Cerca

MediterraneoMediterraneo

Canicattini Bagni e Floridia: due giorni per ricordare l’emigrazione in America e la storia di Ann Uccello

Due giorni, due convegni, due mostre a Canicattini Bagni e a Floridia, in provincia di Siracusa, per ricordare la grande emigrazione di siciliani in America. E per celebrare Ann Uccello, figlia di emigranti oggi novantenne, diventata Sindaco di Hartford nel 1967

Due giorni per ricordare la grande emigrazione dei siciliani negli Stati Uniti d’America. Due giorni con due convegni in due paesi diversi: Canicattini Bagni e Floridia. Due centri della provincia di Siracusa da dove, tra la fine dell’800 e i primi del ‘900, furono in tanti a cercare miglior fortuna solcando l’Atlantico, destinazione  Hartford, nel Connecticut, dove ancora oggi è forte la presenza delle comunità canicattinesi e floridiane.  

Il primo appuntamento si è tenuto nelle sale di  Palazzo Messina-Carpinteri, a Canicattini Bagni, dov’è atata allestita ed è stata presentata la mostra dal titolo: “Antonina Ann Uccello – Una vita per immagini”.

Organizzata dall’Associazione “Casa degli Emigranti” di Hartford, in collaborazione con il Museo Tempo e il Comune di Canicattini Bagni, la mostra è dedicata ad Ann Uccello, figlia di due emigranti canicattinesi che, nel 1967, diventò il primo Sindaco donna della città di Hartford, e di una capitale degli Stati Uniti.

Dopo i saluti dell’assessore al Welfare e alla Pubblica Istruzione, Marilena Miceli, è stato proiettato un videomessaggio dell’ex primo cittadino di Hartford, oggi novantaduenne, che ha commosso il numeroso pubblico presente.

Subito dopo ha preso la parola Salvatore Petruzzelli, ricercatore presso il Museo Civico Tempo di Canicattini Bagni, che ha introdotto delle riflessioni sull’emigrazione e sulle contaminazioni sociali che ha comportato nelle diverse società, mettendo in evidenza come il merito renda possibili storie come quella della Uccello.

Poi è stata la volta di Paolo Pirrotta, dell’associazione “Casa degli Emigranti”, presidente della Canicattinese Men’s Society di Hartford, e autore del libro “Mayor Ann: Hartford’s First Lady!”, oltre a numerose pubblicazioni sull’emigrazione, che ha parlato in modo approfondito della brillante carriera politica della canicattinese Ann Uccello, dall’elezione a Sindaco nel 1967 fino agli incarichi di Governo sotto la presidenza di Richard Nixon.

La chiusura di questo primo appuntamento è stata affidata a David Gustaffson, nipote dell’ex Sindaco di Hartford Ann Uccello, che si è detto grato e onorato per l’importanza che la città di Canicattini Bagni ha voluto tributatr all’anziana zia.

La mostra (che resterà aperta sino al 30 Aprile 2015 nelle sale di Palazzo Messina-Carpinteri da lunedì a venerdì dalle ore 9:00 – 13:00 e il martedì e giovedì dalle ore 16:00 alle ore 18:00)  ripercorre la storia della famiglia Uccello, dalle liste di partenza di Ellis Island fino alla dedica di una via ad Hartford all’ex primo cittadino di origini canicattinesi.

Il secondo appuntamento è andato in scena  venerdì 24 Aprile, promosso in collaborazione con il Comune di Floridia, ha visto l’inaugurazione della mostra sull’emigrazione floridiana ad Hartford nei locali della Galleria Civica d’Arte Contemporanea di Piazza del Popolo a Floridia. Dopo il saluto dei Sindaci di Floridia e Canicattini bagni, rispettivamente, Orazio Scalorino e Paolo Amenta, sono intervenuti i relatori: Salvatore Petruzzelli, Paolo Pirrotta e Gaetano Indomenico, quest’ultimo floridiano e per tanti anni emigrato negli Stati Uniti.

Anche a Floridia la mostra sarà visibile da martedì a venerdì dalle ore 9:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 18:00, il sabato e domenica dalle ore 10:00 alle 13:00 e dalle 16:00 alle 19:00

Nel corso di questa particolare due giorni è emerso come il legame tra chi, negli anni, ha lasciato la propria terra e le proprie radici per seguire il grande sogno americano e migliorare le proprie condizioni di vita, e chi invece è rimasto nel paese di origine, non sia mai venuto meno. Anzi, tale legame si è rafforzato.

“La nostra iniziativa – si legge in un comunicato diffuso dai due Comuni del Siracusano – in sintonia con le comunità d’oltreoceano dei nostri paesi, e la nascita del Museo dell’Emigrazione a Canicattini Bagni hanno il comune obiettivo di raccogliere e salvaguardare la memoria dell’emigrazione quale fenomeno storico e sociale, per trasferirlo alle giovani generazioni, affinché conoscano le proprie radici culturali e identitarie e a loro volta ne siano custodi”.

Foto tratta da nuok.it

 

 

 

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter