi”.

Il cast di “A casa tutti bene”, il nuovo film di Gabriele Muccino (Foto di: Lavinia Pinzari)

Al fianco del regista un gruppo di 14 attori, alcuni molto noti al cinema italiano, come Stefano Accorsi, recentemente visto in Made in Italy, Sabrina Impacciatore,  Claudia Gerini , Stefania Sandrelli, Carolina Crescentini, Pierfrancesco Favino.

Dopo 12 anni di vita e di lavoro a Los Angeles, per il suo ritorno a casa, il regista dell'”Ultimo bacio”, e del delicato “La ricerca della felicità”, non fa mistero di essersi ispirato ai grandi film del passato, come “La Famiglia” di Ettore Scola. Nella presentazione alla stampa Muccino ha spiegato che il suo intento con questa pellicola è infatti quello di raccontare una grande famiglia e allo stesso tempo la società degli uomini, perché la famiglia quando si allarga diventa un villaggio tribale, diventa il Big Ban delle relazioni umane. “Tutto nasce dalla famiglia, tutto converge nella famiglia. E le dinamiche che si collocano, si rinnovano, crescono e confliggono all’interno della famiglia, sono esattamente le dinamiche che convergono nell’animo umano in tutte le sue espressioni”.

Una scena del film

Ma prendiamo Muccino per quel che è. Il suo cinema si crogiola nel sentimentalismo assurdo ed esasperato e nel desiderio di dramma per indagare la complessità dell’animo umano. “Tutti noi possiamo fingere di essere migliori di quello che siamo – dice il regista. “Seguire dei codici di comportamento, regole e buone maniere che guidano le nostre azioni, ma solo per un tempo limitato. Se questo spazio si estende si entra in una zona non protetta in cui le dinamiche di facciata saltano e vengono alla luce quelle delle nostre vere nature che possono portare a conflitti, confronti, esternazioni anche furibonde, ma anche innamoramenti inaspettati».

Il rischio era tuttavia quello di perdersi nel tema trito e ritrito della famiglia disfunzionale. Tolstoj ha già detto tutto sull’argomento con il suo celebre incipit a Anna Kareniana, “Tutte le famiglie felici si somigliano; ogni famiglia infelice è invece disgraziata a modo suo”. E che dire di Wes Anderson che è entrato di prepotenza nell’immaginario collettivo grazie a film su famiglie strampalate, disarmoniche e disastrate.

Al centro della famiglia disfunzionale di Muccino c’è invece un universo di donne emotivamente instabili. Troviamo quelle che straparlano e si accapigliano, quella che dà di matto perché deve confrontarsi con una scomoda “ex” per rivendicare un suo ruolo prioritario, quella che è frustrata e stanca della realtà matrimoniale e ancora quella che si ostina a non volere vedere le evidenti infedeltà del marito.

Ma su tutte c’è Alba, interpreta da Stefania Sandrelli, che nel film è madre, moglie e nonna. Lei è quel tipo di donna a cui se chiedi come riesca a sopportare i tradimenti del marito, risponde “le donne sono fatte per sorreggere il mondo”.  Un eufemismo per dire che le donne sono create per sorreggere gli uomini.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter