Cerca

OnuOnu

Commenti: Vai ai commenti

UNHCR: crisi umanitaria in Etiopia. Mark Lowcock: “sono sempre più preoccupato”

Ogni giorno circa 4000 etiopi, tra cui donne e bambini, fuggono dai combattimenti nella regione del Tigray per cercare sicurezza nel Sudan orientale

UNHCR/Hazim Elhag I rifugiati etiopi in fuga dagli scontri nella regione settentrionale del Tigray, riposano e cucinano i pasti vicino al centro di accoglienza di Hamdayet dell'UNHCR dopo essere entrati in Sudan.

La situazione in Etiopia continua a degenerare, preoccupando sempre di più le Nazioni Unite. Secondo l’UNHCR, durante il fine settimana, più di 27.000 etiopi si sono rifugiati in Sudan, attraversando i valichi negli stati di Kassala e Gedaref. L’entità dell’afflusso è la peggiore che una parte del paese abbia visto in oltre 20 anni. “Dal 10 novembre, circa 4.000 tra donne, uomini e bambini attraversano il confine, travolgendo la capacità di risposta umanitaria sul campo”, ha detto Babar Baloch, portavoce dell’UNHCR, informando i giornalisti a Ginevra. “I profughi in fuga dai combattimenti continuano a scappare con pochi effetti personali in cerca di salvezza”, ha aggiunto. Secondo le notizie, il primo ministro etiope Abiy Ahmed ha indicato che l’operazione militare, lanciata in risposta all’occupazione di una base militare governativa da parte delle forze del Tigray quasi due settimane fa, sarebbe continuata, anche se ha detto che era ora nella sua “fase finale”.

Crisi Umanitaria in Etiopia.
Una siccità in un campo a Makalle, nel nord dell’Etiopia, giace incosciente in attesa di cure mediche (UN Photo/John Isaac)

Le agenzie delle Nazioni Unite, insieme ai partner di soccorso, hanno intensificato l’assistenza, fornendo razioni di cibo, pasti caldi, acqua pulita e rifugi temporanei. Ma le esigenze continuano a crescere. Il Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite (WFP) sostiene anche altri operatori umanitari, fornendo carburante per veicoli e generatori in località remote. Anche il servizio aereo umanitario delle Nazioni Unite, gestito dal WFP, ha aumentato i voli da tre volte a settimana a voli giornalieri per gli operatori umanitari. Da sabato, l’UNHCR ha ricollocato 2.500 rifugiati dal confine al sito di insediamento di Um Raquba, nel Sudan orientale. Secondo Baloch, c’è tuttavia necessità di identificare più siti in modo che i rifugiati possano essere trasferiti lontano dal confine e possano accedere all’assistenza e ai servizi. L’UNHCR ha anche lanciato un appello di raccolta fondi di emergenza, attraverso il quale le persone possono aiutare a fornire assistenza urgente e salvavita ai rifugiati.

L’USG dell’OCHA al Consiglio di Sicurezza ONU Mark Lowcock

“Sono sempre più preoccupato per l’evoluzione della situazione umanitaria nel nord dell’Etiopia” ha affermato Mark Lowcock, vicesegretario generale delle Nazioni Unite per gli affari umanitari e coordinatore dei soccorsi di emergenza. “La situazione attuale aumenta i bisogni e la vulnerabilità della popolazione locale. Sta interrompendo il lavoro delle Nazioni Unite e di altre organizzazioni umanitarie. Chiedo il pieno accesso per raggiungere le persone bisognose ovunque si trovino; passaggio sicuro per i civili che cercano assistenza e sicurezza degli operatori umanitari, che devono essere in grado di fornire assistenza senza timore di attacchi. Le nostre priorità umanitarie nella regione sono la protezione dei civili, compresi i bambini; prevenzione della violenza di genere; fornitura di cibo, acqua pulita e assistenza sanitaria a coloro che ne hanno bisogno, compresi i civili sfollati a causa delle ostilità in corso. L’ONU si sta impegnando con il governo e le autorità competenti per facilitare l’accesso umanitario immediato e senza ostacoli. Ci impegniamo a restare e a fornire assistenza umanitaria”.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter