Cerca

New YorkNew York

Commenti: Vai ai commenti

La crisi dei ristoranti a New York al punto di non ritorno, ristoratori pronti a marciare

Le misure anti covid-19 stanno colpendo le attività di ristorazione a Manhattan più che qualunque altra attività, ma dalle autorità non arrivano nuovi aiuti

Un ristorante chiuso a Manhattan (Foto di Terry W. Sanders)

L’economia della ristorazione Newyorkese continua seriamente a preoccupare una moltitudine di imprenditori e dipendenti. Le nuove leggi per il “pranzo all’aperto” stanno generando in media solamente il 20% delle entrate rispetto al 2019: sfortunatamente, queste non si avvicinano minimamente ai prezzi delle bollette, degli affitti e non arrivano a pagare gli stipendi per il personale. I fondi PPP (Paycheck Protection Program), una soluzione temporanea per fornire liquidità per integrare i ricavi ridotti con il rimbalzo dell’economia, sono quasi esauriti.

Non è finita qui: a New York palestre, musei e persino scuole stanno riaprendo con una capacità limitata con la guida dello Stato e dei governi locali. Allo stesso tempo, lo stato del New Jersey inizierà con una capacità limitata del 25% per la ristorazione al coperto questo venerdì, 4 settembre. Ma la crisi economica che sta colpendo i ristoratori continua ad influire su tutto il business: più di 2,800 attività commerciali a New York City sono state chiuse definitivamente dal 1° marzo, secondo i dati di Yelp, il sito di recensioni e schede di attività commerciali, un numero più alto rispetto a qualsiasi altra grande città americana.

New York al tempo della pandemia (Foto di Terry W. Sanders)

Circa la metà delle chiusure è avvenuta a Manhattan, dove gli edifici per uffici sono stati svuotati, i suoi residenti più ricchi sono partiti per le seconde case e i turisti sono rimasti alla larga da NYC. Quando la pandemia alla fine si placherà, circa un terzo delle 240.000 piccole imprese della città potrebbe non riaprire mai, secondo un rapporto del Partnership for New York City, un influente gruppo imprenditoriale. Ma per quanto riguarda i ristoranti si teme addirittura che 2/3 potrebbero essere già “out of business” nel gennaio 2021.

Finora, queste aziende hanno perso 520.000 posti di lavoro. Mentre New York ospita più sedi Fortune 500 di qualsiasi altra città del paese, le piccole imprese sono la spina dorsale della città. Rappresentano circa il 98% dei datori di lavoro della città e danno da vivere a oltre 3 milioni di persone, che è circa la metà della sua forza lavoro, secondo la città. Gli aiuti federali d’emergenza non sono riusciti a fornire supporto sufficiente, le persone non si fidano per riprendere una vita normale e la minaccia di una seconda ondata del virus incombe.

Anche con un tasso di infezione sotto l’1% per oltre 24 giorni, il governatore Mario Cuomo continua a respingere l’idea di aprire i business della ristorazione. Nell’ambito di un pacchetto di aiuti di emergenza da 2,2 trilioni di dollari adottato a marzo, il governo federale ha accantonato circa 500 miliardi di dollari in prestiti alle piccole imprese per mantenere a galla i lavoratori e le aziende. Ma gli imprenditori hanno affermato di aver speso tutto o la maggior parte dei prestiti, pagando stipendi e bollette, compreso l’affitto.

A New York, il settore della ristorazione e dell’ospitalità è stato uno dei più colpiti. Secondo la NYC Hospitality Alliance, oltre l’80% dei ristoranti e dei bar della città non ha pagato l’affitto completo a giugno. Dato che la situazione non sembra promettente, è partito un tam tam tra i ristoratori per organizzare una protesta davanti al municipio di New York City per richiedere un piano di supporto e responsabilità nei confronti dei lavoratori che stanno cercando di sopravvivere in questa situazione difficile. L’ashtag è #NYCrestaurantsmarch e la marcia dovrebbe avvenire il 14 settembre. Mentre i lavoratori marceranno con striscioni e cartelli, il governo deve cercare una soluzione per un problema che potrebbe affliggere l’economia non solo di NYC, ma avere poi conseguenze sugli interi Stati Uniti.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter