Cerca

PoliticaPolitica

Commenti: Vai ai commenti

Né con Le Pen né con Macron: per una nuova sinistra populista

Le elezioni presidenziali in Francia secondo i piani dei liberisti. Che fare?

Emmanuel Macron, il 2 luglio del 2015, ad un vertice franco-cinese quando lui ricopriva l'incarico di ministro dell'economia (Foto Pablo Tupin-Noriega)

Che pacchia per la destra la probabile vittoria di Emmanuel Macron in Francia. Anche nel secolo scorso vinceva quasi sempre le elezioni, però sentiva sul collo la minaccia socialista o comunista. Ciò la costringeva a compromessi, a un minimo di onestà. La sinistra ha bisogno di fare autocritica, un’autocritica radicale

Il New York Times esulta:  il populismo sarà ancora una volta fermato da una santa alleanza consolidatasi dietro il banchiere Emmanuel Macron. Il Mercato (eufemismo per definire i miliardari e le loro multinazionali) conferma: +4% alla borsa di Parigi. Hanno ragione, i liberisti e gli speculatori, a essere euforici; malgrado la loro imbarazzante inettitudine e gli irreversibili danni che stanno provocando all’ambiente e alla società, non incontrano ostacoli. Poco importa che la gente sia sfiduciata e spesso infelice o addirittura incazzata; tanto le sue reazioni sono o isteriche (la violenza spontanea, cieca, disorganizzata) o telecomandate (l’astensionismo o il voto per miliardari che a chiacchiere si dichiarano anti-sistema).

Colpa dell’individualismo sistematicamente promosso dai media e dalle nuove tecnologie? Dello sdoganamento degli egoismi, reso possibile dalla resa della politica, della cultura, della morale e persino della scienza al mito del successo come unico valore sociale? Certo. Ma in ogni epoca i ricchi hanno promosso l’individualismo e sdoganato l’egoismo per assicurarsi il potere contro i reali interessi di vaste maggioranze che avrebbero potuto spazzarli via in qualsiasi momento. Ciò che caratterizza la nostra epoca è che lo fanno senza opposizione e dunque senza dover ricorrere alla repressione: la loro egemonia è totale.

La colpa non è loro: loro fanno quello che gli conviene. La colpa è della sinistra. È la sinistra che ha tradito la gente, il popolo, innanzi tutto negandone l’esistenza – il suo antipopulismo (e ad altro livello il suo disdegno per la volgarità) è rifiuto del popolo, sostituito da nicchie spesso elitiste, incapaci di solidarietà e troppo integraliste per sviluppare strategie politiche complessive.

Che pacchia, per la destra. Anche nel secolo scorso vinceva quasi sempre le elezioni, però sentiva sul collo la minaccia socialista o comunista. Ciò la costringeva a compromessi, a un minimo di onestà, a una retorica della giustizia. Oggi può spudoratamente affermare che ai ricchi spetta tutto perché chi non è ricco è incapace o pigro. Può privatizzare i beni comuni e i servizi sociali. Può confondere il merito con la meritocrazia, dando ai fortunati e ai furbi il potere di sfruttare e opprimere non per via della loro forza, come avevano sempre fatto, ma di una presunta virtù misurata in dollari, euro e celebrità.

La sinistra ha bisogno di fare autocritica, un’autocritica radicale. Essere costretta a sperare che in Francia vinca un banchiere che da ministro dell’economia ha patrocinato trasformazioni liberiste (inclusa la Loi travail), o addirittura prendere apertamente posizione in suo favore, è il chiaro indice di un fallimento, ormai al limite della complicità. È confortante vedere che Mélechon si sia rifiutato di sostenere Macron; però non è abbastanza. Ci sono da riscoprire e riaffermare alcuni (pochi) valori fondamentali che ci distinguano in modo inequivocabile dai liberisti: l’eguaglianza economica, la priorità della politica sull’economia, la difesa delle comunità e delle culture, la lotta contro le concentrazioni di ricchezza e l’omogeneizzazione. L’antifascismo non può restare solo celebrativo e nostalgico; non deve più costituire la scusa o il diversivo per giustificare o nascondere l’inerzia della sinistra, la sua ritrosia ad affrontare il nemico più pericoloso: il neocapitalismo finanziario globale e l’apparato mediatico che lo sostiene.

  • Antonino Arconte

    Che strano questo articolo, descrive la destra, ma a me sembrava che descrivesse la sinistra… 😉

  • Enzo Pollono

    Orripilante. La sinistra – sinistra affonda in modo così totale nella paranoia del liberismo da non vedere differenze tra Le Pen e Macron, come se tutto poi si riducesse all’aspetto economico, al mercato libero o controllato. Ci sono enormi differenze tra la fascista Le Pen e il liberal-democratico Macron sul piano dei diritti dociali, dell’ambiente o, semplicemente, dell’intelligenza politica e della comprensione del mondo. La stessa cosa è avvenuta in America, da parte di chi non vedeva differenze tra Trump e Clinton. Gli articoli di Erspamer sono un’offerta all’intelligenza e alla dignità umane. )(

    • fabrizio c

      suppongo “offerta” alla fine stia per “offesa”…?

      • Enzo Pollono

        Si. Offesa.

  • Enzo Pollono

    P.S. Professore, corregga, si scrive Melenchon (più l’accento sulla e che non ho sulla tastiera) non Melechon. )(

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter