Cerca

New YorkNew York

Commenti: Vai ai commenti

Polizia violenta: anche a New York si chiede giustizia

Dopo le tragiche morti in Minnesota e Louisiana, i giovani newyorkesi protestano a Union Square

police brutality

Following a confrontation with police, Alton Sterling was shot dead on camera

Dopo che due afroamericani di St. Paul e Baton Rouge, Philando Castile e Alton Sterling, hanno perso la vita durante un alterco con la polizia e la loro tragedia è stata ripresa in video, i newyorkesi si danno nuovamente appuntamento a Union Square per protestare la violenza

READ THIS ARTICLE IN ENGLISH

Nelle ultime 48 ore due diversi video hanno preso piede in internet. Il primo di questi riprende la polizia americana nell’atto di sparare a Alton Sterling, un giovane afroamericano residente a Baton Rouge (Louisiana) che è stato coinvolto in un violento scontro a mano armata mentre vendeva DVD illegali all’uscita di un negozio. Il secondo video, invece, mostra Philando Castile, afroamericano di St. Paul (Minnesota) mentre viene ucciso con 4 colpi di pistola da parte dei pubblici ufficiali davanti al figlio e alla fidanzata mentre i tre attendevano ad un semaforo.

police brutality

Screenshot of the livestream in which Philando Castile was just shot at a traffic stop, in St Paul, Missesota

Nonostante i fatti abbiano avuto luogo in città distanti, essi hanno presto raggiunto un livello di diffusione virale in tutto il Nord America. i tristi avvenimenti sono giunti fino al Palazzo delle Nazioni Unite dove Stephane Dujarric, portavoce del Segretario Generale, ha affermato: “Le immagini delle ultime ore sono sconvolgenti, speriamo che ognuno dei due casi verrà trattato con l’attenzione che merita in modo da scoprire cosa è realmente accaduto e definirne le ragioni”. Potete trovare l’intera dichiarazione qui a partire da minuto 28:11.

A New York City gli attivisti di tutti i quartieri hanno subito iniziato a far sentire la propria voce non solo, ovviamente, attraverso i social media ma anche tramite marce ed eventi pubblici. Ora più che mai infatti, grazie alla crescente importanza e influenza acquisite dai social media, i giovani hanno il potere di decidere per cosa vale la pena ribellarsi e lottare. Attraverso scuole e università gli studenti newyorkesi si stanno organizzando proprio in queste ore per attivare movimenti di protesta contro quanto accaduto. Vi segnaliamo, in particolare la marcia che si terrà stasera, giovedì 7 luglio, dalle 17 alle 19 a Union Square Park, NYC. L’evento è organizzato dall’associazione “Stop Mass Incarceration Network” ed è prevista un’affluenza di oltre 2mila persone, tutte accomunate dall’indignazione verso le mancanze della legge e dal desiderio di fermare la violenza razzista che troppe volte ha portato a morti innocenti (ricordiamo, tra gli altri, le morti di Eric Garner e Michael Brown).

In qualità di reporter per La Voce di New York saremo presenti all’evento e continueremo a seguire il caso.

READ THIS ARTICLE IN ENGLISH

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter