Cerca

OnuOnu

Commenti: Vai ai commenti

ONU: Nikki Haley sull’Iran racconta una favola al Consiglio di Sicurezza

La Favola della Tartaruga e lo Scorpione viene usata dagli Stati Uniti per caratterizzare l'Iran

Ambassador Nikki Haley during the Security Council Meeting (Photo: UN)

Al Consiglio di Sicurezza, ONU e EU applaudono gli sforzi dell'Iran per adempiere ai termini del PACG, mentre l’ambasciatrice statunitense accusa l'Iran di non adempiere all'accordo e all'ONU di non imporre le necessarie sanzioni

L’ambasciatrice statunitense presso le Nazioni Unite, Nikki Haley, è stata creativa nell’attaccare l’Iran per la sua presunta mancanza di conformità all’accordo nucleare, definendo la nazione uno “scorpione” che non può far a meno di pungere. Questo discorso è avvenuto nonostante le affermazioni dell’ONU e L’UE che l’Iran onora l’accordo.

Il Piano d’azione Congiunto Globale (PACG) è un accordo internazionale sull’energia nucleare in Iran che è stato raggiunto a Vienna il 14 luglio 2015 tra l’Iran e il Consiglio di Sicurezza. Il 18 Gennaio 2017, il Consiglio di Sicurezza ha adottato UNSC risoluzione 2231 esprimendo il continuato appoggio per l’accordo. Adottata all’unanimità nel luglio 2015, la risoluzione 2231 ha approvato il PACG firmato all’inizio di quel mese dai cinque membri permanenti del Consiglio (Cina, Francia, Russia, Regno Unito e Stati Uniti), L’Unione Europea (UE) e l’Iran. L’accordo prevede un rigoroso meccanismo di monitoraggio e un calendario per l’attuazione, aprendo la strada per il ritiro delle sanzioni dell’ONU contro l’Iran. Sebastiano Cardi, l’ambasciatore Italiano presso l’ONU, era stato nominato il mediatore per facilitare l’implementazione della risoluzione 2231.

L’Italia ritiene che la comunità internazionale deve continuare ad adottare ogni azione per assicurare che l’accordo nucleare iraniano rimanga “un elemento positivo” negli sforzi globali contro la proliferazione delle armi di distruzione di massa: “Allo stesso tempo, Noi crediamo nell’importanza di un’applicazione completa e approfondita della risoluzione 2231. L’attuazione della buona fede sia del PACG che della risoluzione 2231 beneficeranno la sicurezza regionale “, aveva affermato il rappresentante permanente dell’ONU, Inigo Lambertini del Consiglio di sicurezza dell’ONU.

“Il Consiglio svolge un ruolo chiave nell’affrontare l’Iran nelle sue competenze e l’Italia continuerà a svolgere la sua parte, anche in qualità di facilitatore”, ha detto Lambertini. Nel suo briefing Cardi aveva annunciato che, per aumentare la portata della risoluzione 2231, intende convocare un briefing aperto il 14 luglio per gli Stati membri per aumentare la consapevolezza e la comprensione.

I membri del Consiglio di Sicurezza sono convenuti il 29 Giugno per discutere i progressi della risoluzione 2231. “La riunione odierna del Consiglio di sicurezza sull’attuazione della risoluzione 2231 sta avvenendo in un contesto di costante attuazione, cooperazione e progresso” , ha dichiarato Jeffrey Feltman, sottosegretario generale per gli affari politici. Affrontando la riunione, Feltman ha osservato che tutte le sette relazioni rilasciate dall’Agenzia internazionale per l’energia atomica (IAEA) che sovrintende l’adesione di Teheran all’accordo dopo l’entrata in vigore lo scorso gennaio sono “documentando l’attuazione continuata da parte dell’Iran del suo impegno nucleare”. Le sue parole sono state echeggiate dal capo della delegazione dell’UE alle Nazioni Unite, Joao Vale de Almeida, che ha dichiarato che il PACG “è attuato correttamente e sta fornendo i suoi obiettivi”.

La valutazione dell’ONU sull’attuazione dell’accordo è stata contestata dall’ambasciatore americano alle Nazioni Unite Nikki Haley. L’ex governatore del South Carolina ha accusato il Consiglio di non aver intrapreso alcuna azione contro l’Iran, che ha detto di aver “ripetutamente e deliberatamente violato” le sanzioni imposte dal corpo. “Il Consiglio di sicurezza non è riuscito nemmeno a compiere passi minimi per rispondere a queste violazioni. Dobbiamo … mostrare all’Iran che non tollereremo la loro esagerata flaunting delle risoluzioni delle Nazioni Unite “, ha detto Haley.

Haley ha recitato una favola su uno scorpione e una rana, tracciando paralleli tra l’Iran e lo scorpione. Nella favola, uno scorpione chiede a una rana di portarlo sulla schiena attraverso il fiume in cambio di cibo che promette di dare la rana dall’altro lato. Ignorata dalla punta dello scorpione, la rana esita, ma lo scorpione lo rassicura dicendo che se lo punta, entrambi saranno annegati. La rana è d’accordo, ma a metà strada attraverso il fiume, lo scorpione intacca la rana, rispondendo all’anfibio stupefatto che era nella sua natura.

(Vedere da minuto 31:10)

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter