Cerca

FoodFood

Commenti: Vai ai commenti

La Puglia fa breccia nel cuore di New York con i suoi Rosati

La presidente dell'associazione Puglia in Rosé, Lucia Nettis, è tornata negli USA per promuovere i Rosati pugliesi

I vini Rosati pugliesi, esposti durante la Monty Waterbury Cup del Circolo del Polo di Greenwich, in Connecticut

Lucia Nettis di Puglia in Rosé, associazione che rappresenta 62 produttori di Vini Rosati, si era affacciata alla realtà newyorkese già lo scorso dicembre, proponendo alcuni dei vini all'Istituto Italiano di Cultura. Ora il suo ritorno che l'ha vista anche grande protagonista al Fancy Food Show 2017

Lucia Nettis, Direttore dell_Associazione Puglia in Rose

La bella e dinamica Lucia Nettis, Presidente di Puglia in Rosé, l’Associazione da lei creata che rappresenta 62 produttori di Vini Rosati pugliesi, aveva iniziato a dicembre, quando era venuta a New York proponendone alcuni all’Istituto Italiano di Cultura, in occasione della mostra di Guido Cagnacci. In quell’occasione era riuscita a farli degustare alla Sommelier del prestigioso New York Yacht Club, che li ha poi adottati e ha stretto accordi con la Italy-America Chamber of Commerce e con l’Italian Trade Agency, che l’ha invitata a febbraio per la grande manifestazione dei Vini Italiani, che fanno ogni anno.

Ma adesso è tornata, più agguerrita che mai. Sì, perché gli americani i Rosati preferiscono degustarli nei mesi della primavera/estate e lei, accompagnata dai suoi  tre “Moschettieri”, Alessio Leone produttore di Forme Rosato di Montepulciano, Marika Maggi, produttrice del Melograno con uve di Nero di Troia e Dario Nardella, che produce il Sant’Antonino Pinot Nero (tutti e tre della zona di Foggia nell’alta Puglia), non ha perso tempo per conquistare altre postazioni. Ha cominciato col partecipare alla Monty Waterbury Cup del Circolo del Polo di Greenwich, in Connecticut, poi ha proseguito con un Ricevimento alla Century Association (il Circolo dell’Intellighentsia newyorchese  sulla Quinta Strada), offerto dal Presidente della Foreign Policy Association, Noel Lateef, dove l’Italian Trade Commissioner, Maurizio Forte era intervenuto sul trend in crescita delle importazioni di vini italiani negli USA. Nella stessa occasione il Sommelier di Lucia Nettis, Robert Maggi, aveva illustrato le peculiarità dei Rosati Pugliesi, che rappresentano il 40% della produzione di Rosati italiani e sono fra i migliori al mondo, particolarmente graditi da tutti i presenti.  Dopo essere stati protagonisti della Wine Lounge al Fancy Food Show al Jacob Javits Center, dove l’Italia contava ben 300 aziende partecipanti, grazie all’infaticabile lavoro dell’Italian Trade Agency, l’inarrestabile Lucia ha fatto degustare i suoi Rosati tramite Giancarlo Bruno, Direttore Finanziario della sede newyorkese del World Economic Forum, al Wine Director dell’University Club, prestigioso Circolo privato sulla Quinta Strada, gemellato con il Circolo Aniene di Roma.

Associazione Puglia in Rose, al Summer Fancy Food, porta in degustazione i vini Rosati pugliesi all’interno dell’Italian Lounge, il Wine Bar tematico organizzato da Ian D’Agata

Ha poi offerto i suoi Rosati, compreso il Castrum Montepulciano/Sangiovese, all’inaugurazione della mostra di Diane Tuft  sull’Artico alla Marlborough Gallery (i Rosati si sposano bene con i ghiacciai e sono andati a ruba…).  E dopo una sosta al ristorante Robert del Museum of Arts and Design a Columbus Circle e al ristorante La Lupa di Lidia Bastianich per un pranzo organizzato dalla Rivista Wine Enthusiast, è tornata al New York Yacht Club per una raffinata cena offerta dal General Manager Tim McCormick, alla quale ha partecipato anche il Console Generale d’Italia Francesco Genuardi. Per poi concludere in bellezza il suo tour con il Ricevimento sul Roof del Metropolitan Museum per celebrare la mostra dello scultore spagnolo Adrian Villar Rojas, dove hanno servito solo Rosati pugliesi.

Ma l’estate non è ancora finita e Lucia Settis conta di tornare a settembre con altri Moschettieri, altri Produttori, altre idee e altri progetti: del resto, l’abbinamento tra vino e cultura sembra proprio funzionare.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter