Cerca

SportSport

C’é Juve-Roma, tutti in ginocchio davanti a Neopalla

I magri incassi dalla settimana di Champions fuori dai confini italici ci traghettano verso una sesta giornata di campionato che raggiungerà il suo apice nel big match Juve - Roma. I giallorossi troveranno ad attenderli un autentico dodicesimo giocatore bianconero in campo: il pubblico dello Juventus Stadium

La settimana di Champions fuori dagli italici confini riporta come bottino un punto solo. La Roma insiste e centra un pareggio prezioso, mentre la Juventus mostra ancora i suoi limiti ormai atavici in terra di Spagna; negli ultimi confronti non è mai riuscita a vincere riportando soltanto un pareggio. La differenza tra le due squadre in Europa è determinata dal fatto che la Roma gioca il suo girone “infernale” come se non avesse nulla da perdere, quindi scendendo in campo con animo sereno e, contando sulla qualità dei singoli, riesce perfino a divertirsi. Discorso diverso per i bianconeri: sono costretti a vincere per lignaggio e per dimostrare sempre e comunque di poter essere forti oltre che in Italia, anche, finalmente, in Europa. La realtà dei fatti la rimanda al prossimo appuntamento. Allegri si tormenterà non poco convincendosi che con un pizzico di coraggio in più avrebbe potuto centrare addirittura la vittoria, ampiamente alla sua portata, se Vidal e Pogbà, invece che da interditori avessero giocato con il loro consueto ruolo di rifornimento alle due punte, peraltro ispiratissime, Tevez e Llorente.

La Champions League di metà settimana ci traghetta verso la sesta giornata di campionato regalandoci i consueti anticipi, digiuni ed abbuffate domenicali, diluendo gli incontri in un brevissimo fine settimana che raggiungerà il suo culmine nella sfida che antepone le dirette pretendenti al trono di Neopalla, famosa e virtuosa Dea del calcio inventata dall'immenso Gianni Brera. Un big match che evoca i fasti iberici di Real e Barcellona, unici autorizzati alla conquista del titolo. Miti trasferiti per una domenica sui campi di casa nostra.

Juventus – Roma, Domenica, ore 18 (Quote 2 – 3,4 – 3,75)

In pieno turnover troviamo una nostra vecchia conoscenza che fa il suo esordio (in panchina): Andrea Pirlo difatti sarà tra i convocati di Allegri. Vidal e Pogbà sono apparsi in forma calante a Madrid, mentre un dubbio rimane sull'utilizzo di Evrà o Asamoah sulla fascia sinistra. Formazione tipo per la AS Roma, in forse De Santis che dopo la trasferta inglese potrebbe saltare anche la Juve. La Roma troverà ad attenderla un autentico dodicesimo giocatore bianconero in campo che sarà il pubblico dello Juventus Stadium. Giocare lì dentro e restare impassibili non sarà impresa facile.

Il Pallone salomonicamente incoraggia il segno X

Fiorentina – Inter, Domenica, ore 20:45 (Quote 2,5 – 3,3 – 2,8)

Quattro schiaffi dal maestro hanno il potere di svegliare chiunque dal torpore autunnale, e l'Inter a Firenze dovrà fare a meno di tutti i suoi centrocampisti ; reparto mediano decimato da infortuni e squalifiche, Mazzarri dovrà inventarsi ruoli e strategie al Risiko se vorrà uscire indenne dal Franchi. I Viola potranno utilizzare Cuadrado dall'inizio in coppia con Babacar e Mati Fernandez subito dietro da trequartista puro.

La sfera di cristallo talvolta si appanna: Segno 1

Verona – Cagliari (Quote 2,1 – 3,4 – 3,45)

Dopo aver schiaffeggiato l'Inter a San Siro, Zeman si appresta alla sua seconda partita lontano dalla Sardegna. Squadra che vince non si cambia ed il Cagliari si ripresenta a Verona con la stessa formazione di domenica scorsa. Gli scaligeri si affideranno all'equilibrio per non dare spazio alle giocate di Zeman. Toni in avanti forse sarà troppo isolato per fare male.

Il Pallone si bilancia. Segno X

Napoli – Torino (Quote 1,57 – 3,85 – 6)

Ce la farà Benitez a scegliere stavolta una formazione che non procuri stati di ansie ed agitazioni sugli spalti del San Paolo? I soliti dubbi sulla staffetta Mertens – Insigne ed un tiepido consenso del pubblico azzurro non faranno certo dormire sonni sereni allo spagnolo, che nel frattempo si rilassa rivedendo tutti i film di Vanzina per abituarsi al famoso cinepanettone che incombe sul suo cabezon ormai da un paio di settimane. Il Toro, stanchissimo per le fatiche europee, si affiderà alla ragnatela di passaggi flemmatica ed irriverente per cercare di confondere il Radar di Gonzalo Higuain.

Il Pallone di cristallo auspica indigestioni di B movie a Rafa Benitez. Segno 1

Altri incontri

Lazio – Sassuolo (Quote 1,55 – 3,8 – 7)

Parma – Genoa (Quote 1,95 – 3,35 4)

Milan – Chievo (Quote 1,45 – 4,2 – 7,55)

Empoli – Palermo (Quote 2,4 – 3,15 – 3,05)

Udinese – Cesena (Quote 1,55 – 3,7 7)

 

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter