Cerca

OnuOnu

Riuscirà Felipe a regnare sulla Spagna?

di Sophie de Bellemanière

Dopo 40 anni al trono, re Juan Carlos abdica. Ma nessuno acclama il figlio che dovrebbe diventare re di Spagna. Il paese, invece, insorge. Migliaia di persone scendono in strada al grido: “Nessuna pensione per il Borbone” e “Domani la Spagna sarà una Repubblica”

Re Juan Carlos non ha mai chiaramente espresso le ragioni per cui stava lasciando il potere a suo figlio. Poco dopo le 10:30 di martedì mattina, ha detto semplicemente: “È ora di passare il testimone a una nuova generazione – più giovane, con tanta energia – che possa, con determinazione, farsi carico e realizzare i cambiamenti che l'attuale situazione richiede e affrontare con energia e determinazione le sfide di domani”.

Non ha fatto alcun riferimento alle insurrezioni all'interno del suo regno. Né ha dato segno che esistesse un nesso tra i risultati delle elezioni europee della scorsa settimana, in cui i due partiti tradizionali hanno ottenuto insieme solo il 50 % dei voti, e un chiaro rifiuto nei confronti delle forze al potere, se stesso incluso. Né ha mai detto che il fatto che sua figlia , "la Infanta Cristina" (che avrebbe dovuto succedergli), sei mesi fa sia stata condannata per non evasione fiscale abbia danneggiato in un modo senza precedenti il prestigio della monarchia. Infine, non ha fatto alcun accenno allo scandalo dello scorso anno, quando fu sorpreso a godersi una sontuosa sessione di caccia agli elefanti in Africa, ovviamente tutto a spese dei contribuenti spagnoli già in difficoltà.

Tutto troppo pesante, quindi meglio non fare cenno ad alcuno di questi fatti. Il risultato che Juan Carlos vuole ottenere con questo annuncio a sorpresa è di far credere agli spagnoli e al mondo che qualcosa stia realmente accadendo! Già a gennaio aveva deciso che avrebbe abdicato e lo aveva comunicato soltanto a Rajoy (leader della destra) nel mese di marzo e poi a Rubalcaba (ex leader dell'ala sinistra) nel mese di aprile. Ora il mondo intero sta andando fuori di testa. E il peggio è che anche i giovani e con loro i veri rivoluzionari, che sono troppo esasperati per combattere con la miseria e salari minimi da 650 € al mese, sono veramente convinti che qualcosa stia accadendo. In 20.000 si stanno affollando a la Puerta del Sol, a Madrid, e diverse migliaia stanno scendendo in strada a Barcellona e in altre grandi città. Questa folla vuole la fine della monarchia che a loro avviso significherebbe l'inizio di un futuro luminoso per il paese: una "repubblica", dicono con orgoglio. Si dimenticano che la rivoluzione francese fu una rivoluzione borghese. Vogliono smettere di spendere soldi per un monarca che beve buon vino e va a caccia di elefanti… Non c'è da biasimarli.

Ma questa rivoluzione mostra il suo lato più triste e appare come un miraggio per gli spagnoli quando ci si rende conto che è Pablo Iglesias, che attualmente chiede un referendum sul futuro della monarchia, quello che dovrebbe dare voce a queste folle inferocite. Iglesias dovrebbe essere sincero e invece la nuova voce dei mass media in Spagna, il leader del nuovo partito politico di sinistra Podemos, si guadagna da vivere facendo il presentatore sulla TV privata spagnola. Il che gli rende più semplice diminuirsi lo stipendio da eurodeputato e andarne così orgoglioso. La verità è che sta spingendo per un'altro tipo di agenda mondialistica: la scomparsa dello Stato nazionale e l'eliminazione della monarchia come uno degli ultimi simboli dello Stato nazionale…

La monarchia è certamente fuori dal mondo e ha una sua propria agenda globalista. Come ha detto Juan Carlos, Felipe è “il re più preparato di sempre”. E, in effetti, ha preso un master in Relazioni internazionali alla Georgetown University. Sarà il primo del suo genere, a capo di una vecchia monarchia europea, con un tale pedigree. Il nuovo sovrano Felipe, tuttavia, quando si è sposato con la presentatrice TV (anche lei!) Laeticia, ha fatto inorridire il suo popolo per la quantità di soldi spesi per la cerimonia. E allora al di là del suo aspetto più o meno gradevole, sarà realmente degno di fiducia?

Entrambe le opzioni sul tavolo appaiono poco interessanti, ma se la folla legittimamente arrabbiata riuscirà effettivamente ad impedire a Felipe di diventare re, allora non rimarrà davvero nulla della simbologia dello splendore spagnolo. E questo impero del passato che nel XIV secolo governava il mondo sparirà per sempre.

 

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter