Cerca

New YorkNew York

Commenti: Vai ai commenti

Arresti “undercover” anche a New York: il NYPD li giustifica, De Blasio e Cuomo no

Per l'arresto della transgender Nikki Stone, trascinata dentro un furgone senza identificazione come a Portland, aumentano le tensioni tra polizia e manifestanti

La deputata Alexandria Ocasio-Cortez: “I nostri diritti civili sono sull'orlo del precipizio. Questo non è un gioco. Non ci sono scuse per prendere donne dalla strada e gettarle in furgoni non identificati. Non proteggere i nostri diritti significa perderli".

Questo video postato su Twitter Martedì scorso, riprende l’arresto a New York, sulla 2nd Ave & 25 Street, di Nikki Stone, 18enne transgender. La giovane è stata bloccata da agenti in borghese mentre camminava in testa ad una manifestazione (è stata poi rilasciata il 29 luglio a condizione che si presenti dal giudice).

Il video è subito diventato virale, infiammando l’opinione pubblica che in questo periodo storico più che mai, guarda con diffidenza alle forze di polizia del paese. Gli eventi di Portland, Oregon, dove il Presidente Donald Trump ha inviato agenti federali per domare con violenza le proteste che vanno avanti da settimane, emanano un’ombra di terrore sul resto del paese.

“La donna è stata presa in custodia in una macchina in borghese perché era ricercata per aver vandalizzato le telecamere di sicurezza della polizia attorno a City Hall Park in cinque differenti occasioni. Gli ufficiali che stavano portando avanti l’arresto sono stati assaliti con pietre e bottiglie,” ha poi dichiarato il NYPD su twitter. E poi ha aggiunto che la donna non aveva fissa dimora, e che l’unico luogo per indetificarla e arrestarla era proprio durante una manifestazione.

“La squadra utilizza veicoli in borghese per localizzare con efficacia i sospetti da arrestare,” ha aggiunto il NYPD su twitter.

“[ciò che è successo] non dovrebbe accadere in questa città. Questa non è Portland “, ha detto il sindaco Bill De Blasio mercoledì in conferenza stampa.

“Penso che sia stato il momento sbagliato, e il posto sbagliato per effettuare l’arresto”, ha dichiarato il sindaco di New York, reiterando che non permetterà al Presidente di inviare agenti federali per le strade della City.

Ma sembra che questo arresto, con la violenza e il luogo nel quale è stato effettuato, non abbia fatto che aggravare l’immagine del NYPD. Andrew Cuomo, governatore dello stato di New York, ha dichiarato in conferenza stampa di essere rimasto sorpreso che il NYPD abbia agito in maniera così sgradevole.

“Una azione totalmente insensibile rispetto a tutto ciò che sta succedendo in questo momento,” ha dichiarato il governatore.

Infatti Stone è stata arrestata durante la manifestazione che protestava lo smantellamento del campo di protesta davanti a City Hall. Il campo era stato allestito il 23 Giugno davanti al municipio per fare pressioni al consiglio comunale al fine di ridurre i fondi per la polizia. Si parlava di un taglio di un miliardo di dollari, che però non ha lasciato contenti in molti.

La deputata Alexandria Ocasio-Cortez ha ribadito la necessità di trasparenza e meno violenza da parte delle forze di polizia. “I nostri diritti civili sono sull’orlo del precipizio. Questo non è un gioco. Non ci sono scuse per prendere donne dalla strada e gettarle in furgoni  non identificati. Non proteggere i nostri diritti significa perderli. È nostra responsabilità resistere agli autoritarismi”.

Ciò che il NYPD dichiara essere stato un arresto legittimo e in linea con i protocolli, ha però scatenato un’ulteriore ondata di malcontento verso coloro incaricati a proteggere la città.

A New York, l’aria si fa sempre più densa.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter