Francesco Molteni

Documentarista indipendente e freelance assistant director. Dopo la laurea in filosofia politica presso l'Università di Firenze si trasferisce a New York City, città nella quale si specializza in documentary filmmaking. Le sue collaborazioni includono documentari per Ngawang Choephel e Philipp Shane e fashion content per Alexo Wandael. Attualmente risiede a Londra.

La Casa de los Espìritus

Ayacucho è una città nel Sud del Perù di circa 250.000 abitanti; si trova nella regione di Huamanga, a una altura di 2.746 metri dal livello del mare e a 565 Km a Sud-Est di Lima. È qui, che nella calle Jiron Cuzco 376, a 4 isolati dalla piazza centrale, (La Plazas de Armas, caratterizzata per i suoi fini porticati di stile barocco coloniale che circoscrivono il perimetro della piazza dominata dalla cattedrale) sorge dagli inizi del XIX secolo lo storico edificio conosciuto dai locali come La Casa de los Espìritus.
La casa fu di proprietà della famiglia ayacuchense Jàuregui, haciendados della regione, fino al 1996, quando Arturo Criales, economista ed ex-direttore regionale della camera di commercio per l'esteriore e del turismo, decise di acquistarla.
Le peculiarità della casa sono molteplici: oltre a presentare un giardino rigoglioso e mobilia antiquaria di artigiani italiani, la vera attrazione dell'edificio è la storia dei personaggi che qui vi hanno per un tempo soggiornato. Nel corso del Novecento infatti la casa vide tra i suoi inquilini personaggi illustri del calibro di Simòn Bolivar (uno dei personaggi più rappresentativi dell'America Latina, fautore dell'indipendenza di gran parte del continente), Antonio Josè de Sucre (anch'egli uno dei personaggi più influenti delle guerre d'indipendenza ispano-americane), il rivoluzionario Ernesto Che Guevara (che fu invitato durante il suo viaggio in motocicletta attraverso il continente dal figlio del proprietario originario della casa, di fede comunista), e Abimael Guzmàn (professore di filosofia nell'università cittadina che passò agli annali come leader di Sendero Luminoso, un gruppo terrorista peruviano di matrice maoista che sconvolse la regione dagli anni '70 fino agli inizi degli anni '90, che coincisero con l'arresto e la condanna all'ergastolo del Guzmàn).
La casa si trova attualmente in vendita e Arturo sta cercando investitori che possano trasformare l'edificio in hotel-ristorante e museo.

Chiudi