Cerca

New YorkNew York

Commenti: Vai ai commenti

Nuove regole per visitare New York, mentre De Blasio annuncia le vendite all’aperto

L'aumento dei casi Covid-19 allarmano il governatore Cuomo, ma ricoveri in leggera diminuzione. Il sindaco di NY introduce il programma "vetrine aperte"

Un uomo indossa una mascherina a New York City (Foto: Terry W. Sanders)

Il Governatore Andrew Cuomo ha annunciato che New York sta abbandonando il Tri-State Travel Advisory ed ora richiederà alle persone che visitano lo stato di risultare negative ai test per Covid-19. Questa politica eliminerà l’attuale elenco di consigli di viaggio di tre stati, ed imporrà a chiunque visiti lo stato di risultare negativo ad eccezione dei residenti degli stati contigui New Jersey, Connecticut e Pennsylvania. “Non ci sarà alcun elenco di quarantena”, ha detto Cuomo. I viaggiatori dovranno sottoporsi a test entro tre giorni prima dell’atterraggio a New York, mettersi in quarantena per almeno tre giorni all’arrivo, e sottoporsi ad un test il quarto giorno; se il test sarà negativo, allora si potrà uscire dalla quarantena.

Andrew Cuomo ha annunciato nuovi test anticorpali per gli operatori sanitari di prima linea in quattro ospedali, tra cui il Bellevue Hospital di Manhattan e l’Elmhurst Hospital nel Queens, che hanno entrambi gestito un’ondata di casi di coronavirus. Gli anticorpi sono in gran parte visti come la prova che una persona è sopravvissuta al virus e potrebbe aver sviluppato un’immunità temporanea. Ma con gli annunci dei test sono arrivate delle brutte notizie. Un giorno dopo aver segnalato il numero più basso di morti dal 1° aprile, Cuomo ha affermato che lo stato ha subito un leggero aumento delle vittime legate al virus. Il numero dei decessi è salito gradualmente a 437. Questo sabato, lo stato ha segnalato 10.553 nuove infezioni, portando il totale di New York a 282.143. Ma i nuovi ricoveri sono in calo: 1.184, rispetto ai 1.296 del giorno precedente.

Il governatore Andrew Cuomo (video Youtube)

Per evitare la diffusione di Covid-19 in spazi chiusi, mercoledì, il sindaco Bill de Blasio ha cercato di indurre una nuova iniziativa – il programma “vetrine aperte” – che potrebbe trasformare ulteriormente il paesaggio urbano. Secondo il programma, ha detto il sindaco de Blasio, ai negozi sarà consentito utilizzare gli spazi esterni vicini per esporre la merce e vendere. Fare acquisti fuori risulterebbe più sicuro che fare acquisti all’interno. Ha detto che il programma potrebbe far ripartire le vendite per oltre 40.000 piccole imprese con l’avvicinarsi delle festività natalizie. Jaime-Faye Bean, direttore esecutivo del Sunnyside Shines Business Improvement District, ha affermato che il programma è stato un buon passo. “I newyorkesi hanno bisogno di uno sbocco sicuro per fare acquisti e vivere le prossime festività in modo festoso“, ha detto, “ed i nostri rivenditori e artigiani locali hanno un disperato bisogno dell’àncora di salvezza che questo programma fornisce”. L’economia della città sta soffrendo. Più di un milione di residenti sono senza lavoro. Il tasso di disoccupazione ufficiale della città a settembre era del 14,1%, rispetto a un tasso nazionale che è sceso al 7,9%, dall’8,4% di agosto. Il dolore ha colpito particolarmente duramente le piccole imprese, che sono fondamentali per l’economia della città e per la vitalità dei quartieri. Le piccole imprese danno lavoro a più di tre milioni di persone, circa la metà della forza lavoro, secondo la città. Un influente gruppo imprenditoriale, il Partnership for New York City, ha stimato che quando la pandemia alla fine si placherà, circa un terzo delle 240.000 piccole imprese della città potrebbe non riaprire mai.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter