Cerca

OnuOnu

ONU, il discorso di Angelina Jolie sulle violenze subite dai rifugiati

Angelina Jolie durante il meeting del Consiglio di Sicurezza (Foto La VOCE NY)

Angelina Jolie durante il meeting del Consiglio di Sicurezza (Foto La VOCE NY)

L’inviata speciale dell’UNHCR per i rifugiati, Angelina Jolie, lunedì è intervenuta all’ONU per parlare dell’atrocità delle violenze sessuali sulle popolazioni che vivono la guerra

L’attrice Angelina Jolie ha fatto il suo debutto questo lunedì al Palazzo di Vetro dell’ONU, rilasciando un discorso importante sulle violenze sessuali nei conflitti, all’interno della istituzione più importante delle Nazioni Unite, il Consiglio di Sicurezza in questa occasione in una sessione aperta alla stampa. La Jolie nominata inviata speciale dell'UNHCR – l'agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati – ha ricordato ai membri del Consiglio, l’urgenza e la necessità per tutte le nazioni del mondo di combattere le violenze carnali e gli stupri, e porle come priorità nella loro agenda. L’attrice ha detto ai rappresentanti del Consiglio di Sicurezza lunedì che “centinaia di migliaia – se non milioni- di donne, bambini e uomini sono stati vittime di violenze carnali durante i conflitti dei nostri tempi”. Gli ambasciatori di Russia, Cina, Stati Uniti, Francia e Gran Bretagna – ancora divisi sulla guerra in Siria – hanno ascoltato con attenzione il discorso a sorpresa della Jolie, che li ha esortati a “mostrare determinazione” per difendere le numerose vittime delle aggressioni sessuali nei conflitti.

"Il mondo deve ancora identificare le violenze sessuali come una massima priorità” ha detto la Jolie durante il meeting del Consiglio di Sicurezza “il numero di vittime è così vasto e l’argomento è così doloroso, che dobbiamo smetterla di ricordare che dietro ogni numero c’è qualcuno che ha un nome, una personalità, una storia e dei sogni non tanto diversi dai nostri e da quelli dei nostri bambini. Chiariamo di cosa stiamo parlando: giovani bambine violentate e messe incinta prima che i loro corpi siano pronti a poter sostenere una gravidanza, violenze che provocano loro problemi fisici, come la fistola. Bambini a cui vengono puntate pistole alla tempia e costretti a violentare le loro madri e sorelle”. La Jolie, è apparsa al Consiglio subito dopo aver fatto visita ai campi di rifugiati per le popolazioni di Siria e Giordania, la scorsa settimana. La sua presenza è stata annunciata appena prima del meeting. La Jolie non ha risparmiato particolari agghiaccianti della sua visita tra i rifugiati, raccontando anche la storia di una donna che le ha confidato di essere stata stuprata in Siria, ma l’ha pregata di mantenere il segreto della sua identità per paura di essere uccisa. L’attrice ha anche detto che durante il suo viaggio, ha ascoltato il racconto di una madre disperata, che ha visto la figlia di soli cinque anni essere stuprata fuori da una stazione di polizia a Goma, una città ad est della Repubblica Democratica del Congo. Entrambe sono state “vittime di una cultura impunita. Perché ci sono stati solo una manciata di procedimenti penali. Questa è la triste, sconvolgente e certamente vergognosa realtà”.

​ "Capisco che ci sono molte questioni difficili su cui accordarsi per il Consiglio di Sicurezza, ma la violenza sessuale nelle guerre non dovrebbe essere una di queste” ha dichiarato Angelina Jolie. "Il Consiglio di Sicurezza dell’ONU deve fare un passo avanti e fornire leadership e assistenza” ha poi continuato “questi crimini accadono non perché sono inerenti alla guerra, ma perché la comunità globale permette che accadano”. Al termine del suo intervento l'attrice ha lasciato il Palazzo di Vetro, senza rilasciare altre dichiarazioni.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter