Cerca

OnuOnu

Commenti: Vai ai commenti

UNGA75, a causa di Covid19 pochi leader mondiali andranno a New York

22-29 settembre: molti leader si esprimeranno alla 75a sessione GA con video preregistrati. Trump è atteso al Palazzo di Vetro, mentre Putin non verrà

L'Ambasciatore Sebastiano Cardi pronuncia il discorso dell'Italia all'Assemblea Generale dell'ONU riempita dagli studenti del Model UN

La sala dell'Assemblea Generale alle Nazioni Unite (UN foto)

La 75° sessione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite (UNGA), a causa della pandemia di Covid-19, sarà diversa da qualsiasi altra nei tre quarti di secolo di esistenza dell’organizzazione. Molti dei leader mondiali a settembre resteranno nelle loro case.

Il fulcro di ogni nuova sessione dell’Assemblea Generale, è il Dibattito Generale, che quest’anno inizia il 22 settembre, una settimana dopo l’apertura ufficiale, programmata per il 15 settembre.

Il Presidente USA Donald Trump durante il discorso all’Assemblea Generale ONU (UN Photo/ Cia Pak)

È un’occasione unica al mondo in cui presidenti e capi di stato (o talvolta i loro vice o ministri degli esteri) si rivolgono a un pubblico mondiale sulle questioni di maggiore rilevanza. Quest’anno, molti dei leader non appariranno di persona, ma saranno invitati a inviare video preregistrati dei loro discorsi che saranno trasmessi “in diretta”.  I discorsi saranno poi introdotti da un rappresentante di ogni stato con sede a New York,  fisicamente presente.

I discorsi avranno inizio il 22 settembre e si concluderanno il 29 settembre. L’Italia è attesa per venerdì 25 settembre. Gli Stati Uniti sono tradizionalmente il secondo oratore al dibattito dopo il Brasile. Donald Trump è atteso a Palazzo di Vetro per tenere il suo discorso, che sarà l’ultimo del suo primo mandato all’Assemblea Generale. Il presidente russo Vladimir Putin non andrà a New York per la 75a sessione UNGA a causa della situazione epidemiologica di Covid-19 particolarmente instabile negli Stati Uniti.

Martedì 22 settembre, dopo Brasile e Stati Uniti, parleranno Turchia, Cina, Cile, Cuba, Russia, Giordania, Corea del Sud, Qatar, Filippine, Marocco, Iran, Francia, Sud Africa, Colombia, Turkmenistan, Egitto, Tagikistan, Messico, Uruguay, Seychelles, Ruanda, Angola, Argentina, Lettonia, Lituania, Nigeria, Madagascar, Costa Rica, Guatemala, Sri Lanka, Capo Verde, Indonesia, Perù.

Il Palazzo di Vetro dell’ONU in una foto di Manuel Elias

Mercoledì 23 settembre si esibiranno: Bosnia-Erzegovina, Uzbekistan, Ungheria, Kazakistan, Maldive, Nord Macedonia, Ghana, Benin, Mozambico, Iraq, Finlandia, Kirghizistan, Palau, Moldavia, Algeria, Honduras, Libano, Slovacchia, Kenya, Zambia, Ecuador, Bolivia, Ucraina, Nicaragua, Suriname, Svizzera, Serbia, Guyana, Paraguay, Afghanistan, Estonia, Repubblica Dominicana, Venezuela, Panama, Mongolia, Togo, Congo, Ciad, Liberia.

Giovedì 24 settembre ci saranno: Niger, Costa D’Avorio, Albania, Cipro, Slovenia, eSwatini, Monaco, Yemen, Burkina Faso, Polonia, Malawi, Congo, Dominica, Bahrein, Botswana, Guinea, Gambia, Gabon, Libia, Sierra Leone, Azerbaigian, Namibia, Guinea Equatoriale, Haiti, Brunei, Zimbabwe, El Salvador, Timor Est, Mali, Sao Tome e Principe, Comore, Tanzania, Nauru, Oman, Guinea-Bissau, Somalia, Repubblica Centroafricana, Isole Marshall , Mauritania.

Venerdì 25 settembre parleranno: Cameron, Micronesia, Tunisia, Vietnam, Uganda, Sud Sudan, Città del Vaticano, Palestina, Unione Europea, Myanmar, Paesi Bassi, Barbados, Nepal, Tuvalu, Repubblica Ceca, Grecia, Croazia, Italia, Kiribati, Armenia, Bulgaria, Etiopia, Danimarca, Pakistan, Lussemburgo, Thailandia, Canada, Antigua e Barbuda, Australia, Bhutan, Giappone, Kuwait, Georgia, Spagna, Malta, Portogallo, Papua Nuova Guinea.

Sabato 26 settembre ci saranno: India, Mauritius, Andorra, Regno Unito, Bangladesh, Fiji, Malesia, Cambogia, Norvegia, Granada, Isole Salomone, Giamaica, Samoa, Lesotho, Svezia, Tonga, San Vincenzo e Grenadine, Laos, Belgio, Montenegro, San Cristoforo e Nevis, Santa Lucia, Trinidad e Tobago, Bahamas, Sudan, Vanuatu, Siria, Singapore, Senegal, Liechtenstein, Austria, Bielorussia.

Martedì 29 settembre parleranno: Irlanda, Islanda, San Marino, Arabia Saudita, Gibuti, Emirati Arabi, Germania, Belize, Romania, Burundi, Eritrea, Israele, Nuova Zelanda, Corea del Nord.

Lista provvisoria dei paesi che parleranno a UNGA75

Quest’anno le Nazioni Unite, istituite nel 1945, hanno festeggiato il loro 75 ° anniversario e il Segretario Generale delle Nazioni Unite António Guterres ha affermato che il “dibattito popolare” sarà “la conversazione globale di più ampia portata mai vista sulla costruzione del futuro”.

Il 21 settembre, presso il Palazzo di Vetro (ma anche online), si terrà un evento con l’intento di “generare un rinnovato sostegno al multilateralismo”; un problema che molti credono sia diventato sempre più urgente mentre il mondo deve affrontare la pandemia. Il Segretario Generale dell’ONU Antonio Guterres, sarà presente all’evento.

Alla 75a sessione GA saranno messi in rilievo gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, concordati a livello internazionale per ridurre la povertà e mantenere la pace, proteggendo al contempo il pianeta. Questi sono in cima all’agenda delle Nazioni Unite.

Giuseppe Conte, Presidente del Consiglio dei ministri della Repubblica italiana, parla all’Assemblea Generale dell’ONU (Foto ONU/ Cia Pak )

Il 30 settembre, si svolgerà una giornata di incontri virtuali riguardanti la biodiversità globale, mentre il 15 settembre verrà pubblicato 2020 Biodiversity Outlook. La biodiversità della Terra, la sua ricca varietà di vita, sta diminuendo ad “un ritmo senza precedenti”. Oltre un milione di specie sono a rischio di estinzione, due miliardi di ettari di terra sono attualmente degradati e il 66% degli oceani, il 50% delle barriere coralline e l’85% delle zone umide sono stati significativamente e negativamente alterati dall’attività umana. Un altro importante vertice internazionale per discutere su come invertire l’accelerazione del deterioramento dell’ambiente naturale e su come sta incidendo dannosamente sulla vita delle persone si sarebbe tenuto quest’anno a Kunming, in Cina, ma ora è stato rinviato a maggio 2021.

Il 1 ° ottobre, si terrà una riunione di alto livello relativa all’uguaglianza di genere, già discusse alle Nazioni Unite nel contesto del 25 ° anniversario della Dichiarazione di Pechino sui diritti delle donne. I progressi in materia di parità di genere e diritti delle donne sono stati gravemente influenzati da Covid-19, poiché le donne e le ragazze subiscono una ricaduta sociale ed economica sproporzionata. Il 18 settembre la Giornata internazionale per la parità retributiva si concentra sull’allineamento della retribuzione tra uomini e donne.

Tradizionalmente questo evento è quello di più alto profilo dell’anno. Ogni anno, a settembre, l’apertura della sessione dell’Assemblea Generale, porta migliaia di diplomatici, funzionari governativi, membri della società e persone dei media di tutto il mondo a New York City. Questo comporta porta alla chiusura di alcune strade della città, ingorghi indotti dai cortei presidenziali sulla First Avenue e nell’area circostante di Midtown. Ma i newyorkesi, quest’anno, godranno di una tregua.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter