Cerca

Scienza e SaluteScienza e Salute

l riscaldamento globale prossimo futuro

Shindell, D.T., 2014: Inhomogeneous forcing and transient climate sensitivity. Nature Clim. Change, 4, 274-277, doi:10.1038/nclimate2136

Shindell, D.T., 2014: Inhomogeneous forcing and transient climate sensitivity. Nature Clim. Change, 4, 274-277, doi:10.1038/nclimate2136

Pubblicato sulla rivista Nature Climate Change un nuovo studio che indica come la Terra continuerà a riscaldarsi nel corso di questo secolo, in linea con le stime precedenti, nonostante il recente rallentamento del tasso di riscaldamento globale

Il 9 marzo 2014 è stato pubblicato sulla rivista Nature Climate Change un nuovo studio di Shindell, un ricercatore della NASA, sul clima. Lo studio indica che, probabilmente, la Terra continuerà a riscaldarsi nel corso di questo secolo, in linea con le stime precedenti, nonostante il recente rallentamento del tasso di riscaldamento globale.

Le temperature globali sono aumentate a un tasso di crescita di 0,12 ° C durante le precedenti decadi a iniziare dal 1951, ma dal 1998, il tasso di riscaldamento è stato solo di 0,05 ° C per decade, nonostante che  l’anidride carbonica atmosferica, il gas più significativo per l’effetto serra, assieme al vapore d’acqua, continui a crescere a un tasso simile ai decenni precedenti .

Alcune recenti ricerche, volte a fare delle proiezioni più raffinate relative al riscaldamento a lungo termine della Terra, tenendo conto di questo rallentamento, hanno suggerito che forse il sistema Terrestre è meno sensibile agli aumenti di gas serra di quanto si pensasse. 

Per dare una valutazione quantitativa al cambiamento climatico, i ricercatori hanno calcolato ciò che viene chiamata "risposta climatica transitoria" della Terra. Questo calcolo determina quanto le temperature globali cambieranno, anche se l'anidride carbonica atmosferica continua ad aumentare, ad esempio con un tasso di crescita di circa l'1 per cento l’anno, fino a raddoppiarsi. Le stime variano da 1,4 ° C, fornito da una recente ricerca, alle stime dell'IPCC di 1,0 ° C . Lo studio di Shindell stima una risposta transitoria climatica dell’ordine di 1,7 ° C con un limite inferiore di 1,3 ° C.

L’articolo di Shindell si concentra sugli aerosol, particelle sospese, che influenzano il cambiamento climatico nell'emisfero settentrionale. Gli aerosol sono prodotti sia da fonti naturali (come i vulcani, gli incendi, l’agricoltura e gli spruzzi dal mare) sia da fonti legate all’attività produttiva, le automobili e la produzione di energia. Secondo la loro composizione, alcuni aerosol, di natura igroscopica, trasformandosi in goccioline, provocano un riscaldamento, mentre altri, non igroscopici, creano un effetto di raffreddamento, riducendo la radiazione solare che giunge al suolo. Al fine di comprendere il ruolo svolto dalle emissioni di anidride carbonica nel riscaldamento globale, è necessario tener conto degli effetti degli aerosol atmosferici.

Diversi studi hanno dimostrato che l'emisfero settentrionale ha un ruolo più forte dell'emisfero australe nel cambiamento climatico transitorio, effetto che non era stato incluso nel calcolo degli effetti degli aerosol atmosferici sulla sensibilità climatica. Infatti, prima  di Shindell i modelli avevano assunto che gli aerosol erano uniformemente distribuiti su tutto il pianeta.

Uno dei motivi della differente influenza dell'emisfero settentrionale rispetto all’emisfero australe è che la maggior parte degli aerosol di natura antropogenica vengono rilasciati dalle regioni più industrializzate a nord dell'equatore. Inoltre, la stragrande maggioranza delle masse terrestri sta nell'emisfero settentrionale. Questo favorisce l'effetto rilevato nell'emisfero settentrionale perché il suolo, la neve e il ghiaccio si adeguano ai cambiamenti atmosferici più rapidamente di quanto facciano gli oceani.

Il calcolo della sensibilità climatica fatta da Shindell suggerisce che è necessario ridurre le emissioni dei gas a effetto serra, in tutti i paesi, a un livello più alto che quello previsto dai protocolli per evitare conseguenze più devastanti. L’Italia deve fare uno sforzo ulteriore per raggiungere quella riduzione del 20% nelle emissioni di gas serra, previsto dai trattati europei, sforzo che dovrebbe essere accompagnato da una reindustrializzazione del paese  nei settori a basso impatto ambientale.

Image Credit: NASA SVS/NASA Center for Climate Simulation

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter