Cerca

NewsNews

Commenti: Vai ai commenti

Più di 110.000 studenti nelle scuole pubbliche di New York sono senzatetto

I dati allarmano le autorità per il quinto anno consecutivo, con migliaia di studenti che non hanno una casa stabile per condurre gli studi

PickPik /

L’organizzazione Advocates for Children ha affermato che più di 110.000 studenti di New York City sono senzatetto, o vivono in rifugi o in alloggi instabili e temporanei. È il quinto anno consecutivo che il numero ha superato i 100.000; la cifra significa che un bambino su dieci nelle scuole pubbliche cittadine è senza casa. Di questi bambini, 32.700 risiedono nei rifugi per senzatetto della città. Altri 73.000 si trovano in situazioni che l’organizzazione definisce “raddoppiate”, tipicamente quando una famiglia sta a casa di un amico o di un parente, spesso con molte persone in un piccolo spazio.

La crisi è più acuta nel Bronx, secondo lo studio, dove uno studente su sei è senza casa. Nel complesso, i numeri rappresentano un calo del 2,2% rispetto all’anno scolastico precedente, ma Advocates for Children avverte che la chiusura degli edifici scolastici a causa della pandemia potrebbe aver reso più difficile per le scuole identificare i cambiamenti nella situazione di vita di un bambino.

“La vasta portata dei senzatetto studenteschi a New York City richiede un’attenzione urgente”, ha affermato Kim Sweet, direttore esecutivo dell’AFC. “Se questi bambini comprendessero la loro stessa città, sarebbe più grande di Albany, e il loro numero potrebbe aumentare ancora di più dopo la revoca della moratoria statale sugli sfratti. La città deve agire ora per offrire maggiore sostegno agli studenti senza casa “.

Gli studenti che sono senzatetto affrontano probabilità più alte rispetto ai loro coetanei: solo il 29% di coloro che vanno dalla terza elementare alla terza media potevano leggere meglio nel 2019, 20 punti in meno rispetto ai loro coetanei in alloggi permanenti, secondo il rapporto. La pandemia ha solo aggravato questo divario: per molti bambini senza casa, gli edifici scolastici sono uno dei pochi luoghi stabili nella loro vita. E l’apprendimento a distanza può essere difficile – o impossibile – in appartamenti affollati senza un luogo privato dove studiare, o in rifugi per senzatetto in città senza un adeguato accesso a Internet.

La città si è impegnata a installare la connessione wireless in ogni ricovero per senzatetto che ospita bambini, ma afferma che non sarà in grado di finire quel lavoro fino a quest’estate. “Imparare da casa è molto più difficile quando non hai una casa permanente”, ha detto Sweet. “La città deve garantire che ogni studente senza casa disponga della tecnologia e del supporto di cui ha bisogno durante questo periodo di apprendimento remoto e ibrido. E con l’evolversi della situazione della salute pubblica, dobbiamo dare la priorità a offrire a questi studenti la possibilità di tornare in classe a tempo pieno e fornire loro l’aiuto di cui hanno bisogno per recuperare l’apprendimento perso”.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter