Cerca

OnuOnu

Commenti: Vai ai commenti

Antonio Guterres al mondo: “Affrontiamo la crisi più grave dalla Grande Depressione”

Il Segretario Generale apre la 75a Assemblea generale delle Nazioni Unite: "mentre guardiamo al futuro, assicuriamoci di scegliere con saggezza”

di Antonio Guterres
Alcuni dei passaggi del discorso tradotti in italiano

“Eccellenze,

In un mondo sottosopra, questa Sala dell’Assemblea Generale è tra i luoghi più strani di tutti”. “La pandemia COVID-19 ha cambiato il nostro incontro annuale”, ma “lo ha reso più importante che mai”. È così che il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres ha aperto il dibattito del 22 settembre all’Assemblea generale in occasione della 75° sessione.

A gennaio, rivolgendosi all’Assemblea Generale, Antonio Guterres ha individuato “quattro cavalieri in mezzo a noi”, che equivalgono a “quattro minacce che mettono in pericolo il futuro comune”: le alte tensioni geostrategiche globali degli ultimi anni, la crisi climatica, la profonda e crescente sfiducia globale, “il lato oscuro del mondo digitale” ed ora “un quinto cavaliere” è arrivato “dall’ombra” la pandemia di Covid-19.

“Affrontiamo simultaneamente una crisi sanitaria epocale, la più grande calamità economica e la perdita di posti di lavoro dalla Grande Depressione e nuove pericolose minacce ai diritti umani”.

“Disuguaglianze in aumento. Catastrofe climatica. Ampliamento delle divisioni sociali. Corruzione dilagante. La pandemia ha sfruttato queste ingiustizie e depredato i più vulnerabili. Per la prima volta in 30 anni, la povertà è in aumento”. “Gli sforzi di non proliferazione nucleare stanno scivolando via e non siamo in grado di agire in aree di pericolo emergente, in particolare nel cyberspazio. Le persone soffrono. Il nostro pianeta sta bruciando. Il nostro mondo è in difficoltà, stressato e alla ricerca di una vera leadership e azione”.

“Siamo di fronte a un momento fondamentale”.

“Coloro che hanno costruito le Nazioni Unite 75 anni fa avevano vissuto una pandemia, una depressione globale, un genocidio e una guerra mondiale. Conoscevano il costo della discordia e il valore dell’unità. Hanno modellato una risposta visionaria, incarnata nella nostra Carta di fondazione, con al centro le persone”.

“Questa pandemia è una crisi diversa da quelle che abbiamo visto, ma è anche il tipo di crisi che vedremo in forme diverse ancora e ancora”. “COVID-19 non è solo un campanello d’allarme, è una prova generale per il mondo”.

“Dobbiamo essere uniti”, perché “quando i paesi vanno nella loro direzione, il virus va in ogni direzione”. “Il populismo e il nazionalismo hanno fallito, questi approcci peggiorano spesso le cose”.

“In un mondo interconnesso, è giunto il momento di riconoscere una semplice verità: la solidarietà è interesse personale”.

“Quando la pandemia ha preso piede, ho chiesto un cessate il fuoco globale”, ed oggi, il Segretario Generale Antonio Guterres ha fatto appello ad “una nuova spinta da parte della comunità internazionale per renderlo realtà entro la fine di quest’anno”.

“Hanno risposto diversi movimenti armati, dal Camerun alla Colombia, alle Filippine e oltre, anche se molti dei cessate il fuoco annunciati non sono stati mantenuti”. “Un nuovo accordo di pace nella Repubblica del Sudan tra il governo e movimenti armati segna l’inizio di una nuova era”. In Afghanistan, sono iniziati i negoziati di pace dopo anni di sforzi”.

“In Siria, il cessate il fuoco a Idlib è in gran parte intatto. “In Medio Oriente esorto i leader israeliani e palestinesi a impegnarsi nuovamente in negoziati significativi che realizzeranno un due soluzioni statali”.

“In Libia, i combattimenti si sono attenuati ma il massiccio accumulo di mercenari e armi, mostra che il rischio di un nuovo confronto rimane alto”.

“In Ucraina, resta in vigore il regime di cessate il fuoco più recente, ma saranno fondamentali i progressi sulle questioni politiche e di sicurezza in sospeso nell’ambito del Gruppo di contatto trilaterale e del formato Normandy Four per attuare gli accordi di Minsk”.

“Nella Repubblica Centrafricana, l’accordo di pace dello scorso anno ha contribuito a ridurre in modo significativo la violenza”. “In Sud Sudan, abbiamo assistito a un preoccupante aumento della violenza intercomunitaria, ma il cessate il fuoco per lo più è stato mantenuto”. “In Yemen, siamo pienamente impegnati a riunire le parti per raggiungere un accordo sulla Dichiarazione Congiunta comprendente un cessate il fuoco a livello nazionale, misure di rafforzamento della fiducia economiche e umanitarie e la ripresa del processo politico”.

“Nelle aree in cui i gruppi terroristici sono particolarmente attivi, gli ostacoli alla pace saranno molto più difficili da superare”. “Sono particolarmente preoccupato per il fatto che gruppi terroristici ed estremisti violenti sfruttino la pandemia”.

“In molti luoghi, la pandemia associata a conflitti e sconvolgimenti sta infliggendo colpi paralizzanti alla sicurezza alimentare. Milioni di persone nella Repubblica Democratica del Congo, nel nord-est della Nigeria, nel Sud Sudan e nello Yemen sono a rischio di carestia”.

“Mi appello a un maggiore sforzo internazionale, guidato dal Consiglio di Sicurezza, per raggiungere un cessate il fuoco globale entro la fine di quest’anno. Abbiamo 100 giorni. L’orologio sta ticchettando”.

“Allo stesso tempo, dobbiamo fare di tutto per evitare una nuova guerra fredda. Ci stiamo muovendo in una direzione molto pericolosa. Il nostro mondo non può permettersi un futuro in cui le due maggiori economie dividano il globo in una Grande Frattura, ognuna con le proprie regole commerciali e finanziarie e capacità di Internet e di intelligenza artificiale. Un divario tecnologico ed economico rischia inevitabilmente di trasformarsi in un divario geostrategico e militare”.

Di fronte alla pandemia, le Nazioni Unite, “guidate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, hanno sostenuto i governi, in particolare nei paesi in via di sviluppo, per salvare vite umane e contenere la diffusione del virus”, fornendo un contributo in oltre 130 paesi. “Stiamo lavorando per promuovere trattamenti e terapie come un bene pubblico globale e sostenendo gli sforzi per un vaccino disponibile e accessibile ovunque”.

“Eppure, secondo quanto riferito, alcuni paesi stanno facendo accordi collaterali esclusivamente per le proprie popolazioni. Tale “vaccinazionalismo” non è solo ingiusto, è controproducente. Nessuno di noi è al sicuro, finché tutti noi non siamo al sicuro”. “Allo stesso modo, le economie non possono funzionare con una pandemia incontrollata. Fin dall’inizio, abbiamo spinto per un massiccio pacchetto di salvataggio del valore di almeno il 10% dell’economia globale”.

“Le donne sono colpite in modo sproporzionato dalla perdita di posti di lavoro”, “hanno meno risorse economiche su cui fare affidamento, perché i loro salari sono più bassi e hanno meno accesso ai benefici”. “Milioni di ragazze stanno perdendo la possibilità di avere un’istruzione e un futuro, poiché le scuole si chiudono e i matrimoni precoci sono in aumento”. “Se non agiamo ora, l’uguaglianza di genere potrebbe essere arretrata di decenni”. “Dobbiamo anche eliminare l’orribile aumento della violenza contro donne e ragazze”, poiché “durante la pandemia, dalla violenza domestica agli abusi sessuali, alle molestie online e al femminicidio”.

“Gli sforzi di recupero devono portare a un futuro migliore a partire da ora. La ripresa è la nostra occasione per reinventare le economie e le società”. “Ciò richiede un nuovo contratto sociale a livello nazionale e un nuovo accordo globale a livello internazionale”.

Ciò “significa stabilire una nuova generazione di protezione sociale, fornire accesso all’istruzione per tutti e sfruttare la tecnologia digitale, sistemi fiscali in cui tutti pagano la loro giusta quota, garantire la centralità dei diritti umani, pari diritti e opportunità”. “Un Nuovo Contratto Sociale sostenibile significa passare all’energia rinnovabile per raggiungere zero emissioni nette entro il 2050”.

“Ma per ridurre veramente fragilità e rischi e per risolvere più efficacemente i problemi condivisi, abbiamo bisogno di un New Global Deal a livello internazionale”, cioè garantire che i sistemi politici ed economici globali forniscano beni pubblici globali critici. Abbiamo enormi lacune nelle strutture di governance e nei quadri etici. Per colmare queste lacune, dobbiamo garantire che il potere, la ricchezza e le opportunità siano ampiamente ed equamente condivise”.

“Dobbiamo integrare i principi dello sviluppo sostenibile in tutti i processi decisionali, per spostare il flusso di risorse verso il verde, il sostenibile e l’equo. I sistemi finanziari globali devono muoversi in quella direzione. Il commercio deve essere libero ed equo, senza sussidi perversi e barriere che inclinano il campo di gioco contro le economie in via di sviluppo”.

“Più di settant’anni dopo, le istituzioni multilaterali hanno bisogno di un aggiornamento per rappresentare più equamente tutte le persone del mondo, piuttosto che dare un potere sproporzionato ad alcuni e limitare la voce di altri”. “Abbiamo bisogno di un sistema multilaterale che innovi costantemente, soddisfi le persone e protegga il nostro pianeta”.

“Il multilateralismo del XXI secolo deve essere collegato in rete, collegando le istituzioni globali attraverso settori e aree geografiche, dalle banche di sviluppo alle organizzazioni regionali e alle alleanze commerciali”. “Dev’essere inclusivo, ampliando il cerchio dell’impegno, attingendo alle capacità della società civile, delle regioni e delle città, delle imprese, delle fondazioni e delle istituzioni accademiche e scientifiche”.

“Per superare le fragilità e le sfide odierne abbiamo bisogno di più cooperazione internazionale, di una migliore governance globale”.

“La pandemia ha sconvolto il mondo, ma questo sconvolgimento ha creato spazio per qualcosa di nuovo. Idee, una volta considerate impossibili, sono improvvisamente sul tavolo”.

“L’azione su vasta scala non sembra più così scoraggiante; in pochi mesi, miliardi di persone hanno cambiato radicalmente il modo in cui lavorano, consumano, si muovono e interagiscono. Il finanziamento su larga scala si è improvvisamente dimostrato possibile, poiché sono stati impiegati trilioni di dollari per salvare le economie”.

“Nel commemorare il 75 ° anniversario delle Nazioni Unite, l’Assemblea generale mi ha invitato a riferire sulla nostra agenda comune per il futuro. Accolgo con favore questa opportunità per un processo di profonda riflessione. Riferirò l’anno prossimo con analisi e raccomandazioni su come possiamo raggiungere i nostri obiettivi condivisi”.

“Traiamo ispirazione dai nostri successi nella storia delle Nazioni Unite. Rispondiamo affermativamente ai movimenti per la giustizia e la dignità. Sconfiggiamo i cinque cavalieri e costruiamo il mondo di cui abbiamo bisogno: pacifico, inclusivo e sostenibile. La pandemia ci ha insegnato che le nostre scelte contano. Mentre guardiamo al futuro, assicuriamoci di scegliere con saggezza” ha concluso il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres.

(a cura di Alessandra Loiero)

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter