Cerca

New YorkNew York

Commenti: Vai ai commenti

Cuomo contro i cluster di COVID-19: i casi aumentano nelle zone a rischio

Cuomo conferma l'aumento di casi Covid-19 "principalmente a cause delle pratiche religiose", ma rassicura i cittadini: "145.000 test, nuovo record per NY"

Il Governatore Andrew M. Cuomo ha annunciato oggi che lo Stato di New York ha effettuato 145,811 test diagnostici COVID-19, un nuovo record. Nei primi 20 codici postali in aree che hanno visto epidemie recenti – Brooklyn, Queens e Rockland e Orange Counties – sono stati effettuati 7,349 test, che hanno prodotto 426 positivi ed un tasso di positività del 5,8%. Nel resto dello Stato, sono stati effettuati 138.462 test con 1,410 positivi ed un tasso di positività dell’1,01%. Lo Stato di New York continua a monitorare i cluster con una particolare attenzione alle aree in cui sono presenti hot-spot, situazioni di cluster. Il tasso di test positivo per il resto dello Stato di New York, senza contare questi 20 codici postali, è dell’1,01%. Questi 20 codici postali contenevano il 23,2% di tutti i casi positivi nello Stato di New York ieri, ma rappresentano solo il 6,2% della popolazione dello Stato.

Ieri abbiamo fatto 145.000 test; è un nuovo record per lo Stato di New York. Sono più test di qualunque altro negli Stati Uniti, un nuovo massimo per noi”, ha affermato il Governatore Cuomo. “Alcuni hanno riferito che il tasso di infezione dello Stato sta aumentando. Questo non è un dato di fatto e non è corretto. I cluster sono ciò che stiamo guardando. I cluster sono il 6% della popolazione dello Stato. Non credo che ci sia nessun altro Stato che fa abbastanza test per sapere anche cosa sta facendo il 6% della popolazione. Quindi non bisogna confondere il 6% della popolazione, sostenendo che è rappresentativo dello Stato”.

Una famiglia di ebrei-ortodossi a Brooklyn (di Anna i Adria)

Incoraggiare i gruppi religiosi a rispettare le ordinanze governative sulla sicurezza “diventa complicato” a causa delle loro opinioni e pratiche culturali. Proteste rabbiose si sono svolte in gran parte a Brooklyn, con partecipanti contrari alla chiusura delle scuole di Cuomo e alle restrizioni sui raduni religiosi, e molti dei manifestanti non indossavano le mascherine.

Il più grande hotspot di Covid-19 si trova nel mezzo di Brooklyn, in sovrapposizione con le comunità ebraiche ortodosse del distretto, e il mancato rispetto dei protocolli di sicurezza consente la diffusione del tasso di infezione.

Il governatore Andrew Cuomo ha affermato che l’aggravarsi del coronavirus in alcune parti di New York è principalmente un problema ebraico “ultra-ortodosso”. Durante un’intervista alla CNN venerdì mattina, il governatore dello Stato di New York ha affermato che “non è una questione di libertà religiosa”. Cuomo ha riconosciuto che le scuole cattoliche vengono chiuse perché si trovano all’interno del cluster ebraico “ultra-ortodosso” e non a causa dell’aumento dei tassi di infezione lì. “Le regole riguardano tutti, ha detto”. “Non mi interessa se sei cattolico romano, ebreo, musulmano o ateo. Bisogna seguire le regole dello Stato, le leggi dello Stato”. “Stiamo vedendo la verità e la verità è che se non si seguono le regole, il tasso di infezione si diffonde e le persone si ammalano”.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter