Cerca

ReligioniReligioni

Un piano diabolico contro Papa Francesco?

Papa Francesco

Dietro la fuga di documenti riservati si potrebbe celare una manovra contro un Pontefice che non fa sconti a nessuno: non fa sconti a chi, all’interno della Chiesa, cerca di ostacolare le sue riforme e nemmeno ai poteri forti che non tollerano i suoi messaggi contro il dilagante egoismo e lo strapotere delle multinazionali

Con l'espressione Vatileaks ci si riferisce a uno scandalo scoppiato nella Città del Vaticano nei primi mesi del 2012. Il termine è stato coniato da padre Federico Lombardi, direttore dal 2006 della Sala stampa della Santa Sede. Nel corso dei primi mesi del 2012 si è verificata una sistematica fuga di documenti riservati vaticani riguardanti i rapporti all'interno e all'esterno della Santa Sede. Tali documenti hanno, tra l'altro, portato ad evidenza le lotte di potere all'interno del Vaticano e alcune irregolarità nella gestione finanziaria dello Stato e nell'applicazione delle normative antiriciclaggio, come si può leggere qui.

Negli ultimi giorni invece è scoppiato il Vatileaks 2 che continua a fare cronaca. La Chiesa Cattolica Apostolica Romana diventa il bersaglio preferito per atei e miscredenti. Ciò accade solo e esclusivamente perché ci sono nuovi Giuda alla ricerca dei trenta danari che, con il loro comportamento tornaconti sta, mettono in discussione la credibilità della Chiesa. E’ vero e innegabile che, da secoli e secoli, tra uomini e donne che vestono abiti religiosi si sono evidenziati comportamenti poco coerenti con gli insegnamenti di Gesù Cristo, ma è altrettanto vero che, di converso, molti religiosi e religiose hanno pagato anche a prezzo della vita il loro credo.

Chi attacca la Chiesa oggi per il Vatileaks 2 dovrebbe comprendere che quei documenti rubati, che provocano un ennesimo scandalo, erano stati commissionati per volontà dell’attuale Pontefice e non da qualche servizio segreto. Un Papa da tanti definito “comunista”, ma questi tanti ignorano qual è la vera dottrina cristiana e ciò perché uomini e donne senza scrupoli hanno sfruttato la religione per adattarla alle proprie convenienze.

Già nel 2007, sei anni prima della sua Elezione a Papa, Mario Jose Bergoglio, in una riunione dei vescovi latino-americani, aveva dichiarato: "Viviamo nella parte più ineguale del mondo, che ha fatto crescere ancora di più la miseria che si è ridotta di meno"; aggiungendo poi che "l'ingiusta distribuzione dei beni persiste, creando una situazione di peccato sociale che grida al cielo e limita le possibilità di una vita più piena per così tanti dei nostri fratelli".

Quando nel 2013 è stato proclamato Papa, Mario Jose Bergoglio ha scelto il nome di un certo Francesco d’Assisi precisando il perché: “Francesco è l'uomo della pace. E così, è venuto il nome, nel mio cuore: Francesco d'Assisi. È per me l'uomo della povertà, l'uomo della pace, l'uomo che ama e custodisce il creato; in questo momento anche noi abbiamo con il creato una relazione non tanto buona, no? È l'uomo che ci dà questo spirito di pace, l'uomo povero… Ah, come vorrei una Chiesa povera e per i poveri!”.

Francesco, un Sommo Pontefice che sta dimostrando di andare avanti nella direzione della vera cristianità e per questo è avversato non solo dai nemici dalla Chiesa, ma principalmente da coloro che hanno fato il bello e il cattivo tempo nella Chiesa di Cristo. Ha ragione, quindi, il Cardinale Angelo Bagnasco quando afferma che è in atto un piano diabolico contro il Papa. Ha più che ragione Bagnasco quando sottolinea che “c’è una grande amarezza per il dolore che sicuramente ha recato e reca al Santo Padre e per il cattivo esempio, lo scandalo, posto che tutto quanto sia vero documentato e documentabile. Ma ciò – prosegue Bagnasco – crea confusione e disorientamento al popolo di Dio”.

Il Papa all’Angelus di Domenica scorsa, parlando ai fedeli, ha detto che "rubare è un reato, far uscire quei documenti è stato uno sbaglio. E' un atto deplorevole che non aiuta. Questo triste fatto – ha aggiunto – non mi distoglie certamente dal lavoro di riforma che stiamo portando avanti con i miei collaboratori e con il sostegno di tutti voi. Sì, con il sostegno di tutta la Chiesa, perché la Chiesa si rinnova con la preghiera e con la santità quotidiana di ogni battezzato”.

Il Papa, sempre all'Angelus, di Domenica scorsa, ha affermato che era stato lui a chiedere di fare luce su quanto accadeva in Vaticano. “Io stesso avevo chiesto di fare quello studio, e quei documenti io e i miei collaboratori già li conoscevamo bene”, dice riferendosi alle carte riservate che sono state trafugate e pubblicate in due libri.

Come andrà a finire questa storia? E’ augurabile che, al più presto, all’interno del Vaticano, si chiarisca la situazione perché la gente ha bisogno di trasparenza e verità. Nessun credente se lo è può dare giudizi preventivi (dal Vangelo: “chi è senza peccato scagli la prima pietra”) e se ci sono persone che hanno sbagliato saranno sottoposti a due giudizi: quello terreno all’interno della Chiesa e quello Divino.

Per i credenti c’è una cosa certa ed è contenuta nel Santo Vangelo: “Tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa… e le potenze degli inferi non prevarranno su di essa”.

Cari  cattolici apostolici romani è il momento di dimostrare con forza la nostra fede e per fare ciò, oltre alla dimostrata coerenza, dobbiamo stringerci e fare quadrato attorno a questo Sommo Pontefice. Facciamolo non solo con le parole, ma principalmente con le azioni, perché Francesco abbia la possibilità di riportare la vera cristianità all’interno della Chiesa.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter