Cerca

Scienza e SaluteScienza e Salute

Commenti: Vai ai commenti

Le vittime in trappola del Covid-19: lo scandalo delle case di riposo per anziani

Secondo un'inchiesta di Pro-Publica, molte case di riposo negli USA hanno violato standard sanitari di base, permettendo così al coronavirus di esplodere

di Charles Ornstein e Topher Sanders

Soldiers and Airmen from the Massachusetts National Guard exit Alliance at West Acres nursing home after completing COVID-19 testing on residents, Brockton, Mass., April 10, 2020. Twelve medical teams are activated throughout the state and are conducting COVID-19 testing at medical facilities and nursing homes with high-risk populations. Homes and providers are identified by the Department of Public Health and Human Services for testing. This mission is one of several operations across the commonwealth in support of coronavirus response efforts. (U.S. Air National Guard photos by Capt. Bonnie Blakely)

La nostra analisi dei rapporti di ispezione federale ha trovato che nove case di riposo mettono i pazienti in “pericolo immediato,” incluso un caso nel quale un assistente infermiere ha dato da mangiare a un residente dopo averle cambiato mutande sporche senza lavarsi le mani.

ProPublica è una redazione non-profit che investiga abusi di potere. Iscrivetevi per ricevere le nostre maggiori storie il momento che sono publicate.

A uno a uno, verso la fine di marzo, residenti della Enumclaw Health and Rehabilitation Center hanno cominciato ad accusare i sintomi del COVID-19.

Il 22 marzo, i residenti delle stanze 503 e 522 sono stati rimossi in una sezione per pazienti con il COVIS-19. Un altro residente ha cominciato a mostrare sintomi, ed è stato  anche lui rimosso.

In tutti e tre i casi, i loro compagni di stanza sono stati lasciati nella stanza originaria e al personale non è stata data nessuna istruzione di come usare più precauzioni nella cura dei loro residenti. Per lo meno due dei compagni di camera dei residenti successivamente hanno contratto la malattia causata dal nuovo coronavirus.

Durante un’intervista con un ispettore sanitario giorni dopo, un membro della staff  ha detto che “gli era stato detto di non mettere il compagno di stanza in isolamento, e di continuare con la sorveglianza per conservare PPE [Equipaggiamento per la  Protezione Personale],” secondo un rapporto di ispezione ottenuto dal Center per Medicare and Medicaid Services, o CMS. Un secondo infermiere ha dato lo stesso resoconto.

Enumclaw, han concluso gli ispettori, non è riuscita a prendere misure appropriate attinenti all’epidemia COVID 19. Queste misure sbagliate possono aver contribuito al fatto che molteplici residenti e membri della staff hanno contratto il COVID-19.

Enumclaw è una di nove case di riposo in tutto il paese che ispettori federali hanno determinato che hanno messo la salute e la sicurezza dei residenti in “pericolo immediato”, a causa di quanto hanno fatto o non hanno fatto nel frenare l’espansione del COVID-19.

ProPublica ha richiesto al CMS tutti i documenti coinvolti in tali citazioni dal 1 marzo. Le case di cura citate includono Life Care Center of Kirkland, un’altra casa fuori Seattle dove più di 40 residenti sono morti e che è diventata uno dei primi epicentri dell’espansione del virus in America. Altre case includono la Asperion Care in Chicago Heights, nei sobborghi a sud di Chicago, e l’ Advantage Living Center – Roseville, a nord di Detroit.

Anche se gli ispettori han terminato di fare ispezioni di routine in case di riposo durante la pandemia, continuano però a investigare le più serie accuse che coinvolgono mancati controlli di infezioni.

Tra i problemi citati nei report esaminati da ProPublica: mancanza di equipaggiamento per la protezione  personale, non mantenere distanza sociale tra i residenti, numero inadeguato di staff e non aver reagito con sufficiente rapidità  quando i pazienti han presentato sintomi del morbo.

Residenti di case di riposo sono stati tra i più colpiti dal COVID-19. Fin oggi, più di 10.000 residenti di case di riposo sono morti, secondo il Wall Street Journal e la Kaiser Family Foundation, una filantropia sanitaria. In alcuni stati, i residenti di case di riposo costituiscono più della metà delle morti del COVID-19. I registri delle ispezioni ci permettono di dare un’occhiata al tipo di errori che possono essere alla radice dei focolai diffusi che si verificano in queste strutture.

Tutto sommato, vi sono circa 15,000 case di riposo negli Stati Uniti, che ospitano circa 1.3 milioni di persone. Le case offrono un elevato livello di cura per individui che hanno bisogno di aiuto in attività di vita giornaliera, come vitto, bagni e vestirsi. Siccome Medicaid paga per una parte sostanziale della cura in queste case, e Medicare paga per alcune, il CMS stabilisce gli standard di operazione. Molte delle case che hanno ricevuto citazioni di pericolo immediato nelle recenti settimane relazionate al COVID-19 sono state citate nel passato per violazioni di quelle regole.

Solo all Enumclaw, 38 residenti e 10 membri della staff han testato positivo per il COVID-19 in data 2 aprile, ispettori federali hanno notato. Cinque residenti son morti.

La 68enne madre di Abraham Ritter, Patrizia, è residente della Enumclaw dal 2004.

“Quel che mi preoccupa è che mia madre è sotto una sentenza di morte per essere in quella casa di riposo”. Non ho altro posto dove metterla. Se non prendono delle precauzioni ragionevoli per assicurare la sua salute e sicurezza, non c’è da chiedersi semplicemente se contrarrà l’infezione che causa la malattia, ma quando”.

In una dichiarazione a ProPublica, Enumclaw ha detto che la loro principale priorità è “la sicurezza e il benessere dei nostri residenti”.

“Dall’inizio della pandemia, abbiamo continuato a a lavorare con i dipartimenti della sanità della contea e dello stato quanto necessario,” ha detto la casa. “Appena identifichiamo zone di opportunità  attuiamo cambiamenti, aggiorniamo i regolamenti, e provvediamo addestramento in tutta la compagnia”.

La casa di cura ha detto che segue le più recenti raccomandazioni per operazioni e procedure emesse dai Centers for Disease Control and Prevention e dal CMS. Separatamente, nel suo piano per correggere le violazioni, ha detto Enumclaw, “i residenti della casa che sono venuti in contatto con un altro residente o membro della staff con sintomi o che hanno sviluppato sintomi sono messi in isolamento”.

Esperti in case di riposo han detto che la sorveglianza delle strutture è critica durante la presenza del COVID-19, quando è proibito a molti visitatori di visitare i loro cari e  l’accesso non è permesso nemmeno agli ispettori”.

“Credo che questa crisi ha travolto le case di riposo,” ha detto David Grabowski, un professore nel Department of Health Care Policy della Scuola di Medicina di Harvard.” Le case di riposo hanno lottato con il controllo delle infezioni e qualità di cura per molto tempo. Purtroppo, questa crisi ha completamente devastato l’industria.

“Alcune case non si sono adeguate  alle linee di guida della CMS? Di sicuro. E questo il punto centrale qui? No”, ha aggiunto. “Io credo che il punto centrale è che il governo federale è venuto a meno nei riguardi dei residenti e delle loro staff nelle nostre case di cura. Il mancato intervento del governo ha causato molti più problemi che le violazioni relazionate al COVID identificate dal CMS fin oggi”.

Alla Beaconshire Nursing Center, una casa a Detroit, un ispettore ha visto un’assistente infermiere mangiare il suo lunch allo stesso tempo che stava dando da mangiare a un residente con sintomi del COVID-19. L’assistente infermiere non aveva guanti di protezione o un camice, come di dovere in queste situazioni, e la sua maschera era sotto il mento così che potesse mangiare il suo cibo. L’individuo è stato immediatamente ammonito dal direttore della casa di riposo e mandato a casa. Un avvocato di Beaconshire ha detto a ProPublica che le citazioni trovate nel rapporto di ispezione erano basate sulle azioni di solo un impiegato e che eventualmente quel membro della staff e’ stato licenziato.

Alla casa di cura Hearthstone a Seattle, un ispettore ha visto  un assistente infermiere senza protezione degli occhi come i goggles entrare nella stanza di un residente in isolamento per sospettato COVID-19. Lo stesso assistente infermiere ha aiutato a cambiare le mutande  sporche del residente, secondo il rapporto. L’assistente infermiere ha poi rimosso i suoi guanti sotto ai quali c’erano un altro paio di guanti. L’assistente infermiere ha poi dato da mangiare al residente senza lavarsi le mani. Hearthstone ha poi detto in una dichiarazione che tutti i membri della sua staff  erano stati poi addestrati in igiene appropriata e nell’uso di equipaggiamento personale protettivo. L’assistente infermiere e’ stato “escluso dal lavoro” per 14 giorni sulla base di un possibile contatto con l’infezione e che ha testato negativo al COVID-19, ha detto la casa.

E all’Advantage Living Center – di Roseville un ispettore ha redatto un rapporto di 69 pagine che concludeva che la casa aveva aspettato troppo prima di mandare un residente all’ospedale non ostante ci fosse evidenza “di un severo declino nella salute.” Secondo il rapporto, il residente eventualmente e’ morto in ospedale da probabile COVID-19. Secondo il rapporto, i risultati degli esami del residente non erano stati ancora annunziati. L’ispettore ha scritto anche che c’era una grave insufficienza di personale perché gli impiegati non si presentavano al lavoro. Un assistente infermiere, per esempio, era responsabile  per 41 residenti per turno e un altro assistente infermiere per 31. Secondo il rapporto gli assistenti infermieri non potevano provvedere la cura necessaria per tutti i residenti durante i turni.

“E’ orribile,” uno degli assistenti infermieri ha detto a uno degli ispettori.

Un dirigente esecutivo di una delle case ha espresso obiezioni sul rapporto, dicendo che la casa di riposo lo contestava sulla base di multipli errori e inesattezze. Kelsey Hastings, un partner e amministratore delegato degli Advantage Living Centers, ha detto in una e-mail che la  casa di riposo aveva dato una risposta dettagliata agli ufficiali federali inclusa evidenza che contraddice  l’ispettore.

Specificamente, Hastings ha detto a ProPublica, che l’ispettore “non aveva confermato il numero di membri della staff  durante il turno e l’infermiere al quale aveva parlato non aveva idea di tutto il numero di membri della staff nella sezione della quale abbiamo anche documentazione. ”

“La nostra staff sta prestando un alto livello di cura in circostanze difficili ed estenuanti,” ha scritto Hastings in una e-mail.  Hastings non ha dato a ProPublica una copia della risposta, citando regole di privacy e di non poter eliminare informazioni personali prima della scadenza.

“Noi abbiamo seguito le linee di guida della CDC e abbiamo alterato le linee di guida quasi ogni giorno a causa dei continui cambiamenti nelle raccomandazioni. Le nostre altre case di cura  stanno seguendo le stesse linee di guida e i periti non hanno rilasciato citazioni e hanno espresso complimenti  alle varie squadre per le procedure adottate”.

I registri indicano che Advantage Living è stata citata per inadeguato controllo di infezione nel passato in quella casa. Hastings non ha risposto a una domanda sulle priori violazioni di quella casa di riposo.

Asperion Care di Chicago Heights non ha risposto alle richieste di commento.  Il Life Care Center ha detto in una dichiarazione di questo mese che “continuerà a cooperare con il CMS per trovare una soluzione” delle citazioni nella rapporto, che sono risultate in una multa di $611,000. “Stiamo lavorando sodo per rispondere  alle loro correnti preoccupazioni in maniera  attempata e rispettosa per poter dare ai nostri residenti la miglior cura,” il rapporto ha detto.

Organizzazioni che rappresentano le case di cura han detto che loro stanno facendo il meglio possibile.

L’American Health Care Association, il gruppo commerciale dell’industria, ha detto che strutture di assistenza a lungo termine non hanno ricevuto il supporto che hanno di bisogno dalle agenzie federali, statali e locali durante la pandemia CIVID-19.

“La realtà è che molte di queste citazioni sono il risultato del fatto che le case di cura che provvedono assistenza a lungo termine si sono trovate di fronte a una situazione senza precedenti che le ha lasciate a  implorare aiuto per testing, equipaggiamento protettivo personale (PPE) e risorse di staff,” Mark Parkinson il presidente e amministratore delegato, ha detto in una dichiarazione. “Proprio come gli ospedali, abbiamo chiesto aiuto. Nel nostro caso, nessuno ci ha ascoltati”.

LeadingAge, una associazione non-profit di organizzazioni per anziani, ha detto che nel mezzo di una pandemia, i regolatori dovrebbero adottare un approccio di collaborazione nel loro lavoro con le case di riposo. “Con questo vogliamo dire che lavorino in modo costruttivo con le case di riposo non solo per identificare problemi di controllo di infezioni, ma per risolvere problemi e  risolvere significativamente difficolta’ sul posto,” Janine Finck-Boyle, vice presidente del gruppo per affari regolatori, ha scritto in una risposta a domande da ProPublica.

“Vogliamo che i membri della nostra associazione si conformino con tutti i requisiti del CMS, incluse direttive emesse durante questo periodo di crisi,” ha aggiunto. “Detto questo, la guida da parte del CMS e’ stata limitata e vaga alla risposta alle domande dettagliate che noi riceviamo dai nostri membri su base giornaliera. Spesso, il CMS ha fatto riferimento alle linee di guida del CDC, la quale offre raccomandazioni — non regolamenti.

LeadingAge ha scritto agli ufficiali sanitari dell’amministrazione Trump questa settimana per lamentarsi della nuova richiesta che le case di cura mandino i loro rapporti di dati su residenti COVID-19 positivi alla CDC o si aspettino delle multe, dicendo che “sarebbe risultato in dati inconsistenti e contraddittori, da esacerbare la confusione publica”.

Il CMS ha notificato per la prima volta le case di cura di prepararsi per il coronavirus il 6 febbraio, dicendo,  “Tutte le agenzie che partecipano nel programma Medicare nel sistema di salute della nazione devono aderire a standard per la prevenzione di infezioni e controllo cosi’ da poter prestare cura medica sicura e di alta qualità.” E fatto seguito con guide aggiuntive per  restringere accesso a visitatori non essenziali e correlate all’uso di PPE.

Il CMS ha sospeso anche ispezioni routine di case di riposo e ha detto che avrebbe concentrato la sua attenzione in situazioni nelle quali i residenti sono in pericolo immediato per serie lesioni o morte. Ha detto che se gli ispettori non avevano adequati PPE, non potevano entrare nelle case di cura.

Il CMS non ha risposto a domande circa problemi avanzati dalle case di cura e i loro gruppi commerciali.

C’e’da aspettarsi che le sfide con le quali le case di cura dovranno confrontarsi aumenteranno, non solo mentre infezioni continuano  a percorrere tra le case di cura ma anche quando i pazienti COVID-19 sono rilasciati dagli ospedali e hanno bisogno di assistenza infermieristica qualificata come parte del loro recupero. Patrocinatori ci hanno avvertito sul rischio che rappresentano per pazienti già fragili che non hanno la malattia.

Richard Mollot, direttore esecutivo della Long Term Care Community Coalition, un gruppo di patrocinio per residenti di case di cura, ha detto che a suo parere le case di cura hanno risposto alla crisi in maniera molto meschina, “ ma sappiamo anche di case di cura che stanno veramente lavorando per onorare gli impegni legali e morali che hanno con i residenti e le famiglie”.

“Per la maggior parte, queste sono case di cura che non hanno preso misure in anticipazione della pandemia (soprattutto dopo che ha colpito la casa di Kirkland nello stato di Washington) case di cura che stanno accettando nuovi residenti anche quando la loro staff e’ tristemente inadeguata per i loro attuali residenti, e anche numerosi rapporti di case che rilasciano residenti correnti per poter ammettere pazienti con il COVID-19 ( per i quali c’e’ un rimborso molto più considerevole),” ha detto Mollot in una e-mail.

Tornando alla Enumclaw Health and Rehabilitation Center la casa di cura fuori Seattle, le citazioni sono andate oltre la mancanza di prestare  precauzioni appropriate dopo che alcuni pazienti hanno  cominciato a mostrare sintomi di COVID-19.

La casa di cura “non ha messo in operazione il programma di prevenzione dell’infezione e controllo per provvedere un ambiente  sicuro e sanitario, e per aiutare  a prevenire lo sviluppo e la trasmissione di malattie infettive e infezioni, in particolare il COVID-19,” come scritto dagli ispettori. E non ha notificato immediatamente il Dipartimento della Salute dello stato di quelle malattie.

I problemi erano in bella mostra quando gli ispettori sono arrivati il 26 marzo.  L’amministratore ha scortato l’ispettore per i corridoi, passate 10 stanze di residenti e attraverso varie zone di cura di residenti, fino una stazione infermieristica  nella zona 500, l’epicentro dello scoppio del COVID-19 nella casa di cura, prima di sottometterlo al controllo di febbre. L’unico termometro disponibile nella stazione dell’infermeria era un termometro orale, cosi’ che l’ispettore ha dovuto togliersi la maschera che gli copriva la faccia.

Quando gli è stato chiesto come mai l’uso di un  termometro orale , l’amministratore ha detto, “Questo è tutto quello che abbiamo”.

Nel suo piano di correzione, la casa ha detto che e’ ora in stretto contatto con il Dipartimento della Salute dello stato per quanto riguarda infezioni e ha fatto mettere un termometro all’entrata della casa per il controllo dei visitatori.

Ritter, la cui madre è nella casa di cura, ha detto che il COVID-19 ha semplicemente esacerbato problemi conosciuti già da lungo tempo nell’industria delle case di cura, specificamente problemi di staff.

“Impiegati con bassi salari ridotti all’osso, anche prima di questa crisi,” ha detto. “Le case di cura non avevano abbastanza impiegati per fare abbastanza lavoro”.

Traduzione dall’inglese a cura di Salvatore Rotella

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter