Cerca

OnuOnu

Commenti: Vai ai commenti

Antonio Guterres alla 75a Assemblea generale ONU: “Le persone hanno paura”

"E' responsabilità degli Stati membri" delle Nazioni Unite rendere il mondo un posto migliore... "Lo dobbiamo a noi popoli”

di Antonio Guterres
Presentiamo la traduzione in italiano del discorso pronunciato questa mattina dal Segretario delle Nazioni Unite Antonio Guterres

Eccellenze,

Gli ideali delle Nazioni Unite – pace, giustizia, uguaglianza e dignità, sono fari per un mondo migliore.

Ma l’Organizzazione che celebriamo oggi è nata solo dopo immense sofferenze.

Ci sono volute due guerre mondiali, milioni di morti e gli orrori dell’Olocausto perché i leader mondiali si impegnassero nella cooperazione internazionale e nello Stato di diritto. Quell’impegno ha prodotto risultati.

Una Terza Guerra Mondiale, che tanti avevano temuto, è stata evitata. Mai nella storia moderna abbiamo passato così tanti anni senza uno scontro militare tra le maggiori potenze. Questo è un risultato importante di cui gli Stati membri possono essere orgogliosi e che tutti dobbiamo sforzarci di preservare.

Nel corso dei decenni, ci sono stati altri traguardi storici, tra cui:

  • trattati di pace e mantenimento della pace
  • decolonizzazione
  • standard sui diritti umani e meccanismi per mantenerli
  • il trionfo sull’apartheid
  • aiuti umanitari salvavita per milioni di vittime di conflitti e disastri.
  • l’eradicazione delle malattie
  • la costante riduzione della fame
  • il progressivo sviluppo del diritto internazionale
  • accordi fondamentali per la protezione dell’ambiente e del nostro pianeta

Più di recente, l’accordo unanime sugli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile e l’accordo di Parigi sui cambiamenti climatici forniscono una visione stimolante per il 21 ° secolo. Eppure c’è ancora tanto da fare.

Degli 850 delegati alla Conferenza di San Francisco, solo 8 erano donne. A venticinque anni dalla piattaforma d’azione di Pechino, la disuguaglianza di genere rimane la più grande sfida singola per i diritti umani nel mondo.

La calamità climatica incombe.

La biodiversità sta crollando.

La povertà è in aumento.

L’odio si sta diffondendo.

Le tensioni geopolitiche stanno aumentando.

Le armi nucleari rimangono in allerta.

Le tecnologie trasformative hanno aperto nuove enormi opportunità, ma hanno anche esposto nuove minacce.

La pandemia Covid-19 ha messo a nudo le fragilità del mondo. Possiamo affrontarle solo insieme.

Oggi abbiamo un surplus di sfide multilaterali e un deficit di soluzioni multilaterali.

Accolgo con favore la dichiarazione del 75 ° anniversario dell’Assemblea generale e l’impegno a rafforzare il multilateralismo.

Mi avete invitato a valutare come portare avanti la nostra agenda comune e riferirò con analisi e raccomandazioni. Questo sarà un processo importante e inclusivo di profonda riflessione.

Sappiamo già che abbiamo bisogno di più – e più efficace, multilateralismo, con visione, ambizione e impatto.

La sovranità nazionale, un pilastro della Carta delle Nazioni Unite, va di pari passo con una cooperazione internazionale rafforzata, basata su valori comuni e responsabilità condivise nella ricerca del progresso per tutti.

Nessuno vuole un governo mondiale, ma dobbiamo lavorare insieme per migliorare la governance mondiale.

In un mondo interconnesso, abbiamo bisogno di un multilateralismo in rete, in cui la famiglia delle Nazioni Unite, le istituzioni finanziarie internazionali, le organizzazioni regionali, i blocchi commerciali e altri lavorino insieme in modo più stretto ed efficace.

Abbiamo anche bisogno, come ha affermato il Presidente, di un multilateralismo inclusivo, che attinga alla società civile, alle città, alle imprese, alle autorità locali e sempre di più ai giovani.

Il Segretariato ha celebrato l’anniversario conducendo una consultazione globale. Oltre un milione di persone in tutto il mondo, tra cui molti giovani, hanno fatto sentire la loro voce, e i partecipanti hanno condiviso le loro paure e speranze per il futuro.

Credono che la cooperazione internazionale sia essenziale per affrontare le realtà del nostro tempo. Hanno sottolineato che Covid-19 ha reso più urgente tale solidarietà. E hanno sottolineato che il mondo ha bisogno di sistemi sanitari e servizi di base per tutti.

Le persone hanno paura della crisi climatica, la povertà, la disuguaglianza, la corruzione e la discriminazione sistemica basata sul colore della pelle o sul sesso. Vedono l’ONU come uno strumento per costruire un mondo migliore. E contano su di noi per affrontare le sfide di oggi. Questa responsabilità spetta principalmente agli Stati membri.

Le Nazioni Unite sono state fondate dagli Stati membri, dunque hanno il dovere di investire pienamente in essa, di nutrire l’Organizzazione e di fornirle i mezzi di cui ha bisogno per avere un impatto reale.

Lo dobbiamo a “noi popoli”. Lo dobbiamo a forze di pace, diplomatici, operatori umanitari e coloro che hanno sacrificato le loro vite per promuovere i nostri valori condivisi. Rendo omaggio a tutto il personale, passato e presente, per la dedizione nel dare vita agli ideali delle Nazioni Unite.

I fondatori della nostra organizzazione hanno iniziato il loro lavoro durante il fervore del conflitto.

Ora tocca a noi tracciare la nostra via d’uscita dal pericolo.

Nelle parole della nostra Carta, spetta a noi, le Nazioni Unite, “unire i nostri sforzi per raggiungere questi obiettivi”.

Grazie.

(Traduzione di Alessandra Loiero)

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter