Cerca

PoliticaPolitica

Commenti: Vai ai commenti

Salite al Colle: dalle consultazioni più lunghe a quelle lampo

I colloqui tra capo dello Stato e forze politiche per formare un governo hanno sempre avuto durata e dinamiche variabili nella storia della Repubblica

Il presidente Sergio Mattarella riceve i Gruppi "Forza Italia - Berlusconi Presidente" del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati (fonte: Quirinale)

La parola in sé trae già in inganno, in effetti: perché (per giorni, settimane, o mesi) quel “consulto” unito ad “azione” resta quasi sempre sulla carta, che nel frattempo subisce strappi, abrasioni e appallottolamenti. Eppure, quella salita al Colle è un rito irrinunciabile per ogni aspirante governante. Che si professino forza di rottura o esponenti della vecchia guardia, tutti (almeno formalmente) devono passare per lo Studio alla Vetrata

Il balletto delle consultazioni è qualcosa che dopo le vacanze pasquali probabilmente potrà risultare indigesto a molti. Anche perché per capirci qualcosa non basta conoscere i passi base per muoversi avanti, indietro e di lato. La pista è tanto larga quanto affollata e si presta a giravolte, casqué e balli di gruppo dalle formazioni tanto improvvisate quanto improbabili. La parola in sé trae già in inganno, in effetti: perché (per giorni, settimane o mesi) quel “consulto” unito ad “azione” resta quasi sempre sulla carta, che nel frattempo subisce strappi, abrasioni e appallottolamenti. Eppure, quella salita al Colle è un rito irrinunciabile per ogni aspirante governante della storia della Repubblica italiana. Che si professino forza di rottura o esponenti della vecchia guardia, tutti (tramite le loro delegazioni), almeno formalmente, devono passare per il colloquio con il capo dello Stato e per il suo Studio alla Vetrata.

Il presidente Sergio Mattarella riceve i Gruppi “Lega – Salvini Premier” del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati (fonte: Quirinale)

Sebbene al riguardo nulla prescriva la Costituzione, prassi ormai consolidate scandiscono il fitto e rigido calendario di appuntamenti che vede protagonista Sergio Mattarella e i suoi collaboratori più stretti. Cosa aspettarsi dagli incontri appena iniziati? Difficile dirlo. Al termine di questa due giorni, un’intesa tra le due forze politiche più votate il 4 marzo non si è trovata, ha detto il presidente della Repubblica: “Serve un periodo di riflessione”, ha dichiarato, dando appuntamento a un secondo giro di consultazioni per la settimana prossima. Ma quanto sarà necessario attendere prima di arrivare a un punto, in molti si chiedono, mentre alla tv Enrico Mentana continua imperterrito e infaticabile con le sue ormai leggendarie maratone? Il fattore tempo è uno dei più oscillanti. Intanto, val la pena dare uno sguardo alle consultazioni del passato, ricordando le più brevi e le più lunghe.

Il presidente Sergio Mattarella riceve i Gruppi “MoVimento 5 Stelle” del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati (fonte: Quirinale)

 

Per la nascita del governo Prodi II, il 16 maggio 2006, bastò appena un giorno di colloqui al Quirinale. Idem per il governo “tecnico” di Mario Monti, seguito all’apertura di una delle più brevi crisi di governo della storia: dopo appena tre giorni e uno di consultazioni con l’allora capo dello Stato Giorgio Napolitano, il 13 novembre 2011 si arrivò all’esecutivo passato alle cronache anche come “governo lacrime e sangue”. Accusato dalla destra di vero e proprio golpe, Napolitano avrebbe già voluto da tempo il Professore alla guida del Paese.

 

Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano: riuscirà a individuare un nuovo governo per l'Italia senza riandare subito alle elezioni?

Il presidente emerito della Repubblica Giorgio Napolitano

 

Tra le consultazioni più lunghe vanno ricordate invece quelle che nel 2013 portarono alla formazione del governo di Enrico Letta, dopo il voto che per la prima volta ha portato in Parlamento il Movimento Cinque Stelle: fu ancora Napolitano a ricevere le delegazioni delle forze politiche fra il 20 e il 30 marzo e, dopo il fallimento dell’incarico esplorativo di Pierluigi Bersani, venne istituita la cosiddetta commissione dei Saggi. Le consultazioni ripresero solo il 23 aprile e il nuovo governo si ebbe il giorno dopo.

Le crisi di governo più lunghe sono invece seguite al Prodi II (2008, 104 giorni), all’Andreotti I (1972, 121), all’Andreotti V (1979, 126), fino al record registrato dopo il governo Dini (1996, 127 giorni). In tutti e quattro i casi le crisi hanno portato allo scioglimento anticipato delle Camere e alla fine della legislatura.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter