Cerca

HomepageHomepage

‘Rassegna di cinema itinerante’: intervista al suo inventore, Beppe Manno

Cinema mon amour. Il  cinema d’autore portato in mezzo alla gente di Sicilia grazie alla rassegna itinerante curata da Beppe Manno. L’iniziativa promuove  corti e docufilm  in cui si raccontano storie di grande profondità e di alto spessore culturale e sociologico

Parigi, 28 dicembre 1895. In un saletta di un caffè parigino sul Boulevard des Capucins  andò in scena la prima dimostrazione pubblica del cinematografo di Lumière. Davanti a un pubblico incuriosito vennero proiettati due documentari divertenti come l’arrivo di un treno in stazione e di un giardiniere annaffiato dalla sua stessa pompa.  Il  successo fu clamoroso. Da allora il cinema ha avuto un’ascesa sorprendente fino a diventare una vera e propria forma di arte autentica.  Tuttavia, agli inizi della sua comparsa subì il disprezzo degli intellettuali, perché considerato una curiosità da fiera. Dobbiamo il suo ingresso negli ambiente artistici a un poeta del calibro di  Gabriele D’annunzio il quale, nel lontano 1914, prese  parte alla sceneggiatura del  film “Cabiria” a firma di Giovanni  Pastrone.

Fin  dai primi anni del ‘900 grandi registi  seppero   sfruttare  la possibilità dell’immagine mettendo a nudo debolezze, ipocrisie e sofferenze della gente e la propria condizione nella società. Nel giro di poco tempo il cinema è diventato una vera industria. La sua evoluzione e il suo progressivo ingigantirsi hanno dato vita alla pellicola di massa; a pagarne le spese è stato il buon livello artistico del prodotto cinematografico. Così sono venute fuori due tipologie di cinema: quello d’autore e quello di massa.

Il primo è quello in cui si muovono le Rassegne di Cinema d’autore. Le iniziative offrono la proiezione di Corti e di Docufilm di alta qualità, quasi tutti indipendenti. L’ennese Beppe Manno da un anno organizza in giro per la Sicilia la ‘Rassegna di cinema itinerante’, offrendo al pubblico il piacere di scoprire  il pregio di questa forma di  cinema. L’iniziativa ha preso il via l’8 giugno 2014 da Catenanuova, in provincia di Enna, e da allora è un continuo di  appuntamenti che allietano il pubblico di piazze e di luoghi di cultura dell’Isola.

A Beppe Manno abbiamo posto alcune domande.

Cosa significa  per lei “vivere” il cinema?

Per me  il  cinema è una passione  da sempre. Viverlo  significa scoprirne le sue  qualità migliori; questo equivale a un cinema d’autore e di qualità in cui si affrontano tematiche profonde e complesse.

Quando è nata l’idea di dare vita a  una Rassegna itinerante?

L’idea è nata più di un anno e mezzo fa e da allora è stato un continuo di eventi.  

Quante e quali difficoltà incontra per portare avanti il progetto?   

La  rassegna è sempre benvoluta. Le difficoltà che incontro sono per lo più  di tipo logistico.

Su quali elementi   si  basa la scelta dei corti e dei documentari da proiettare?

Gli elementi su cui mi baso sono la storia e la buona qualità del prodotto in generale.  

La  rassegna quanto viene apprezzata dal pubblico?

La  rassegna piace molto anche se la gente non è abituata a vedere film impegnativi. Questo è un tipo di cinema diverso da quello che viene fatto in televisione e bisogna abituare il pubblico a poco a poco.

Che tipo di linguaggio privilegia il cinema di  nicchia?

Il linguaggio del cinema di nicchia sono le storie  piene di profondità e la qualità del prodotto. 

In poco tempo la kermesse conta numerose tappe. Quali le più significative?

Ce ne sono tante tra cui  quelle di Regalbuto e di Agira, in provincia di Enna; poi Nicolosi, in provincia di Catania; Palazzolo Acreide, nel Siracusano. E, ancora, L’Arci Tavola tonda di Palermo, Il palazzo della cultura di Catania e  l’ultima, quella di Pietraperzia, sempre nell’Ennese. Tutte  ben riuscite.

Quali i prossimi appuntamenti?

 A Enna  l’11 giugno presso il caffè letterario Al kenisa  e  una due giorni ad Agira nell’ambito dell’Entroterra Festival che si terrà l’1 e il 2 luglio prossimi.

Il linguaggio del cinema viene continuamente modernizzato. E’ un bene o un male?  

La cinematografia è una delle forme d'arte moderna, nonché uno dei più grandi fenomeni sociali, mediatici  e culturali di fine diciannovesimo secolo. Il cinema è una scienza di emozioni, racconta storie e  ci dà informazioni. E quindi è più che un bene.

 

 

 

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter