Cerca

Primo PianoPrimo Piano

Processo Mediaset, Berlusconi condannato anche in appello

Silvio Berlusconi durante una fase del processo

Silvio Berlusconi durante una fase del processo

Al Cavaliere quattro anni per frode fiscale e cinque di interdizione dai pubblici uffici. I legali: «Sentenza scontata». Confalonieri assolto

Nessuno sconto per Silvio Berlusconi che oggi, per il caso Mediaset, si è visto confermare in secondo grado la condanna a quattro anni di carcere, tre dei quali coperti da indulto, e cinque anni di interdizione dai pubblici uffici. Lo ha deciso la seconda Corte d’Appello di Milano condividendo in pieno la sentenza emessa lo scorso 26 ottobre dal Tribunale. 

Dopo quasi sei ore di camera di consiglio e un processo che, per una serie di “stop and go”, si è trascinato dallo scorso 18 gennaio, il giudici, presieduti da Alessandra Galli, hanno anche di nuovo inflitto 3 anni di reclusione (condonati) a Frank Agrama, il produttore statunitense ritenuto «socio occulto» del Cavaliere, 3 anni e 8 mesi e un anno e due mesi agli ex manager Daniele Lorenzano e Gabriella Galetto. In più, per questi e per l’ex premier hanno disposto, come il collegio presieduto da Edoardo D’Avossa, una provvisionale di 10 milioni di euro da versare in solido alla Agenzia delle Entrate. 

Continua a leggere su La Stampa

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter