Cerca

OnuOnu

Commenti: Vai ai commenti

ONU: istruzione a rischio per milioni di bambini rifugiati, il loro futuro è tetro

UNHCR: "un'istruzione di qualità oggi significa meno povertà e sofferenza domani", sono necessari enormi sforzi da parte di tutta la comunità internazionale

UNICEF / Frank Dejongh I bambini in Costa d'Avorio indossano la mascherina a causa dell'emergenza coronavirus mentre è a scuola.

"Dopo tutto quello che hanno sopportato, non possiamo privarli del loro futuro negandogli un'istruzione oggi" ha detto Filippo Grandi, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati. La pandemia di Covid-19 minaccia di annullare i progressi raggiunti in questi anni. Il rischio aumenta per le ragazze rifugiate: la metà di loro non tornerà a scuola quando le aule riapriranno, mentre altre rischiano di abbandonare definitivamente gli studi

Secondo il rapporto dell’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR), Coming Together for Refugee Education, pubblicato giovedì 3 settembre, sono stati compiuti progressi nell’istruzione dei rifugiati, ma la pandemia potrebbe produrre “effetti catastrofici”, a meno che la comunità internazionale non compia passi immediati e coraggiosi.

Filippo Grandi, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati, ha dichiarato in un comunicato stampa: “Nonostante le enormi sfide poste dalla pandemia, con un maggiore sostegno internazionale ai rifugiati e alle loro comunità ospitanti, possiamo espandere modi innovativi per proteggere i guadagni ottenuti nell’istruzione dei rifugiati negli ultimi anni”.

Le statistiche, che si basano sui dati del 2019, restano al di sotto delle medie globali, ma rappresentano comunque un progresso: l’iscrizione all’istruzione secondaria dei bambini rifugiati è aumentata del 2%.

UNICEF / UNI340770
Una bambina di nove anni studia nel suo rifugio in un campo profughi Rohingya nel sud del Bangladesh. È supportata dalla madre e dall’insegnante, poiché il centro educativo del campo è chiuso a causa di COVID

Il timore ora, è che la pandemia Covid-19 minaccia di annullare anche questo e altri progressi cruciali, compresi gli sforzi per raggiungere l’ Obiettivo di Sviluppo Sostenibile 4 di garantire un’istruzione di qualità inclusiva ed equa per tutti.

Il rischio aumenta per le ragazze rifugiate, che hanno già meno accesso all’istruzione rispetto ai ragazzi e hanno la metà delle probabilità di essere iscritte a scuola quando raggiungono il livello secondario. Sulla base dei dati dell’UNHCR, è stato stimato che la metà delle ragazze rifugiate nella scuola secondaria non tornerà quando le aule riapriranno questo mese di settembre, mentre altre rischiano di abbandonare definitivamente gli studi. Una previsione agghiacciante che avrebbe un impatto sulle generazioni a venire.

“Non solo l’istruzione è un diritto umano, ma la protezione di vantaggi economici per le ragazze rifugiate, le loro famiglie e le loro comunità educative sono evidenti. La comunità internazionale semplicemente non può permettersi di non fornire loro le opportunità che derivano dall’istruzione ”, ha affermato Grandi.

“Dopo tutto quello che hanno sopportato, non possiamo privarli del loro futuro negandogli un’istruzione oggi” ha aggiunto Filippo Grandi, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati.

Un bambino di 11 anni studia autonomamente i suoi libri di testo della 6^ classe, a casa sua a Nairobi, in Kenya. Non può partecipare all’apprendimento online poiché la sua famiglia non ha un telefono (UNICEF / Everett)

I governi, il settore privato, ma anche la società civile dovranno “lavorare come una squadra” per rafforzare i sistemi educativi nazionali e collegarsi con percorsi verso l’istruzione certificata, e per garantire e salvaguardare il finanziamento dell’istruzione. Senza tale azione, avverte il rapporto, rischiamo una generazione perduta di bambini rifugiati privati della loro istruzione.

“Lavorare insieme per dare ai bambini una possibilità. Garantire un’istruzione di qualità oggi significa meno povertà e sofferenza domani” ha detto l’ambasciatore dell’UNHCR Mohamed Salah.

“A meno che tutti non facciano la loro parte, generazioni di bambini, milioni di loro in alcune delle regioni più povere del mondo, dovranno affrontare un futuro tetro”. “Non perdiamo questa opportunità”, questi bambini meritano un futuro dignitoso.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter