Cerca

EconomiaEconomia

Gli Stati Uniti importano sempre più Italia

Dall'ICE i dati sull'interscambio commerciale nel Primo Semestre 2013

Nel primo semestre del 2013, gli Stati Uniti hanno importato dall’Italia merci per un valore di 18,6 miliardi di dollari registrando un aumento del 2,95% sullo stesso periodo del 2012, dato importante se paragonato al perdurante calo di importazioni dal mondo (-2,11%) e dall’UE (-1,03%).

La quota di mercato dell’Italia sale dunque all’1,68% rispetto all’1,59% registrato nello stesso periodo del 2012, raggiungendo un saldo commerciale bilaterale di $10,2 miliardi (+$859 milioni rispetto al primo semestre 2012).

L’Italia si posiziona in ambito UE, quarto Paese fornitore, dopo Germania, Regno Unito e Francia, mentre a livello mondiale si colloca al dodicesimo posto.

Tra gli 11 Paesi fornitori che ci precedono, soltanto India, Corea del Sud, e Germania hanno registrato una crescita più alta, mentre Messico, Giappone, Regno Unito, Taiwan e Arabia Saudita riportano valori negativi.

L’analisi per macrosettori evidenzia la meccanica quale primo comparto (20,5%), seguito da moda (15,6%), agroalimentari e vini (10,0%), chimica e derivati del petrolio (6,3%), farmaceutica (6,3%), veicoli terrestri (6,3%), arredamento (4,8%) e macchine elettriche (4,5%). Tra i settori in calo: chimica e derivati del petrolio (-22,3%) e macchine elettriche (-6,8%).

Le importazioni dall’Italia di prodotti a tecnologia avanzata (ATP) hanno registrato un valore di $2,16 miliardi, con un incremento del 12,9% rispetto al primo semestre 2012. Le importazioni di ATP hanno raggiunto una quota dell’11,6% sul totale delle importazioni italiane in USA.

Le importazioni dall’Italia di prodotti a tecnologia avanzata (ATP) hanno registrato un valore di $2,2 miliardi, con un incremento del 12,9% rispetto al primo semestre 2012 raggiungendo una quota dell’11,6% sul totale delle importazioni italiane in USA.

Tra i settori di maggiore peso: aerospazio $788,78 milioni (36,5% sul totale ATP), biotecnologie $471,63 milioni (21,8%) e life science $350,54 milioni (16,2%).

I segnali sono incoraggianti e consentono di confidare in una buona performance dell’export italiano in USA anche per la seconda metà del 2013.

 

Pier Paolo Celeste è il Trade Commissioner e l'Executive Director per gli USA dell'Italian Trade Commission (ICE) – New York

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter