Cerca

MediterraneoMediterraneo

Palermo regina dello street food: al via il primo festival dedicato al cibo di strada

In Piazza San Domenico, in scena il primo festival del cibo di strada palermitano che, secondo  Forbes  e secondo il portale virtualtourist.com, è al primo posto in Europa per qualità

Una Palermo tutta da gustare. Non al chiuso dei suoi ristorani, ma all'aperto con il suo cibo di strada che, secondo la rivista Forbes  e secondo il portale virtualtourist.com, è al primo posto in Europa in termini di qualità e bontà, al quinto posto a livello mondiale. 

Un riconoscimento che ha spinto l'amministrazione comunale a dedicare allo street food del capoluogo siciliano un vero e proprio tributo: il Panormvs Street Food Festival.

 Patrocinato da Expo Milano 2015, il festival andrà in scena  il 18 e 19 aprile dalle ore 10.00 alle ore 24.00, nella splendida location di piazza San Domenico.  Che, per l'occasione, si trasformerà in un vero e proprio villaggio gastronomico con 19 stand in cui gustare panelle, crocché,  frittura di pesce e tante altre bontà, inclusi dolci e gelati. 

Protagonisti gli street fooder palermitani più conosciuti: Antica Panelleria da Nino, Bar Lucchese, Chioschetto della cattedrale, Dainotti’s, Elenka, Francesco re della porchetta, Friggi­toria da Arianna, La Sfincioneria, L’Angolo della Frutta, Le pizzette di Benny, Nino Santa Maria, Nino u Ballerino, No figghiu ru zu Gino, Panineria Zio Aldo, La corte dei Normanni, Viviana Merlino, Zia Pina, Ganci alla Cala, La Cubana, Ferro di Cavallo.

"Questa splendida iniziativa – ha dichiarato il sindaco Leoluca Orlando – è un modo per scoprire quanto la nostra città sia apprezzata nel mondo, anche dal punto di vista del cibo di strada. Non è un caso, infatti, che secondo una classifica internazionale della prestigiosa rivista Forbes e del noto portale Virtualtourist.com, Palermo sia al quinto posto nel mondo per la qualità del cibo di strada e la prima città in Europa. È un motivo di vanto per tutti i palermitani che bisogna coltivare perché, attraverso il cibo di strada, si portano avanti le antiche tradizioni della nostra città. Questo – ha concluso il sindaco Orlando – è l'anno zero per questa iniziativa che diventerà un appuntamento fisso".

“Questo festival – ha dichiarato l’assessora alle Attività Produttive Giovanna Marano –  nasce per promuovere lo street food palermitano e per consentire a coloro che sono quotidianamente impegnati in un’attività che ha un circuito economico importantissimo per il nostro territorio, di esibirsi nel corso di questa due giorni. La scelta delle date – ha spiegato l’assessora Marano – non è stata casuale. Il festival si svolgerà, infatti, prima dell’apertura dell’Expo, dove porteremo le nostre tradizioni culinarie di strada. D’altro canto, a Palermo abbiamo una varietà incredibile di cibi, ascrivibile ad una tradizione storica antichissima che risale alla cultura arabo normanna e siamo sicuri che la manifestazione riscuoterà un enorme successo". 

Piazza San Domenico

Piazza San Domenico

La manifestazione ad ingresso libero, ha già visto esaurirsi nel giro di pochi giorni 4000 assaggi gratuiti scaricati direttamente dal sito www.panormvsstreetfoodfestival.it. Gli organizzatori  hanno deciso di aggiungere ulteriori 50 degustazioni gratuite al giorno disponibili dal 13 al 17 aprile fino ad esaurimento disponibilità, al termine delle quali il pubblico potrà accedere a pagamento ai prodotti messi a disposizione dagli street fooder palermitani.

“Abbiamo sponsorizzato questa iniziativa installando un bellissimo cartellone pubblicitario nell’area Arrivi dell’Aeroporto Falcone Borsellino – ha dichiarato il presidente di Gesap, Fabio Giambrone, anche lui presente all’incontro con i giornalisti -. Al festival, inoltre, – ha concluso il presidente Giambrone – parteciperà anche una delegazione di giornalisti tedeschi, che sarà in città per promuovere la nuova rotta Palermo – Memmingen della compagnia irlandese Ryanair”.

All’interno del festival spazio anche per “Expo Village” dove apprezzare i prodotti enogastronomici e i manufatti dei più abili artigiani della Sicilia: Ai Sapori di un Tempo, Ass. Gentilgesto, Azienda La Chiusa, Basura, Daniela Lucido Vetrofusione, F.lli Vescera, FabLab Palermo, Francesco Vitamia, Giovanni Montoro, Giuseppe Costanza, I Sassi di Sabrina, Manukriati/FiGi-Arte in luce, Miele Meli/ Hora Benedicta/La birra di San Martino, Molini del Ponte, Partyandcraft/Le Creazioni di Maria Grazia, Quattrocieli, Quir, U Panaru, La Bottega delle Percussioni, Gusti di Sicilia Ristocibus, Riflessi di Luce di Rosaria Colajanni, Flowers.

Ma a caratterizzare la due giorni dedicata allo street food palermitano, eccellenza riconosciuta a livello mondiale che anche il noto portale VirtualTourist.com e la prestigiosa rivista statunitense Forbes hanno premiato collocando il capoluogo siciliano al quinto posto nella top ten delle capitali mondiali dello Street Food, anche una gustosa gara gastronomica per nominare il miglior Street Fooder della Sicilia.

Aperta a tutti gli operatori street food partecipanti, le degustazioni dei piatti in gara si terranno il 18 aprile. I concorrenti dovranno presentarsi entro le ore 15.00 nello spazio riservato alla giuria in piazza San Domenico con i loro piatti cucinati e già composti. La proclamazione dei vincitori sarà effettuata domenica 19 aprile alle ore 17.00.

La giuria sarà composta daFranco Giglio (Presidente Giuria – Imprenditore CIBUS Palermo), Patrizia Di Benedetto (Chef “BYE BYE BLUES”), Francesco Pensovecchio (Giornalista Gambero Rosso), Mario Puccio (Assistente Tecnico Ist. Alberghiero “Ugo Mursia” di Carini) e Francesca Landolina (giornalista Cronache di Gusto).

Per tutto il pubblico anche un ricco calendario di eventi: spettacoli, musica dal vivo, talk show, momenti di informazione e intrattenimento sul tema dello street food. Ma gli eventi non interesseranno solo i palermitani e i turisti della città perché grazie al “Fuori Festival” anche i Comuni di Cafalù e Monreale potranno godere di eventi sul tema food.

 

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter