Cerca

Primo PianoPrimo Piano

Commenti: Vai ai commenti

Pubblicati migliaia di documenti disciplinari che il NYPD manteneva segreti

ProPublica rende visibili i documenti sulle denunce contro gli agenti della polizia di New York e sulle azioni disciplinari che finora erano inaccessibili

Un mezzo della NYPD danneggiato durante le proteste dello scorso giugno per la morte di George Floyd (Foto Chiara Trincia)

Fino al mese scorso, tutto si svolgeva in segreto: non si sapeva se le investigazioni erano ancora attive o se un poliziotto fosse stato punito. Dopo anni di attese, i legislatori statali hanno abrogato la legge, rendendo pubbliche queste informazioni. Secondo ProPublica, sono 4,000, tra i 36,000 membri del NYPD, ad avere almeno una denuncia a carico

Domenica 26 Luglio, ProPublica con la pubblicazione di questo articolo ha posto una pietra miliare nella lotta per la trasparenza della condotta degli agenti del New York Police Department.

L’indignazione dell’America davanti alla morte di George Floyd ha spinto gruppi di attivisti a chiedere con vigore al governo di abrogare la legge 50-a che proteggeva i registri disciplinari degli agenti denunciati per condotta e azioni irregolari. 

Fino al mese scorso, tutto si svolgeva in segreto: non si sapeva se le investigazioni erano ancora attive o se un poliziotto fosse stato punito. Dopo anni di attese, i legislatori statali hanno abrogato la legge, rendendo pubbliche queste informazioni. ProPublica ha ottenuto le liste dal New York City’s Civilian Complaint Review Board, e ha deciso di pubblicarle. 

Secondo ProPublica, sono 4,000, tra i 36,000 membri del NYPD, ad avere almeno una denuncia a carico.

“Oggi stiamo rendendo pubbliche queste informazioni e, con esse, forniamo un quadro senza precedenti delle denunce di abusi contro gli agenti del NYPD, nonché i limiti dell’attuale sistema che dovrebbe punire questi ufficiali. Abbiamo pubblicato un database che ti consente di cercare personalmente i reclami verso la polizia. Gli esperti di dati possono scaricare qui la documentazione completa,” scrive Erick Umasky, reporter di ProPublica.

I sindacati del NYPD hanno fatto causa alla città per cercare di evitare che questi dati diventassero pubblici. Secondo Hank Sheinkof, rappresentate di una dei sindacati del NYPD We Are All New York, la pubblicazione non ha che fare con questioni di trasparenza. “Stiamo difendendo la privacy, l’integrità e la reputazione immacolata di migliaia di dipendenti pubblici che lavorano duramente,” ha detto Sheinkof spiegando la ragione dell’azione giudiziaria del sindacato.

I sindacati affermano che pubblicando questi dati si farebbe di tutta l’erba un fascio, esponendo i dati di coloro che sono in attesa di giudizio, ma che non sono stati ancora dichiarati colpevoli di alcun reato.

An NYPD vehicle destroyed during the clashes with protestors (Photo: Chiara Trincia)

Lo scorso Venerdì il giudice Katherine Polk Failla ha vietato al New York City’s Civilian Complaint Review Board di divulgare le informazioni ottenute, ma ProPublica, che aveva già ricevuto le liste e che non è parte in causa di questa restrizione, ha deciso di andare avanti lo stesso. Il giornale ha deciso di non pubblicare l’intera lista delle denunce attive a carico di poliziotti del NYPD, ma solo i casi supportati testimonianze giurate. Hanno deciso di includere invece le informazioni base sui casi che gli investigatori hanno ritenuto privi di fondamento. Secondo ProPublica è importante divulgare anche queste informazioni perché spesso i casi vengono chiusi e dichiarati privi di fondamento perché mancano di prove, che sta agli agenti stessi rilasciare.

E con la pubblicazione dei dati ProPublica ha aggiunto:

“Comprendiamo le argomentazioni contro il rilascio di questi dati. Ma crediamo che il bene pubblico che apporteranno supereranno il potenziale danno “, ha affermato Stephen Engelberg, caporedattore di ProPublica. “Il database offre alla gente di New York uno sguardo su come sono state gestite le accuse di cattiva condotta della polizia e consente sia ai giornalisti che ai cittadini comuni di esaminare più da vicino i registri di questi ufficiali”.

La divulgazione di questi dati ha portato allo scoperto i nomi di centinaia di agenti con diverse denunce a carico. Nel quadro delle riforme che il paese richiede al sistema violento di polizia, le liste pubblicate da ProPublica potrebbero aprire la strada ai cambiamenti che gli Americani continuano a richiedere protestando per le strade di tutto il paese.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter