Cerca

GalleryGallery

Yukon Blues: il documentario su quei giorni nel wilderness sulle tracce di Bonatti

Dopo lunghi preparativi, la scorsa estate Igor D'India è partito alla volta del Canada dove, a bordo della canoa Rossana, ha risalito il fiume Yukon in solitaria fino all'Alaska, ripercorrendo i passi dell'esploratore Bonatti. Dopo essere apparsi a puntate su La VOCE, i suoi racconti di viaggio ora andranno a comporre un film

The Yukon Blues è una serie TV prodotta da Kobalt Entertainment, che racconta la spedizione in solitaria tra Canada e Alaska del videomaker d'avventura Igor D'India (raccontata sulle pagine de La VOCE), sulle tracce del famoso esploratore Walter Bonatti, che nel 1965 viaggiò per circa 2.000 chilometri in canoa sui fiumi Yukon e Porcupine, realizzando un reportage per la rivista Epoca sulle terre estreme di Jack London. 

Igor è partito da Toronto (Canada) in autostop e ha raggiunto Whitehorse (7.000 km a nord dal punto di partenza) per poi navigare in canoa, in solitaria, sulle acque del fiume Yukon per 1.400 chilometri. Costretto a sospendere la spedizione in canoa a nord del Circolo Polare artico, per condizioni meteo estreme, il documentarista è riuscito comunque a terminare le riprese dei luoghi visitati da Bonatti, con mezzi di fortuna. Dall'Alaska, è poi rientrato in autostop fino a Toronto.

Ora Igor si sta riadattando alla civiltà nella caotica Milano, dove sta montando il documentario a puntate che racconta la spedizione. Qui sopra il trailer della serie TV.

 

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter