Cerca

Cucina ItalianaCucina Italiana

Dolce orientale

“Abito il mio sogno e di tanto in tanto ritorno alla realtà, torno con valige che sanno di libertà, di un altrove sfuggente, di ricordi...quelli che  restano”. Dolce orientale

E la tua infanzia, dimmi, dove sta la tua infanzia? 
Perché io la voglio.
Le acque che bevesti,
i fiori che calpestasti,
le trecce che annodasti,
i sorrisi che perdesti. 
Come è possibile che non fossero miei? 
Dimmelo, sono triste. 
Quindici anni soltanto tuoi, e mai miei. 
Non mi celare la tua infanzia. 
Chiedi a Dio che rifaccia il tempo: 
tornerà la tua infanzia e giocheremo.

Gerardo Diego

Dolce orientale

Siamo mai diventati grandi? Abbiamo mai avuto la sensazione che i sentimenti della nostra infanzia, cari compagni di viaggio, siano fuggiti con lo scorrere inesorabile degli attimi, o è soltanto un'illusione? 
Dentro di noi c'è un posticino dove il bambino che siamo non è mai andato via, 
ogni tanto intraprende un viaggio solitario, ma torna,  come potrebbe non 
tornare al suo dolce nido. Fa le maracachelle, diventa spiritoso quando vuole, ma se guarda la luna 
diventa un’astronauta, una barchetta di carta si trasforma in un vascello per 
varcare gli occulti sentieri delle onde e sfidare il pirata Barbanera, un 
legnetto muta in una magica spada, un attimo… e siamo nobili cavalieri seduti 
alla tavola rotonda nel regno di Camelot.

L'immaginazione abbraccia il mondo reale, e tutto sa di miracolo e stupore.
Perquisite il mio cuore: vi troverete una bambina che contempla la stella vespertina, figlia fatata della malinconia, come uccellini che cercano l'impossibile, mi adagio tra le carezze, percorro cieli di commozione. Abito il mio sogno e di tanto in tanto ritorno alla realtà, torno con valige che sanno di libertà, di un altrove sfuggente, di ricordi…quelli che restano.
“Siamo i sogni di noi stessi. Barlumi di anime”. 
E voi.. miei cuori affamati, cos'è questo amore che ci chiama?
Tornerà la nostra infanzia e giocheremo. 
 

Tempo di preparazione: un’ora  
Difficoltà: media
Accostamento con Brandy italiano mediamente invecchiato diluito con 1⁄4 di acqua e servito a 16 °C

Ingredienti

1 litro di latte intero da bollire
150 g di zucchero semolato
150 g di riso originario
la scorza grattugiata di un limone non trattato
1 baccello di vaniglia
1/2 litro di latte intero da aggiungere alla fine
100 g di cocco rapè
100 g di granella di mandorle

Preparazione

In una pentola di acciaio versare il latte, lo zucchero, il riso, la scorza di limone, il baccello di vaniglia e cuocere a fuoco molto basso per circa 40 minuti, avendo cura di mescolare spesso il tutto. A cottura ultimata, togliere il baccello di vaniglia e la scorza di limone, aggiungere a filo il 1/2 litro di latte e conservare in frigo per 3 ore circa.

Presentazione

Servire in coppette con il cocco rapè e la granella di mandorle.

 

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter