Cerca

FoodFood

La vera passatella di New York a colpi di vini israeliani

La folta popolazione ebraica di New York ha di recente festeggiato la Pasqua le cui celebrazioni sono innaffiate di vino, tanto che gira la storiella che la cena di Passover  sia l'originale passatella. Un'occasione ideale per provare gli ottimi vini israeliani (Read in English)

Dal momento che New York City è popolata da una così grande varietà di persone, le festività che vi si celebrano sono tante. Solo un paio di settimane fa, sono state celebrate la Pasqua cristiana e quella ebraica (Pèsach dall'ebraico o Passover, in inglese). La Pasqua è un festa nota, ma quella ebraica non è molto conosciuta dai non-ebrei che non vivono a New York. Tra gli ebrei newyorchesi circola la storiella che la Pasqua ebraica sarebbe la passatella originale per via della quantità di vino che si beve durante questa festa.

Pèsach è una festa religiosa ebraica che, tra le celebrazioni, comprende una cena in cui i partecipanti raccontano la storia di come il popolo ebraico si liberò dalla schiavitù inÔÇïÔÇïEgitto, un paio di millenni fa. Ma ciò che rende questa festa così divertente è che i partecipanti sono tenuti a bere vino in certe parti della storia.

piatto

Il tipico piatto per la cena (seder) di Pesach, diviso in settori, ognuno per uno dei diversi alimenti previsti nel pasto tradizionale

Dal momento che New York City ha una delle più grandi popolazioni ebraiche al di fuori di Israele, la Pasqua è un grande evento in città. Non solo molti ebrei non religiosi celebrano la cena pasquale, ma è anche consuetudine per i non ebrei essere invitati a cene di Passover. Ed è sempre divertente, il giorno dopo, in metropolitana, sentire tutti parlare della loro esperienza della cena pasquale: i canti, il bere, il mangiare, e ancora bere!

Io ho avuto un'infanzia interessante. I miei genitori biologici decisero che in fondo avere figli non era per loro. È una lunga storia e non vi annoierò con i dettagli. Fondamentalmente, a casa mia non si celebravano festività di alcun tipo. Ogni festività che io abbia mai festeggiato è sempre stata a casa di qualche vicino e nonostante i miei ospiti facessero di tutto per farmi sentire parte della famiglia, non riuscivo a non sentirmi un'estranea.E questa è una delle ragioni per cui sono venuta a New York, più di vent'anni fa. Volevo trovare una casa, perché nella zona in cui ero cresciuta non mi sentivo a casa. Questa città è il luogo ideale per chi si senta di non appartenere a nessun luogo e a tutto il mondo. Hai modo di essere partecipe di così tante belle tradizioni.

Credo che questo sia il motivo per cui, da non ebrea, sento questo legame con la storia della Pasqua ebraica. Il popolo ebraico fugge dalla schiavitù in Egitto e vaga nel deserto per molti anni fino a quando trova casa: Israele.

È interessante pensare a Israele, oggi. Quando sono arrivata a New York City, non ne avevo mai sentito parlare. Ovviamente ora so molte cose sul paese. E no, non voglio entrare in una discussione politica: credo sia compito di un altro columnist. Ma è divertente pensare a un paese di cui un tempo non sapevo nulla e che ormai è diventato parte delle mie conversazioni quotidiane. E che ci crediate o no, parte di quelle conversazioni ha a che fare con il vino. Sì, Israele produce vino, e molto buono.

Ho trascorso la mia intera infanzia con la sensazione che dovessi cambiare me stessa per diventare parte del mondo e, dopo molti anni di vita a New York City, mi sono resa conto che avevo semplicemente bisogno di aprirmi al mondo per diventarne parte.

 

I consigli di Cathrine  

vinoPer tutti i giorni (meno di $ 15)

2013 Alfasi Reserva Malbec-Syrah blend, Cile, vino kosher ($11): Voglio includere alcuni dei vini che ho bevuto durante Passover, come questo. I vini kosher non sono altro che vini che sono stati certificati da un ebreo osservante. Un tempo i vini kosher non erano di ottima qualità ma oggi è facile trovarne di alta qualità, un po' in tutto il mondo. Questo Malbec-Syrah è un buon esempio di blend cileno. Sentore di prugne e una punta di spezie.

Per le occasioni speciali (tra $15 e $50)

2012 Tzora, Single Vineyard Neve Ilan Blanc, Judean Hills, Israele, vino kosher ($34): Un bianco 100% Chardonnay. La cantina Tzora fa ottimi rossi per i quali israele è più conosciuta che non per i suoi bianchi, ma io sono una grande fan di questo Chardonnay che mi sembra al livello di molti californiani. Deliziosi sapori tropicali bilanciati da un'intensa mineralità e una ricca texture al palato. Retrogusto piacevolmente aromatico con note tostate e di chiodi di garofano.

Fantasia (più di $50) 

2012 Recanati Wild Carignan, Judean Hills, Israele, vino kosher ($56): Si tratta di un vino rosso molto speciale di cui sono state prodotte solo 6.000 bottiglie. Carignan è conosciuta come uva da taglio nel Sud della Francia e in genere, di per sé, non dà buon vino, ma questo è un raro e ottimo esempio di cosa questo uvaggio possa fare quando coltivato in condizioni ideali. Ricco sapore di mora e ribes con punte di rosmarino e un retrogusto saporito e lussureggiante.

 

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter