Cerca

Primo PianoPrimo Piano

Commenti: Vai ai commenti

NFL: giocatori in ginocchio, ma perché?

Come la protesta degli sportivi afroamericani è stata oggetto di manipolazione e l'importanza di saper leggere certi gesti

di Angelo Perrone

Nell'immagine Colin Kaepernick, al centro, mentre si inginocchia per protesta contro le condizioni degli afroamericani negli Stati Uniti (Foto da Youtube)

Al gesto di alcuni giocatori della NFL, Donald Trump ha reagito qualificandoli come “figli di puttana”. Il fatto più singolare però è l'interpretazione della genuflessione secondo Trump, ovvero una “mancanza di rispetto per il Paese, per la bandiera, per l’inno”. Porsi in ginocchio in realtà è un gesto che va oltre il mero ossequio e indica umiltà verso il simbolo davanti al quale ci si prostra

Saper leggere i gesti può essere un buon modo per conoscere gli altri, capire la loro sincerità e magari per stare alla larga da soggetti poco raccomandabili. Forse sarebbe possibile anche smascherare un imbroglione guardando come si comporta con noi, come reagisce alle parole o ai comportamenti, anche se certo non basta il singolo gesto per cogliere in flagranza il farabutto. Il linguaggio del corpo la dice lunga. È strumento di seduzione e fascinazione nelle relazioni amorose, serve a intuire le qualità professionali nei rapporti di lavoro. Infatti manda segnali di apertura o di chiusura, di disponibilità o di rifiuto, di provocazione o persuasione. I movimenti corporei fanno da specchio al nostro stato d’animo e alle nostre intenzioni.

Il presidente Donald Trump deve essere stato consapevole di tutto ciò, quando ha dato la sua interpretazione del gesto compiuto da tante stelle americane del football (lo sport più popolare) durante la cerimonia, davvero molto patriottica, che viene compiuta all’inizio delle partite, cioè l’ascolto dell’inno nazionale, Star-Spangled Banner. La vicenda, assai nota, è stata ampiamente documentata e commentata sui media. Alcuni giocatori, in genere di colore, si sono messi in ginocchio anziché rimanere in piedi, mentre risuonavano quelle note. È  stato detto: un segno di rivolta contro le ingiustizie e le violenze ai danni della comunità nera e delle minoranze tutte, un atto di disobbedienza civile contro un presidente che non ha mancato di usare toni razzisti e di spregio verso quei soggetti. The Donald, d’altra parte, ha reagito con la consueta eleganza stilistica qualificando quei giocatori come “figli di puttana”, ed esortando i bianchi a cacciarli, trasformando dunque lo sport in una frontiera di scontro sociale. Il fatto più singolare però è l’interpretazione di quel gesto secondo il Trump-pensiero, cioè l’aver equiparato il fatto di mettersi in ginocchio a una “mancanza di rispetto per il Paese, per la bandiera, per l’inno”.

Non c’è bisogno di invocare qui l’ottica deformante delle post-verità, cioè delle false rappresentazioni del reale, delle bugie ricorrenti su fatti storici e avvenimenti del presente o del passato, per illustrare quanto i processi cognitivi possano produrre risultati alterati e fuorvianti e causare giudizi privi di senso. Basta semplicemente osservare le stesse immagini di quei giocatori, silenziosamente e impassibilmente in ginocchio durante l’inno, per rimanerne sorpresi e stupefatti. Una mancanza di rispetto quel gesto di inchinarsi appoggiando il ginocchio a terra, a capo basso?

Alcuni giocatori dei Washington Redskins si inginocchiano prima della partita il 24 settembre 2017 (Foto Google)

Pochi comportamenti come la genuflessione sono così carichi di storia, di significati ben radicati e univoci nella complessità del vivere umano. Porsi in ginocchio è un gesto che va oltre il mero ossequio, indica riverenza e umiltà verso la persona o l’oggetto davanti al quale ci si prostra, è persino un segno di adorazione, esprime dedizione e riconoscenza verso chi è percepito più grande ed importante di sé. Un significato mantenuto nei secoli, a partire dalla Bibbia che attesta l’uso di piegare un ginocchio proprio in segno di sottomissione di fronte ad altri e quindi, in primo luogo, davanti a Dio: lo stesso Gesù pregò a lungo “in ginocchio” nel Getsemani.

Lo stesso gesto, mettersi o essere messo in ginocchio, può collegarsi naturalmente a contesti molto diversi da quello dell’adorazione divina. Eventi naturali catastrofici, uragani, terremoti, siccità “mettono in ginocchio” la gente, gli allevatori, il mondo dell’agricoltura. Anche fatti economici gravi, come i fallimenti, la globalizzazione, possono avere la stessa conseguenza e (metaforicamente) “mettere in ginocchio” aziende, famiglie, persone. Persino il terrorismo di ogni latitudine e colore, dalle Brigate Rosse in Italia all’Isis nel mondo, è associato indelebilmente ad immagini angoscianti e cruente di vittime costrette ad inginocchiarsi davanti agli aguzzini.

Eppure, in ogni caso, non manca mai nel gesto quella dimensione della sottomissione e della subordinazione sia spontanea che indotta, mentre a esso non riesce proprio di associare un significato di rivolta, di insubordinazione, di mancanza di rispetto, come quello che gli ha attribuito Trump. È dunque del tutto fuorviante, cioè falso, attribuire un significato offensivo a un gesto che nella sua dimensione esteriore e nel significato storico è di per sé umile e ossequioso.

Il gesto di inginocchiarsi, durante l’esecuzione dell’inno nazionale, di alcuni giocatori afroamericani della NFL ha suscitato polemiche e solidarietà (Foto Google)

Certo, la linea di differenza è rappresentata dal sistema di valori al quale si presta deferenza e Trump ha perfettamente intuito che quello dei giocatori neri, che reclamavano rispetto e giustizia, non era certamente il suo. Ma qui, davvero, la bandiera a stelle e strisce e le note di Star-Spangled Banner, a dispetto delle arbitrarie associazioni logiche del presidente, devono essersi sentite soltanto onorate, e non offese, da quel singolare gesto di silenzioso ossequio.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter