Cerca

OnuOnu

ONU: stupri in aumento nella Repubblica Democratica del Congo

Alcune donne rifugiate nella regione del Kivu, nell'Est della Repubblica Democratica del Congo. FOTO: UNHCR/F. Noy

Alcune donne rifugiate nella regione del Kivu, nell'Est della Repubblica Democratica del Congo. FOTO: UNHCR/F. Noy

Ieri 30 luglio, l’Ufficio  dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ha annunciato l’allarmante aumento di stupri e violenze contro le donne, ben 705 nuovi casi

Il conflitto nella provincia del Nord Kivu nella Repubblica Democratica del Congo ha portato ad un allarmante aumento di stupri e violenze contro le donne e le ragazze, secondo quanto dichiarato martedì dall’agenzia ONU per i rifugiati.

"Da gennaio a oggi le nostre squadre di monitoraggio hanno registrato 705 casi di violenza sessuale nella regione, tra cui 619 casi di stupro", ha annunciato un portavoce per l'Ufficio dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR).

"Durante lo stesso periodo nel 2012, il nostro personale registrò 108 casi. Tra i sopravvissuti a queste violenze si includono 288 minori e 43 uomini ".

La ripresa dei combattimenti intorno alla città di Goma tra l'esercito congolese e il gruppo ribelle M23 ha costretto circa 7.000 persone ad abbandonare le loro case nel corso delle ultime due settimane soltanto. La maggior parte sono donne, bambini e anche giovani ragazzi in fuga dal reclutamento forzato. Nel frattempo, i combattimenti nella regione Kamango del Nord Kivu tra le Forze Alleate Democratiche – un  gruppo ribelle con sede in Uganda – e  l'esercito hanno allontanato circa 14.000 civili.

L'UNHCR ha esternato la sua preoccupazione per la recrudescenza della violenza nelle scorse settimane e che avrebbe aumentato il pericolo per le donne nella regione, comprese colore che vivono nei campi.

Secondo l'agenzia, la maggior parte dei casi di violenza sessuale vengono commessi da uomini armati. Dei 705 casi segnalati dall'inizio dell'anno, 434 sono stati perpetrati da soggetti armati. I dati ufficiali delle Nazioni Unite mostrano anche che i casi registrati di violenza sessuale nel Nord Kivu sono saliti da 4.689 casi nel 2011 a 7.075 nel 2012. Tuttavia sono moltissimi i casi che non vengono denunciati.

L'UNHCR ha affermato di aver iniziato una stretta collaborazione con altre organizzazioni umanitarie e le autorità locali allo scopo di rispondere e rafforzare il monitoraggio sulla violenza sessuale. L'agenzia organizzato corsi per decine di agenti di polizia su come prevenire la violenza sessuale e sul come gestire i casi di stupro. Inoltre ha creato anche centri e focal point per identificare i casi di violenza sessuale e per assistere le vittime tramite assistenza sanitaria e il supporto psico-sociale.

Infine, l'agenzia sta promuovendo l'uso di carburanti alternativi alla legna da ardere, nel tentativo di ridurre l'esposizione delle donne alla violenza sessuale quando escono a cercar legna. L'attuale fase di questo progetto porterà benefici a 2.000 famiglie nei campi vicino a Goma, l'agenzia ha detto.

L'UNHCR si sta anche impegnando nel fornire riparo e aiuti umanitari di base ai nuovi sfollati. Mentre molti stanno rimanendo nelle scuole e nelle chiese nella parte nord di Goma, l'UNHCR e i suoi partner stanno trasferendo quest’ultimi nei campi già esistenti in cui possono beneficiare di servizi di base.

Nella zona di Kamago, l'accesso umanitario è una sfida poichè la situazione rimane molto tesa e complicata. Molti sfollati si trovano ad affrontare carenze di cibo, perché non possono andare nei campi a raccogliere i loro raccolti. L'accesso ai servizi idrici e sanitari è anche estremamente difficile in quanto l'80 per cento dei centri sanitari della zona sono stati saccheggiati. L'UNHCR ha esternato la sua più profonda preoccupazione per le continue segnalazioni di violazioni dei diritti umani nella zona, tra cui l'uccisione di almeno 15 civili, rapimenti, lavoro forzato, pestaggi e tassazione illegale.

 

Per i lettori che volessero approfondire su questo conflitto nella Repubblica Democratica Del Congo vi rimandiamo al seguente articolo pubblicato su La Voce di New York: http://www.lavocedinewyork.com/Repubblica-Democratica-del-Congo-i-caschi-blu-pronti-a-proteggere-i-civili-a-Goma/d/2030/

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter