Cerca

NewsNews

Commenti: Vai ai commenti

Steve Bannon invoca la decapitazione di Fauci e Wray, e il suo avvocato si dimette

William Burck abbandona l'ex consigliere di Trump, dopo commenti medievali: "appenderei le loro teste alla Casa Bianca". Twitter e Youtube lo oscurano

Stephen Bannon

Il consigliere speciale del Presidente Trump, Steve Bannon, il 24 febbraio durante la conferenza CPAC a Washington, DC (Wikipedia.org, Foto Michael Vadon)

William Burck, noto avvocato di Steve Bannon, ex consigliere del presidente Trump, noto per il suo estremismo di destra, e che da agosto lo difendeva dalle accuse di frode presso il tribunale federale di Manhattan, l’ha improvvisamente abbandonato. Ha formalizzato le sue dimissioni in una lettera alla giudice Analisa Torres della Corte federale di New York, senza però fornire delle motivazioni.

La vicenda accade dopo che Bannon ha invocato la decapitazione del direttore dell’F.B.I., Christopher Wray e del dottor Anthony S. Fauci, massimo specialista in malattie infettive del governo.

Steve Bannon, era stato in passato arrestato per frode, e più recentemente, ha collaborato con Rudolph W. Giuliani, l’avvocato del presidente, per creare la storia sulla presunta corruzione di Hunter Biden, figlio del candidato democratico alla Casa Bianca Joe Biden.

I commenti di Bannon sono avvenuti durante un live streaming del suo programma online “War Room: Pandemic”. Nel video, Bannon, con commenti medievali, invocava la violenza. Il dottor Fauci e Christopher A. Wray sarebbero diventati bersaglio di esperti pro-Trump che li accusano di indebolire il presidente.

“Mi piacerebbe tornare ai vecchi tempi dell’Inghilterra dei Tudor”, ha detto Bannon. “Metterei le loro teste ai due angoli della Casa Bianca come avvertimento per i burocrati federali”. Successivamente, twitter ha bloccato l’account appartenente a Bannon, in cui aveva pubblicato le sue osservazioni, mentre l’account @WarRoomPandemic è stato sospeso definitivamente per aver violato le regole di Twitter, in particolare la “politica sulla glorificazione della violenza”, ha fatto sapere un portavoce del social media, e anche YouTube ha oscurato il suo video.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter