Cerca

PoliticaPolitica

Commenti: Vai ai commenti

Rosatellum: Matteo Renzi ne discute a Chicago con l’onorevole La Marca

Alla riunione il segretario del PD ha preso atto degli spunti forniti da Francesca La Marca, che ha votato contro l'emendamento Lupi

Francesca La Marca

Francesca La Marca durante l'intervista nell'ufficio della Voce di New York al Palazzo di Vetro dell'ONU (Foto VNY)

All'incontro di Chicago, durante il quale si è parlato anche di Ius Soli e prossime elezioni, hanno partecipato Anna Grassellino (nuova responsabile PD Mondo) e i dirigenti PD in Nord America. L'onorevole La Marca (Circoscrizione Nord e Centro America) ha confermato la sua contrarietà all'emendamento Lupi, ma ha ricevuto garanzie da Renzi: tra i candidati PD all'estero nessun residente in Italia

Lunedì, 30 ottobre, si è svolto a Chicago un incontro tra il Segretario del PD Matteo Renzi, Anna Grassellino, nuova responsabile PD Mondo, e i dirigenti del PD in Nord America. Presenti i parlamentari PD della ripartizione, l’on. Francesca La Marca e il senatore Renato Turano. Nel corso della riunione si è avuto un utile scambio di opinioni e vedute su diversi temi, sia di ordine generale che specificamente riguardanti gli italiani all’estero: le conseguenze della nuova legge elettorale, lo Ius Soli, le scelte da fare per incentivare la ricerca universitaria in Italia in comparazione con i centri di eccellenza in USA, le prossime elezioni e le prospettive del PD.

Da destra: Anna Grassellino, Francesca La Marca e Matteo Renzi a Chicago

La Marca è intervenuta sull’emendamento Lupi alla legge elettorale, che consente ai residenti in Italia di candidarsi in una ripartizione della circoscrizione Estero. La parlamentare ha sottolineato che, pur comprendendo le difficoltà derivanti da una negoziazione tra varie forze politiche, non ha votato l’emendamento, che è stato interpretato dalle nostre comunità all’estero come una lesione di una prerogativa acquisita. La Marca, comunque, si è compiaciuta della garanzia data sia dal segretario Renzi che dal capogruppo Rosato che il PD non candiderà all’estero alcun candidato residente in Italia.

Anna Grassellino e Francesca La Marca a Chicago

Renzi ha ascoltato e preso atto degli spunti forniti. Anna Grassellino, a sua volta, ha confermato che per l’elaborazione del programma elettorale del PD in vista della prossima consultazione elettorale si procederà con i sei gruppi di lavoro già istituiti.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter