Cerca

SportSport

Serie A col calciomercato: solo per la maglia?

Tifosi felici per l'arrivo del campione (o presunto tale) e disperati per la cessione del talento (vero o falso)  che fino a pochi giorni prima vestiva la maglia con i colori più amati dai propri fan e che, improvvisamente ed indegnamente, dopo il calciomercato vestirà un altra maglia. Intanto il campionato di Serie A continua

In Italia a gennaio si apre una finestra dove tutti coloro che vivono e respirano calcio si affacciano per guardare lontano e chiedersi quale sarà il nuovo acquisto della propria squadra del cuore. Il periodo del Calciomercato è sinonimo di attese e di delusioni , di rabbia e di perdoni. Tifosi felici per l'arrivo del campione (o presunto tale) e disperati per la cessione del talento (vero o falso)  che fino a pochi giorni prima vestiva la maglia con i colori più amati dai propri fans e che, improvvisamente ed indegnamente, dopo il calciomercato vestirà un altra maglia. Proclami estivi fanno di ogni calciatore il paladino della causa del club. I neo acquisti si battono il petto , dichiarano fedeltà alla squadra ed affacciandosi ai balconi dell'entusiasmo giurano amore eterno invocando patti di fedeltà in molti casi disattesi appena qualche mese dopo. Il mercato dei calciatori si svolge in un lussuoso Hotel di fronte a Porta Garibaldi a Milano in cui gli scambi  avvengono in un salone con poltroncine in pelle e tavolini vintage anni '70 . Un curioso pavimento in moquette verde simula sfrontatamente un campo di calcio.  I procuratori in questa alcova monetaria hanno il loro momento di gloria che dura un mese, piazzando merce al miglior offerente. Non è affatto raro che a volte gli agenti assecondano  i capricci dei loro assistiti. Destro , ex attaccante della Roma, non vuole andare all'estero, ma vuole il Milan; ed allora il suo procuratore Renzo Contratto (mai nome fu più indicato !) propone a Galliani l'affare. Gonzalo Higuain a detta del fratello-agente, è felice di restare a Napoli ma solo se arriverà tra le prime tre squadre in zona Champions. Amore a termine. Le trattative convergono e si incrociano al ritmo di centinaia al giorno in una febbrile ascesa ormonale direttamente proporzionale allo scadere del termine delle contrattazioni. Le maglie stingono presto e cambiano colore nel giro di poche ore, gli idoli se ne vanno e gli arrabbiati restano. Esempi più o meno recenti hanno fatto il giro del web. Il talento brasiliano Kakà affacciato al balcone di Via Turati indicava ai tifosi lo stemma sul cuore, per poi passare al Real Madrid in una sola notte ed esibire ai madridisti  la  candida maglietta delle merengues. Dalle maglie esibite a quelle strappate il passo e breve. Il Balo interista ha fatto scuola in negativo scagliando a terra davanti alla curva Nord la maglietta nerazzurra, caso che ha sancito in maniera irreversibile la rottura tra il calciatore ed i suoi ex-tifosi che lo hanno ripudiato a vita.

La cronaca di queste ore annunciano in partenza Osvaldo ormai nel freezer della tribuna  in attesa del disgelo estivo, e Giovinco che, in odore di rinnovo ha sfoderato una prestazione eccellente in coppa Italia segnando anche due gol. Misteri della firma, adesso la “formica atomica” pare che resti a Torino. Pogbà lascerà la Juve a giugno, destinazione Real Madrid per una somma che si dovrebbe aggirare intorno ai 100 milioni.  Il Calcio moderno pare non gradire le bandiere eterne. Gli attuali calciatori alla moda ultra tatuati e depilati alla perfezione non sono certo modelli di dedizione ed attaccamento ai colori della maglia. Ma intere generazioni hanno dovuto inchinarsi alla bellezza stilistica delle giocate di Francesco Totti, delle pennellate di Alex Del Piero e dell'integrità di campioni del calibro di Javier Zanetti  Campioni in campo e fuori, in un epoca in cui le bandiere stentano, ormai, a sventolare.

Serie A: Diciannovesima di Campionato

Anticipo sabato 17 Gennaio ore 18 ( New York ore 12)

Empoli – Inter 1 (3,55) X (3,30) 2 (2,15)

Alla Pinetina allenamento e presentazione del neo acquisto Shaqiri che potrebbe fare il suo esordio ad Empoli mentre Osvaldo escluso dalla rosa non partirà con la squadra. Buone notizie per Palacio; l'attaccante argentino non dovrà operarsi alla caviglia e si è allenato regolarmente con il gruppo. Jonathan infortunato e Juan Jesus squalificato obbligano Mancini a rivedere la difesa. Rientra Kovacic che partirà dalla, panchina. Mister Sarri , reduce da quattro pareggi ed una sconfitta sta perdendo il suo smalto arrembante . Mario Rui e Guarente out per un turno aumentano le difficoltà.

Il Pallone è esterno. Segno 2

 

Ore 20:45 ( New York ore 2:45PM)

Palermo – Roma 1 (3,70) X (3,40) 2 (2,05)

La divina coppia d'attacco rosanero si divide per un turno ed il Palermo perde dopo nove turni. Non può essere un caso e Iachini lo sa bene. Perdere un solo anello della catena significa rompere alcuni equilibri importanti. Dybala si è allenato con i compagni in vista della sfida contro la Roma ma il Mister potrebbe dare spazio a Belotti dal primo minuto. Rientra Daprelà dopo l'intervento all'appendicite. Ballottaggio a centrocampo per Munoz-Feddal. La AS Roma recupera Strootman  che con Florenzi e Pjanic completerà la linea mediana. Destro in partenza annunciata sarà in campo dal primo minuto. Doppia tegola per Rudi Garcia: De Rossi e Nainggolan squalificati non saranno disponibili ed il francese si reinventa il centrocampo. Totti influenzato e Manolas in dubbio completano la lista delle grane in casa giallorossa. 

Il Pallone è interno: segno 1

 

Domenica ora di pranzo (alba a New York)

Lazio – Napoli 1 (2,60) X (3,20) 2 (3,80)

Ore prandiali per bocconi amari. Resta da definire a chi resterà sullo stomaco il pranzo domenicale. Il Napoli reduce dalla sconfitta interna con la Juve affronta la squadra più in salute del 2015. Gabbiadini ancora in rodaggio , Rafa Benitez farà a meno di Britos squalificato e Ghoulam all'estero per la Coppa d'Africa. Solito modulo ad una punta (Higuain) e falso nove (Callejon) il Napoli tenta di risorgere all'Olimpico misurandosi in un ottimo banco di prova che rappresenta la Lazio. Fulmine a ciel sereno per Pioli, che dovrà fare a meno del suo genio Felipe Anderson. Per il brasiliano stop di almeno un mese per una lesione al ginocchio. Dopo i guai familiari questa notizia appare un vero dramma per il giovane talento biancoceleste e per il suo allenatore. Keità e Djordjevic dovrebbero giocarsi il gettone di presenza, anche se entrambi non hanno avuto sinora un eccellente rendimento sul campo.

Il Pallone stigmatizza. Segno X

 

Ore 15 ( New York ore 9 AM)

Udinese – Cagliari 1 (2,10) X (3,30) 2 (3,60)

Ultimo turno vincente per Zola, solito movimento oscillatorio per Stramaccioni reduce dal pareggio del Mapei Stadium contro il Sassuolo. E le quote non lasciano alternative

Segno X

 

Cesena – Torino 1 (4,25) X (3,30) 2 (1,90)

Il Toro è in discreta serie positiva, interrotta dai tre squilli della Lazio in Coppa. Ventura potrà impiegare da subito il nuovo acquisto Maxi Lopez che scambierà con Quagliarella la fascia d'attacco. Glik squalificato lascerà il posto a Jansson. Larrondo e Perez esclusi dalla rosa perchè prossimi partenti. Tre rientri importanti e tre defezioni inattese affollano tristi pensieri nella testa di Di Carlo . Squadra ridisegnata ex-novo per un incontro dalle mille insidie.

Segno X

 

Milan – Atalanta 1 (1,535) X (4,00) 2 (7,00)

Il Milan in campionato non vince da un mese ma la vittoria in Coppa Italia sembra aver avuto un effetto corroborante per il team di Inzaghi. Un nuovo entusiasmo cresce in casa Milan per l'esordio convincente di Cerci, che verrà confermato dall'inizio a completare il tridente d'attacco con Menez ed El Shaarawi. Bonaventura e Montolivo a dirigere il traffico a centrocampo. Difesa solita disposta a quattro, turnover d'obbligo per Bonera. La Dea è sempre stata sullo stomaco al Milan, ma prima di tutto il tecnico orobico penserà a non prenderle. Classico schema 4-4-2 . Coppia in attacco con il neo acquisto Pinilla e Denis e Moralez che ronzerà attorno all'area rossonera con la speranza di pungere .

Il Pallone dispera: Segno 1

 

Chievo – Fiorentina 1 (3,80) X (3,30) 2 (2,05)

Dalla Cina con furore. Diamanti ha ottenuto il transfer internazionale e potrà essere in campo contro il Chievo a disposizione di Mister Montella. Gomez dal primo minuto affiancherà Cuadrado in attacco. Clivensi in mini serie positiva da tre turni si affidano alla difesa a cinque per non farsi troppo male. Paloschi isolato davanti dovrà fare miracoli per impensierire i viola.

Il Pallone non è mai prudente: Segno 2

 

Genoa – Sassuolo 1 (2,55) X (3,10) 2 (3,15)

Con Matri assente per infortunio e Pinilla frettolosamente ceduto all'Atalanta , Mister Gasperini dovrà risolvere il problema dell'attacco da schierare contro il Sassuolo. Di Francesco ha due squalificati importanti del calibro di Cannavaro e Vrsaliko da rimpiazzare in difesa. Pegolo infortunato e Taider in Africa per la Coppa. Tridente delle meraviglie Zaza-Sansone -Berardi . Che finisca in pareggio ci crediamo in molti, quote comprese , ma con quei signori in attacco il Sassuolo potrebbe avere più possibilità di portarsi a casa i tre punti. . 

Il Pallone non si adegua: Segno 2

 

Parma – Sampdoria 1 (2,65) X (3,20) 2 (2,75)

La solita coppa d'Africa preleva Belfodil e Acquah dalle speranze di Donadoni che dovrà fare a meno di due dei suoi giocatori migliori.  Con Biabiany e Ghezzal fuori uso da tempo, il Parma spera in un miracolo. Anche la Sampdoria paga il dazio e cede Mesbah alla Coppa d'Africa. Okaka leggermente in vantaggio su Berghessio per affiancare  Eder in attacco.

Il Pallone è scettico : Segno 2

 

Posticipo Domenica ore 21 ( New York ore 3 PM)

Juventus – H.Verona 1 (1,20) X (7,00) 2 (13,00)

Doppia sfida contro il Verona in meno di 72 ore. La Juve B ha dilagato contro l'Hellas a Verona ed ora si ripete il confronto allo Juventus Stadium con le prime linee a contendersi i tre punti. Rientra la formazione titolare, Allegri è determinato a colpire il Verona con tutte le armi possibili per vincere in campionato e continuare l'ascesa in solitaria della vetta più ambita della stagione, Champions esclusa. Il Verona conta i pezzi e si ricompone a fatica. Toni dal primo minuto e Rafael tra i pali cercheranno rispettivamente di colpire e non prendere.

Il Pallone teme il peggio: Segno 1

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter