Cerca

LifestylesLifestyles

Commenti: Vai ai commenti

Il gusto del proibizionismo: speakeasy a New York

Nella Grande Mela sono tornati di moda gli speakeasy, bar segreti ispirati agli anni '20

speakeasy a new york

Un'illustrazione d'epoca a supporto del Proibizionismo

Ci sono diverse teorie sull'origine del nome, ma di certo c'è che gli speakeasy a New York piacciono ancora, con quel fascino del proibito e il gusto della scoperta. Ce ne sono tanti, ognuno con le sue particolarità: tra i nostri preferiti, ne abbiamo selezionati sei

Appassionati della serie TV Boardwalk Empire? Vi siete mai chiesti come sarebbe stato vivere all’epoca di Lucky Luciano e Al Capone? Bene, perché da qualche anno sono tornati di moda i celebri speakeasy a New York, ovvero i bar clandestini nati negli Stati Uniti ai tempi del Proibizionismo. Circa l’origine del nome, esistono due teorie: secondo la prima, esso deriverebbe dall’esclamazione “Speak easy, boys!”,con cui alla fine dell’Ottocento una barista di Pittsburgh era solita zittire i clienti ubriachi per paura di attirare l’attenzione delle autorità (dal momento che aveva continuato illegalmente la sua attività dopo l’aumento della tassa statale prevista dalla legge Brooks High sulle licenze commerciali). Secondo la seconda ipotesi, invece, “Speak easy” era una frase con cui i gestori di questo tipo di bar, spesso membri della criminalità organizzata, raccomandavano agli avventori di tenere la bocca chiusa.

Nonostante le frequenti irruzioni e gli arresti da parte degli agenti del Bureau of Prohibition, gli speakeasy continuarono a dilagare, contribuendo anche alla rinascita di Harlem e consentendo alla gente di colore di divertirsi al riparo dalle discriminazioni razziali.

Oggi questi locali sono considerati i più trendy della Grande Mela, proprio perché nascosti, difficili da riconoscere senza insegne o indicazioni e con accessi improbabili (attraverso una cabina telefonica o il cancello di un garage, dietro a un negozio o salendo al piano superiore di un ristorante etnico).

Solitamente non accettano prenotazioni, ma è possibile trovare informazioni sui relativi siti internet.  Di seguito, una lista di posti misteriosi dove trascorrere una serata alternativa e gustare cocktail dai nomi bizzarri o serviti in tazze da tè.

P.S. Per poter entrare, in alcuni locali vi chiederanno una parola d’ordine, tanto per restare in tema anni ’20 – ’30, ma in tutti gli speakeasy, come anche nella stragrande maggioranza dei locali di New York, è necessario un documento che dimostri che avete l’età legale per bere (ventun anni negli States)… dopotutto siete ancora nel XXI secolo, non dimenticatelo!

PDT

 

speakeasy a new york

Please don’t tell è una stanza buia dalle pareti in legno e arredata con animali imbalsamati, situata dietro un insospettabile fast food dove si mangiano hot dog. Lo speakeasy vi attende al di là di una porta segreta, che potrete varcare solo dopo aver alzato la cornetta del telefono ed esservi identificati.

Dove: 113 St Marks Place

Online: pdtnyc.com

Back Room

 

speakeasy a new york
dietro un negozio di giocattoli, il locale è arredato in pieno stile Liberty, dove prevalgono i colori oro e rosso. Potrebbe capitarvi di assistere a uno spettacolo di burlesque, ascoltare poeti declamare le loro opere o lasciarvi incantare dalle carte di un prestigiatore. E tutto, mentre gustate un cocktail servito in originali tazze da tè.

Dove: 102 Norfolk Street

Online: backroomnyc.com

The Blind Barber

 

speakeasy a new york
Per accedere a questo rifugio ispirato agli anni Venti, dovrete passare accanto a un barbiere intento a radere o tagliare i capelli  a un cliente che sorseggia uno Sweeney Todd, ispirato al noto barbiere killer della londinese Fleet Street.

Dove: 339 East 10th Street

Online: www.blindbarber.com

Apotheke

 

speakeasy a new york

Si trova a Chinatown, nel cosiddetto Bloody Angle o Murder Alley, uno dei luoghi di Manhattan che ha visto più delitti nella storia della città. In un arredamento ispirato alle antiche farmacie (da qui il nome), i cocktail vengono preparati con ingredienti raccolti dal giardino sul tetto dell’edificio e serviti come pozioni magiche o afrodisiaci. In alcuni giorni della settimana, alla porta il buttafuori vi porrà un indovinello: solo se riuscirete ad azzeccare la risposta la porta dell’Apotheke si aprirà. Buona fortuna!

Dove: 9 Doyers St #1

Online: www.apothekenyc.com

Raines Law Room at the William

 

speakeasy a new york

Sembra tanto di trovarsi in uno studio legale al Raines Law Room at the William. In questo caso è necessario prenotare via mail e, una volta arrivati, sarà possibile accedervi suonando il campanello e identificandovi. Prima però dovrete passare attraverso il pub sotterraneo The Skakespeare e salire le scale sul retro, per poi ritrovarvi nella hall del William Hotel e quindi all’ingresso del bar.

Dove: 24 East 39th Street

Online: www.raineslawroom.com

Cienfuegos

 

speakeasy a new york
bar segreto dall’atmosfera cubana si trova al di sopra della bitter tasting room Amor y Amargo Arroccato e del Gin Palace, specializzato nella preparazione di cocktail a base di gin. Se siete invece amanti del rum, con la sua selezione di alta qualità, Cienfuegos è il posto che fa per voi. Mi raccomando, non uscite senza aver provato il loro ottimo punch!

Dove: 95 Avenue A

Online: www.cienfuegosny.com

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter