Cerca

OnuOnu

La Russia può mettere il veto su una risoluzione del Consiglio di Sicurezza, ma non sulla verità

Il voto della Russia al Consiglio di Sicurezza dell'ONU, sabato 15 marzo

Il voto della Russia al Consiglio di Sicurezza dell'ONU, sabato 15 marzo

Fallito il tentativo del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite di adottare una bozza di risoluzione che esorta i paesi a non riconoscere il risultato del referendum di questo fine settimana in Crimea: tredici stati membri hanno votato a favore del testo, la Russia ha votato contro, mentre la Cina si è astenuta (Read it in English)

 

A causa del voto negativo di uno dei suoi membri permanenti, il 15 marzo il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite non è riuscito ad adottare un progetto di risoluzione che esorta i paesi a non riconoscere il risultato del referendum di questo fine settimana in Crimea.

Tredici dei 15 membri del Consiglio hanno votato a favore del testo del progetto, la Russia ha votato contro, mentre la Cina si è astenuta. Il veto di uno qualsiasi dei cinque membri permanenti del Consiglio (Cina , Francia , Russia , Regno Unito e Stati Uniti) comporta l’impossibilità di adottare una risoluzione.

La risoluzione in questione avrebbe ribadito “la sovranità, l’indipendenza, l’unità e l’integrità territoriale” dell’Ucraina e affermato che il referendum di domenica che potrebbe portare alla rottura della Crimea con l’Ucraina e all’annessione alla Russia , “non può avere alcuna validità”.

Alla vigilia del voto, il rappresentante permanente alle Nazioni Unite della Russia, Vitaly Churkin, aveva detto che era “non era un segreto” che la Russia avesse intenzione di votare contro il progetto. Ha aggiunto che Mosca avrebbe rispettato la decisione delle Crimea, ma che non poteva accettare l’assunto di base della bozza di risoluzione che mirava “a dichiarare illegale il previsto referendum del 16 marzo in cui i residenti della Repubblica di Crimea devono decidere del proprio futuro”.

Nessuna sopresa, quindi, da parte russa, semmai l’incognita era la Cina. Con la sua astensione, la potenza orientale (che tradizionalmente in sede di Consiglio di Sicurezza è schierata con la Russia) ha scelto una posizione di neutralità, affermando, da una parte, la propria contrarietà all’invasione della Crimea da parte di Mosca, dall’altra, prendendo le distanze dagli eccessi di coinvolgimento nella politica interna di stati sovrani dimostrata dagli USA. Liu Jieyi, rappresentante permanente della Cina alle Nazioni Unite, a seguito del voto ha dichiarato che Pechino ha cercato una soluzione “equilibrata” al conflitto, in un quadro di ordine e legalità. Jieyi ha richiesto la creazione di un gruppo di coordinamento, un pacchetto di supporto per l’Ucraina, e ha invitato i paesi ad astenersi da azioni che potrebbero aggravare ulteriormente il conflitto.

power

Samantha Power, rappresentante permanente degli USA alle Nazioni Unite

Profonda delusione e incredulità è stata espressa da numerosi membri del Consiglio, che ha fatto notare che questa era la settima convocazione intesa a discutere la situazione in Ucraina.

Il rappresentante permanente degli Stati Uniti, Samantha Power, il cui paese è stato promotore della risoluzione, ha detto che il testo era volto a trovare una soluzione pacifica e di buon senso, e ha riconfermato i principi delle Nazioni Unite sulla sovranità dei suoi Stati membri.

La Russia ha il potere di veto su una risoluzione del Consiglio di Sicurezza “ma non ha il potere di porre il veto alla verità” , ha detto.

Il britannico Mark Lyall Grant, ha detto che il risultato del voto di oggi ha evidenziato l’isolamento della Russia sulla Crimea all’interno del Consiglio e da parte della comunità internazionale.

Intanto il francese Gérard Araud ha affermato che, con il suo “no”, la Russia “ha posto il veto alla Carta delle Nazioni Unite”.

Il segretario Generale Ban Ki-moon ha detto che “i sentimenti si sono induriti” in vista del referendum.

Rivolgendosi ai giornalisti venerdì nella sede delle Nazioni Unite a New York, Ban Ki-moon ha messo in guardia contro “misure affrettate e decisioni che possono incidere sull’integrità, la sovranità e l’unità territoriale dell’Ucraina” e ha sottolineato che qualunque azione deve essere intrapresa in conformità con le disposizioni della Carta delle Nazioni Unite.

Funzionari delle Nazioni Unite, tra cui il segretario generale, hanno fatto appello a tutte le parti in causa per calmare la situazione e impegnarsi in un dialogo diretto e costruttivo per trovare una soluzione pacifica in Ucraina, testimone di disordini da ormai diversi mesi.

Le tensioni si sono acuite la scorsa settimana quando in Crimea, dove sono state recentemente dispiegate truppe russe aggiuntive e veicoli blindati, i legislatori hanno votato per un’annessione alla Russia e per indire un referendum il 16 marzo al fine di convalidare la decisione.

 

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter