Cerca

PoliticaPolitica

Commenti: Vai ai commenti

Corte Suprema, il Senato approva Amy Coney Barrett a pochi giorni dalle elezioni

Consolidata l'eredità di Trump. Durante la cerimonia, la giudice ha giurato fedeltà alla Costituzione: "farò il mio lavoro senza alcun timore o favore"

Lunedì 26 ottobre, a soli 8 giorni dalle elezioni del 3 novembre, un Senato diviso, con 52 voti contro 48, ha confermato Amy Coney Barrett alla Corte Suprema, la quinta donna alla corte nei suoi 231 anni di storia. Una grande vittoria per Donald Trump, che potrà vedersi garantito il predominio conservatore nel maggior tribunale americano per i prossimi anni, anche se i repubblicani perderanno nelle elezioni della prossima settimana.

La giurista, 48enne, cattolica e prima madre di bambini in età scolare a prestare servizio, consolida un’eredità giudiziaria per i repubblicani della Casa Bianca e del Senato. Discepola del defunto giudice Antonin Scalia, la Barrett avrà un’impronta molto diversa dalla donna di cui ha preso il posto: Ruth Bader Ginsburg, morta il 18 settembre e icona liberale. La Barrett potrebbe influenzare i diritti di aborto, i diritti dei gay, la regolamentazione degli affari e l’ambiente.

Il presidente Trump partecipa alla cerimonia di giuramento dell’onorevole Amy Coney Barrett (Youtube)

Trump durante la nomina, l’aveva lodata come “una delle menti legali più dotate della nazione”. Per il presidente americano si tratta della terza nomina, che ha contribuito a dare un’impronta molto precisa all’orientamento della Corte Suprema.

I democratici l’hanno definita un’ipocrita presa di potere da parte dei repubblicani, che secondo loro avrebbero dovuto aspettare che gli elettori dicessero prima il loro presidente, ma i repubblicani hanno detto che era un loro diritto, in quanto partito di maggioranza, andare avanti.

Dopo la conferma del Senato, la Casa Bianca ha ospitato una cerimonia privata, in cui la Barrett ha fatto il suo giuramento, diventando così ufficialmente parte della Corte Suprema.

“È una dei più brillanti studiosi legali della nostra nazione e renderà una giustizia eccezionale alla più alta corte del nostro paese. Il giuramento del giudice Barrett sarà amministrato dal membro più longevo del tribunale, attualmente in carica, un uomo la cui fedeltà alla legge gli è valsa il rispetto e la gratitudine di tutti gli americani, il giudice Clarence Thomas”, ha detto il presidente Donad Trump durante la cerimonia a South Lawn.

“È un privilegio che mi venga chiesto di servire il mio paese in questo ufficio e sono qui stasera davvero onorata”, ha detto Amy Coney Barrett durante il suo discorso. “Il giuramento che ho fatto solennemente stasera significa che farò il mio lavoro senza alcun timore o favore, e che lo farò indipendentemente sia dai rami politici, che dalle mie preferenze. Amo la Costituzione e la repubblica democratica che istituisce e mi dedicherò a preservarla”.

AGGIORNAMENTO – La Corte Suprema lunedì notte ha respinto la richiesta di allungare la deadline per ritenere valido il voto per posta il giorno di arrivo nello stato del Wisconsin. I voti sono stati 5 a 3, con i repubblicani in maggioranza e i democratici in dissenso. L’ordinanza del tribunale ha mostrato la profonda divisione all’interno della corte, già senza la presenza della Berret. I conservatori della corte affermano che devono rimandare ai funzionari statali le decisioni elettorali prese negli stati in gran parte a conduzione repubblicana, mentre i giudici liberali affermano che è necessaria un’azione da parte dei giudici per garantire il diritto di voto agli elettori durante la pandemia.

“Sulla scala sia della giustizia costituzionale che dell’accuratezza elettorale, la protezione del diritto di voto in una crisi sanitaria supera il rispetto di una scadenza stabilita in giorni più bui”, ha scritto la giustizia democratica Elena Kagan. Il giudice repubblicano Brett M. Kavanaugh ha risposto che “il via libera di Kagan ai tribunali federali per riscrivere dozzine di leggi elettorali statali in tutto il paese nelle prossime due settimane sembra essere radicato nella convinzione che i giudici federali sanno meglio dei legislatori statali su come condurre le elezioni durante la pandemia”. La decisione è stata una vittoria per i repubblicani e il presidente Trump.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter