Cerca

Primo PianoPrimo Piano

Commenti: Vai ai commenti

Bernie Sanders “sospende” la sua campagna ma non ritira la corsa dei suoi delegati

Il senatore del Vermont annuncia il ritiro riconoscendo in Joe Biden il candidato democratico per sconfiggere Trump, ma vuole ancora influenzare la convention

"Non posso con la mia coscienza continuare con una campagna che non potrei più vincere, e che interferirebbe con l'importante lavoro richiesto da tutti noi in questo momento così difficile", ha detto il senatore del Vermont riferendosi alla crisi del coronavirus. In una dichiarazione rilasciata dopo l'annuncio di Sanders, l'ex presidente Joe Biden ha chiamato il senatore del Vermont "una voce potente per un'America più giusta" facendo anche un esplicito appello ai supporter di Sanders all'unirsi alla sua campagna: "Spero che vi uniate a noi. Voi siete più che benvenuti. Abbiamo bisogno di voi".  

Il senatore indipendente del Vermont Bernie Sanders ha annunciato di aver sospeso la sua campagna elettorale per la nomination democratica alla presidenza degli Stati Uniti. Lo ha fatto con un video registrato in cui, fin dalle prime battute, ha ribadito le sue idee principali basate sul diritto alla sanità pubblica come diritto umano, così come lo sono anche il diritto all’istruzione pubblica superiore e certi livelli minimi salariali. Sanders ha detto che il suo nome rimarrà nella scheda elettorale per le prossime primarie “in modo che i suoi delegati eletti potranno ancora influenzare l’agenda del partito democratico alla convention”, quella che dovrebbe scegliere Joe Biden come il candidato per battere Trump alle elezioni di novembre.

Insomma Sanders riconosce in Biden il candidato su cui unire tutti gli americani che si oppongono a Trump, ma allo stesso tempo pensa di poter ancora influenzare l’agenda democratica considerata troppo timida rispetto ai temi sociali da lui avanzati su “la giustizia economica, la giustizia sociale, la giustizia razziale, la giustizia per l’ambiente”. 

“Lo so che qualcuno nel nostro movimento non è d’accordo con questa decisione” ha detto ad un certo punto del suo discorso indirizzato principalmente ai suoi sostenitori il senatore Sanders, che ha aggiunto: “Ci sono coloro che vorrebbero che noi lottassimo fino all’ultimo voto per la convenzione democratica. Comprendo questa posizione. Ma come sto vedendo anche come questa crisi sta stringendo la nazione, una crisi peggiorata da un Presidente che non vuole o non è in grado di assicurare alcun tipo di leadership credibile, e quando vedo il lavoro che si deve fare per proteggere le persone nell’ora più disperata, non posso con la mia coscienza continuare con una campagna che non potrei più vincere, e che interferirebbe con l’importante lavoro richiesto da tutti noi in questo momento così difficile”, ha detto il senatore del Vermont riferendosi alla crisi del coronavirus che sta provocando migliaia di morti negli Stati Uniti.

Joe Biden and Bernie Sanders (Illustration by Antonella Martino)

In una dichiarazione rilasciata dopo l’annuncio di Sanders, l’ex presidente Joe Biden ha chiamato il senatore del Vermont “una voce potente per un’America più giusta”, riconoscendo come il suo impatto sulle prossime elezioni non finirà adesso. Poi Biden ha fatto anche un esplicito appello ai supporter di Sanders all’unirsi alla sua campagna: “Ai sostenitori (di Sanders) dichiaro lo stesso impegno: Vi vedo, vi ascolto e comprendo l’urgenza di cosa debba essere fatto per questo paese. Spero che vi uniate a noi. Voi siete più che benvenuti. Abbiamo bisogno di voi”, ha dichiarato Biden.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter