Cerca

FashionFashion

Sex toy per fast love

di Elisabetta De Dominis

Non c'è più tempo per fare l'amore e allora il mercato propone un sesso accessoriato. Sempre più diffuso un vibratore chiamato ‘rabbit’, quando è notorio che tremore e velocità da coniglio non sono apprezzati nel maschio. De gustibus...

"Se le cose non vanno bene nella camera da letto, non vanno bene neanche in soggiorno" recita un proverbio inglese.

Fare l’amore non è più il piacere della vita ma uno dei piaceri da rincorrere. Avviene troppo in fretta. Per consumare il fast love, pubblicità, film, riviste, manuali ci servono il ‘sesso precotto’. Come se in camera il fuoco delle candele facesse cucinare la partner di piacere. O come se indossare biancheria intima potesse accendere il tizzone spento troppe volte da recriminazioni verbali, appunto, in soggiorno.

Né un "sesso accessoriato" risolve il problema dell’approccio, che è sguardo, bacio, profumo di pelle, fusione di corpi. Dialogo.

All’età della pietra bisognava accontentarsi dei corpi e, visto che si è arrivati fin qua, i messaggi verbali o non verbali dovevano essere ben comprensibili nella coppia. La famosa frase del cavernicolo Fred: "Wilma, dammi la clava" non significa: "Dammi l’arnese che vado a procurarti la pagnotta". Altrimenti lui la clava potrebbe impugnarla da solo. E’ una richiesta di complicità nella vita e a letto. La focosa Wilma lo asseconda e Fred parte in quarta tutto ringalluzzito. Non per niente gli Antenati Flinstone vivevano nella città di Bedrock dove non erano duri solo i letti.

Figurarsi se oggi lui dice a lei ex abrupto: "Tira fuori l’arnese". C’è da sperare che lei non abbia un rabbit sotto il letto e non glielo spacchi in testa. I Flinstone per ogni lavoro domestico, non disponendo di macchine, utilizzavano dei simpatici animaletti, ma di certo non a letto. Oggi invece viene usato un vibratore chiamato ‘coniglio’, quando è notorio che tremore e velocità da coniglio non sono apprezzati nel maschio. Secondo l’azienda californiana che lo inventò nel 1990, il nome di questo vibratore dipende dallo stimolatore del clitoride, di cui è fornito, che sembrerebbe un paio di orecchiette da coniglio. Sarà… ma ci vuole fantasia. Invece non ce ne vuole affatto per usarlo tra coppie che non ne hanno e pensano di divertirsi con i sex toy. Dunque il coniglio in questione è principalmente un corpo vibrante e ha quindi una doppia funzione vaginale e clitoridea. Viene consigliato di attivarla simultaneamente. Non mi risulta che la donna sia un frullatore né che l’uomo sia dotato di pene e dito vibranti. Ma de gustibus… sebbene io abbia il sospetto che queste cose le inventino gli uomini pensando di fare cosa gradita. Cosa davvero gradita è piuttosto il coso in carne ed ossa, ovviamente senza ossa.

Il rabbit deriva dal dildo, strumento attivato manualmente già 30 mila anni fa dai germani. Costituiscono entrambi un aiutino in più e un aiutone nelle coppie omosex.

I sex toys, sono diventati ‘i migliori amici delle donne’ in mancanza di meglio e ce n’è di tutte le fattezze e usi. Perfino per il punto G, con particolare curvatura: Gigi è il più venduto al mondo. Che fine ha fatto Gigi l’amoroso che faceva battere ogni cuor? Perché se non batte il cuore di una donna, il suo corpo non vibra di piacere e il sesso finisce sotto il letto. Dimenticato tra polvere e giocattoli vari.

 

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter